Del Duca, l’abruzzese pioniere del diritto internazionale Usa

Del Duca, l’abruzzese pioniere del diritto internazionale Usa

Luigi “Louis F.” Del Duca, uno dei massimi esperti di diritto internazionale degli Stati Uniti, era abruzzese. Nacque a Lama dei Peligni il 2 luglio del 1926, da Domenico (n.1893) e Chiara “Chiarina” Persichetti (n. 1895).

Il padre decise di emigrare, alla ricerca del “sogno Americano”, per gli Stati Uniti. La famiglia Del Duca arrivò ad “Ellis Island” nel 1929 a bordo del transatlantico “Presidente Wilson”. Il padre trovò lavoro nella piccola cittadina mineraria di Minersville in Pennsylvania.  Luigi “Louis” aveva una sorella più grande Isabella, nata nel 1922, mentre un’altra fratellino Luigi Leonardo era morto appena dopo la nascita nel 1921.

Sin da ragazzo Luigi mostrò una straordinaria propensione per lo studio. A questa accompagnò la grande passione per il flauto che lo vedrà, durante la Seconda Guerra Mondiale, far parte della banda della “U.S. Navy”. Studiò alla “Temple School” (1950) e conseguì la laurea in legge all’Università di Harvard (1952) e un’altra all’Università di Roma (1954), quest’ultima grazie ad una borsa di studio della Commissione Fulbright che favorisce gli scambi accademici tra Stati Uniti ed Italia. La sua carriera di avvocato e professore fu sempre in costante ascesa. Lavorò, per un periodo nel 1955, nello Studio “Montgomery & McCracken”. Poi decise di donarsi all’insegnamento. Diverrà il professore più longevo, quasi 50 anni, e di certo più stimato della prestigiosa Università “Penn State’s Dickinson Law” della Pennsylvania.

Era riconosciuto, a livello internazionale, come uno dei massimi esperti di diritto internazionale, commerciale e soprattutto come il massimo esponente della internazionalizzazione e della formazione giuridica tra i vari paesi.

Venne ritenuto il vero “pioniere” dell’armonizzazione delle varie legislazioni nazionali e della globalizzazione di formazione giuridica. Ha preparato per i corsi di laurea di diritto comparato della Facoltà di Giurisprudenza futuri avvocati provenienti da tutto il mondo. Istituì il primo programma internazionale con l'Università di Firenze e a seguire con programmi simili a Vienna e Strasburgo.

Membro dell'Istituto di Diritto Americano e della Commissione Americana per la Legge sul Commercio Internazionale, il professor Del Duca fu anche Presidente dell'Accademia internazionale della legge commerciale e dei consumatori ed è stato il collaboratore degli Stati Uniti all'Istituto romano per l'unificazione della legge privata (UNIDROIT). Sposò Francesca Horan dalla quale ebbe tre figli. Il Professor Del Duca morì il 27 novembre del 2015.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Italia che cambia: il 90 % dei figli della seconda generazione si sente al 100% italiano

Italia che cambia: il 90 % dei figli della seconda generazione si sente al 100% italiano

C'è un'Italia che cambia volto con l'integrazione ma risulta che il 90 % dei figli della seconda generazione si sente al 100% italiano. L’...
La Villa Visconti Borromeo Litta, i giardini all’italiana e la musica rinascimentale

La Villa Visconti Borromeo Litta, i giardini all’italiana e la musica rinascimentale

Dedicato alla storica Villa Visconti Borromeo Litta il duplice evento in programma a Washington DC, nella sede dell’Ambasciata d’Italia composto di...
Iroso spegne 40 candeline: festa per l'ultimo mulo militare che ha servito gli Alpini

Iroso spegne 40 candeline: festa per l'ultimo mulo militare che ha servito gli Alpini

Come un alpino. E’ stato festeggiato con tutti gli onori, Iroso, l'ultimo mulo in vita che ha prestato servizio nell'Esercito Italiano nel corpo...
Identificato il soldato che salvò Hemingway

Identificato il soldato che salvò Hemingway

Sul Piave, nel 1918, un colpo di mortaio investì il futuro premio Nobel per la letteratura ma un fante italiano protesse Ernest Hemingway,...
La società contadina molisana e la figura misteriosa dell'Accabadora

La società contadina molisana e la figura misteriosa dell'Accabadora

Era realmente presente una figura chiamata ad aiutare il moribondo a porre fine alle sue sofferenze? Non lo sapremo mai. È possibile che in passato,...

Weekly in Italian

Heritage

Recent Issues