Anche per gli Italiani all'estero c'è lo Spid, Sistema Pubblico per la Gestione dell’Identità Digitale

Anche per gli Italiani all'estero c'è lo Spid, Sistema Pubblico per la Gestione dell’Identità Digitale

Dopo le consultazioni tra Farnesina Agenzia per l'Italia Digitale (AgID), è stato concordato come anche i cittadini italiani residenti all'estero possano ottenere le credenziali del Sistema Pubblico per la Gestione dell’Identità Digitale (SPID).
Diverse sedi diplomatico-consolari hanno quindi cominciato a pubblicare sui loro siti ufficiali una nota con le modalità per “generare” la propria identità elettronica, anche se si è residenti all’estero.
Lo SPID è il sistema di autenticazione che permette ai cittadini e alle imprese di accedere con un'identità digitale unica ai servizi online della Pubblica Amministrazione e dei privati aderenti. 
Attualmente sono 3783 le amministrazioni aderenti, 4183 i servizi online accessibili con SPID e 1.831.000 gli italiani o le imprese dotate di identità SPID. 
L’identità SPID è costituita da credenziali che vengono rilasciate all'utente dai Gestori di Identità Digitale ("Identity Provider" - IdP) accreditati dall'Agenzia per l'Italia Digitale (AgID).

COME SI RICHIEDONO LE CREDENZIALI SPID
La richiesta delle credenziali SPID avviene tramite registrazione sul sito di uno degli IdP accreditati (attualmente Aruba, InfoCert, Namirial, Poste Italiane, Register, Sielte e TIM). 
SPID è al momento gratuito, ma alcuni IdP offrono anche modalità di registrazione a pagamento.
L'ottenimento dell'identità SPID è subordinata ad una identificazione del richiedente de visu (identificazione non necessaria tuttavia se l'utente è dotato di carta d'identità elettronica, Carta Nazionale dei Servizi o se utilizza una firma elettronica qualificata per sottoscrivere la richiesta).

Ciascun IdP offre diverse modalità per richiedere e ottenere SPID e l'utente può così scegliere liberamente il soggetto che consente di completare la procedura in maniera più semplice. 
Per i cittadini italiani residenti all'estero, Aruba, Infocert, Poste, Tim e Sielte prevedono forme di identificazione totalmente online tramite webcam. Tra questi, forniscono tale servizio a titolo gratuito Sielte e TIM (quest'ultima, fino al 31/12/2017).

SPID PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO
I cittadini italiani all'estero possono ottenere l'identità digitale SPID purché abbiano a disposizione i documenti necessari, vale a dire tessera sanitaria con codice fiscale e un documento d'identità valido (emesso da un'autorità italiana). In assenza della tessera sanitaria, si potrà esibire il tesserino del codice fiscale (quello che nel retro riporta il "Numero di identificazione della tessera") o, se sprovvisti di codice fiscale, se ne potrà fare richiesta all'Agenzia delle Entrate per il tramite dell'Ufficio consolare di riferimento. 

Farà in tal caso fede il certificato prodotto dall'Agenzia delle Entrate contenente il codice fiscale, vidimato dall'Ufficio consolare. 
A partire dal 1 ottobre 2018 gli Stati membri dell’Unione Europea dovranno riconoscere i mezzi di identificazione elettronica delle persone fisiche e giuridiche che rientrano in un regime notificato di identificazione elettronica di un altro Stato membro. I connazionali dotati di SPID potranno pertanto accedere ai servizi online erogati in un altro Paese UE e, analogamente, cittadini europei dotati di identificazione elettronica potranno avere accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Salvi olio, pasta e vino: gli Usa (principale mercato extraUe) non inaspriranno i dazi sull’agroalimentare made in Italy

Salvi olio, pasta e vino: gli Usa (principale mercato extraUe) non inaspriranno i dazi sull’agroalimentare made in Italy

Olio, pasta e vino non saranno penalizzati dalla revisione delle liste di merci Ue colpite dai dazi Usa. Il dipartimento del Commercio Statunitense...
Resta il pericolo dazi ma il mercato Usa è necessario, strategico e non sostituibile per l'export italiano

Resta il pericolo dazi ma il mercato Usa è necessario, strategico e non sostituibile per l'export italiano

L’Italia esce indenne dall’ultimo giro di valzer sui dazi: nessun nuovo prodotto Made in Italy entra nella lista rivista di quelli soggetti a nuove...
Nonostante l'incognita dazi Usa, la produzione dei vini certificati Doc e Docg della Toscana vola sui mercati esteri

Nonostante l'incognita dazi Usa, la produzione dei vini certificati Doc e Docg della Toscana vola sui mercati esteri

Oltre il 50% della produzione certificata DOC e DOCG della Toscana vola sui mercati esteri, rappresentando circa il 19% del totale export di vini DOP...
Nel carrello della spesa delle famiglie italiane sempre più Asiago Dop

Nel carrello della spesa delle famiglie italiane sempre più Asiago Dop

La diffusione del coronavirus espone l’economia mondiale e quella italiana ad un crescente rischio di rallentamento. La Cina, dopo Stati Uniti e...
Profondo rosso per l'export dei vini italiani (-7%) a causa dei Dazi Usa

Profondo rosso per l'export dei vini italiani (-7%) a causa dei Dazi Usa

I dazi statunitensi mettono nel caos l’export del vino. E a farne le spese, a dicembre, non sono solo i Paesi penalizzati in dogana ma anche l’Italia...

Weekly in Italian

Recent Issues