Il Cinquecento a Firenze, un tripudio di bellezza

Il Cinquecento a Firenze, un tripudio di bellezza

Un’altra mostra di grande impatto emotivo e sensoriale, quella in corso a Palazzo Strozzi a Firenze.

Fino al 21 gennaio 2018, difatti, Palazzo Strozzi custodirà nelle sue stanze una mostra di una bellezza straordinaria, dedicata appunto al patrimonio artistico fiorentino: “Il Cinquecento a Firenze”.

 

Palazzo Strozzi non è nuovo ad iniziative di tali portata, avendo già iniziato un percorso in tal senso a cura di Carlo Falciani ed Antonio Natali sfociato,  nel 2010, con la mostra dedicata al Bronzino e nel 2014 con quella dedicata a Pontormo e Rosso Fiorentino. 

Il Cinquecento a Firenze attraversa, complice una produzione artistica poderosa di opere e di artisti, una epoca di grande cultura e fermento intellettuale fatta di grande slancio religioso e resa imponente  del clima della controriforma.

Il Cinquecento a Firenze, un tripudio di bellezza

La magnificenza e la drammaticità quasi teatrale di molte opere in mostra sono giustificate, in una iperbole di colori e di espressioni, dal clima storico in cui furono realizzate, basti pensare al Concilio di Trento ed all’influsso di un personaggio della portata di Francesco I dé Medici, considerato un mecenate di ampie vedute e di grande generosità. 

La mostra a Palazzo Strozzi è da considerarsi imperdibile perché composta di ben settanta opere, distribuite fra dipinti e grandi sculture con ben quarantuno artisti esposti in sale,  a tema.

 

A Palazzo Strozzi si fonde il sacro ed il profano, si sposano l’ortodossia religiosa con il grottesco irriverente, la natura umana e quella divina, diventano un tutt’uno nell’estro artistico e nelle opere di parecchi artisti.

Presenti in mostra  grandi nomi come:  Michelangelo, Pontormo, Rosso Fiorentino, Vasari, Stradano, Zucchi, Cavalori, Macchietti e scultori del calibro di Giambologna, Ammannati, Danti. 

 

La mostra ha inoltre  beneficiato di tanti prestiti e di una campagna di restauri, ben 19 opere, per un costo di € 350.000,00 messi a disposizione dal fundraising privato, quale i Friends of Florence capitanati da Simonetta Brandolini d’Adda.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

L'Ultima Cena dopo Leonardo. L’interpretazione di sei artisti di fama internazionale da Nicola Samorì all’americano Robert Longo

L'Ultima Cena dopo Leonardo. L’interpretazione di sei artisti di fama internazionale da Nicola Samorì all’americano Robert Longo

Tra i molti omaggi, convegni, mostre e riletture critiche dedicate ora al Leonardo da Vinci pittore ora allo scienziato, nel cinquecentenario della...
Earlier Mona Lisa: in mostra a Firenze il ritratto della giovane Lisa Gherardini

Earlier Mona Lisa: in mostra a Firenze il ritratto della giovane Lisa Gherardini

Al buio nella sala delle Feste, a palazzo Bastogi, le principesse Natalia e Irina Strozzi, cittadine di Firenze e dirette discendenti di Lisa...
Un monito ambientalista attraverso le istallazioni fotografiche di Anne De Carbuccia a Firenze

Un monito ambientalista attraverso le istallazioni fotografiche di Anne De Carbuccia a Firenze

One Planet One Future utilizza il linguaggio universale dell’arte per sensibilizzare ed invitare le persone ad agire. L'obiettivo della sua...
Maurizio Romani, l’arte figurativa contemporanea esplora i confini tra realtà e fantasia

Maurizio Romani, l’arte figurativa contemporanea esplora i confini tra realtà e fantasia

Negli spazi del prestigioso Mu.Mi. (Museo Michetti) a Francavilla al Mare, la V Edizione di MumArt, a cura di Giuseppe Bacci, con l’omaggio al...
Collezione Casamonti, opere che raccontano il secondo Novecento

Collezione Casamonti, opere che raccontano il secondo Novecento

Circa 80 opere per raccontare il secondo Novecento italiano, e non solo. Opere che escono dalla personale collezione di Roberto Casamonti, gallerista...

Weekly in Italian

Recent Issues