Il Cinquecento a Firenze, un tripudio di bellezza

Il Cinquecento a Firenze, un tripudio di bellezza

Un’altra mostra di grande impatto emotivo e sensoriale, quella in corso a Palazzo Strozzi a Firenze.

Fino al 21 gennaio 2018, difatti, Palazzo Strozzi custodirà nelle sue stanze una mostra di una bellezza straordinaria, dedicata appunto al patrimonio artistico fiorentino: “Il Cinquecento a Firenze”.

 

Palazzo Strozzi non è nuovo ad iniziative di tali portata, avendo già iniziato un percorso in tal senso a cura di Carlo Falciani ed Antonio Natali sfociato,  nel 2010, con la mostra dedicata al Bronzino e nel 2014 con quella dedicata a Pontormo e Rosso Fiorentino. 

Il Cinquecento a Firenze attraversa, complice una produzione artistica poderosa di opere e di artisti, una epoca di grande cultura e fermento intellettuale fatta di grande slancio religioso e resa imponente  del clima della controriforma.

Il Cinquecento a Firenze, un tripudio di bellezza

La magnificenza e la drammaticità quasi teatrale di molte opere in mostra sono giustificate, in una iperbole di colori e di espressioni, dal clima storico in cui furono realizzate, basti pensare al Concilio di Trento ed all’influsso di un personaggio della portata di Francesco I dé Medici, considerato un mecenate di ampie vedute e di grande generosità. 

La mostra a Palazzo Strozzi è da considerarsi imperdibile perché composta di ben settanta opere, distribuite fra dipinti e grandi sculture con ben quarantuno artisti esposti in sale,  a tema.

 

A Palazzo Strozzi si fonde il sacro ed il profano, si sposano l’ortodossia religiosa con il grottesco irriverente, la natura umana e quella divina, diventano un tutt’uno nell’estro artistico e nelle opere di parecchi artisti.

Presenti in mostra  grandi nomi come:  Michelangelo, Pontormo, Rosso Fiorentino, Vasari, Stradano, Zucchi, Cavalori, Macchietti e scultori del calibro di Giambologna, Ammannati, Danti. 

 

La mostra ha inoltre  beneficiato di tanti prestiti e di una campagna di restauri, ben 19 opere, per un costo di € 350.000,00 messi a disposizione dal fundraising privato, quale i Friends of Florence capitanati da Simonetta Brandolini d’Adda.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Viaggio verso l’immortalità: il fascino delle mummie al Museo Archeologico Nazionale di Firenze

Viaggio verso l’immortalità: il fascino delle mummie al Museo Archeologico Nazionale di Firenze

Stefano Casciu, Direttore del Polo museale della Toscana, Maria Cristina Guidotti, Curatrice della Sezione “Museo Egizio” del Museo Archeologico...
Contaminazione tra le arti: Giornate della Fotografia all’Asinara

Contaminazione tra le arti: Giornate della Fotografia all’Asinara

Tre giornate dedicate alla fotografia all’Asinara dove cento persone, fotografi, filosofi, scrittori, storici e cineasti, storici e critici dell’arte...
Da Van Gogh a Picasso: la collezione Thannhauser da New York a Milano

Da Van Gogh a Picasso: la collezione Thannhauser da New York a Milano

La mostra della Fondazione Guggenheim di New York La collezione Thannhauser, da Van Gogh a Picasso in programma a Palazzo Reale dal 17 ottobre al 9...
Nel cinquecentenario della nascita, dipinti, incisioni, abiti e la sua armatura svelano Cosimo I, il primo Granduca di Firenze

Nel cinquecentenario della nascita, dipinti, incisioni, abiti e la sua armatura svelano Cosimo I, il primo Granduca di Firenze

In occasione del cinquecentenario della nascita del primo Granduca di Firenze, in mostra dipinti, incisioni, abiti e l’armatura dello stesso Principe...
A Siena è effetto Araki: 50 anni di fotografia in 2200 opere

A Siena è effetto Araki: 50 anni di fotografia in 2200 opere

È aperta a Siena, presso il complesso museale Santa Maria della Scala, una nuova grande mostra del maestro Nobuyoshi Araki (Tokyo, 1940). L’...

Weekly in Italian

Recent Issues