Sempre più stranieri visitano il Belpaese e aumentano le prenotazioni statunitensi

Sempre più stranieri visitano il Belpaese e aumentano le prenotazioni statunitensi

Crescono le località ‘minori’ come nuove destinazioni turistiche: le presenze a Bari sono aumentate del 45%

 
 
 
Molto buone le previsioni per il turismo italiano. Lo dice l’Enit secondo cui il 2016 “mostra un incremento costante dei flussi turistici internazionali per il settimo anno consecutivo”. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale del Turismo, nei primi 9 mesi gli arrivi sono aumentati del 3,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso: tra le macro-aree, l'Asia e Pacifico registra la crescita più robusta (9,3%), seguono l'Africa (8,4%), le Americhe (4,4%) e l'Europa (1,6%); negativo invece il trend per il Medio Oriente (-6,4%).
Per la Destinazione Italia, il bilancio 2016 appare improntato al consolidamento dei flussi stranieri sulla scia del 2015, anno particolarmente positivo con 55.033.682 arrivi (+6,6%) e 192.607.930 presenze (+3,1%) secondo i dati Istat.
 
Il buon risultato 2016 è confermato anche dalla performance degli introiti turistici: nel periodo gennaio-settembre la spesa dei viaggiatori stranieri in Italia, pari a 29.868 milioni di euro, è cresciuta del 3,7% rispetto allo stesso periodo del 2015 secondo i dati di Banca d’Italia.
Il Monitoraggio Enit relativo al periodo natalizio 2016 ha coinvolto 149 Tour Operator - 63 europei e 86 di oltreoceano - presenti in ben 21 mercati stranieri.
 
Gli operatori hanno indicato i trend di vendita della destinazione Italia per il periodo natalizio che mostrano una generale stabilità: il 48,6% dei Tour Operator dichiara vendite stabili rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, il 36,4% afferma che sono in aumento ed il restante 15% indica una flessione.
Da dati Amadeus Travel Intelligence emerge che le prenotazioni dei voli diretti in Italia per dicembre 2016 sono incrementate del 6,2% rispetto allo stesso mese del 2015, percentuale che sale al 23% se si considera il segmento “luxury”.
 
Per i mesi di ottobre e novembre 2016 crescono le ricerche dell’Italia turistica e delle sue città sul motore di ricerca Google da parte dei nostri principali mercati di origine rispetto agli stessi mesi del 2015, soprattutto per quelle località “minori” non considerate come principali mete turistiche italiane (la città di Bari, ad esempio, cresce del 45,1%).
In aumento le prenotazioni da Spagna con +24% e da Stati Uniti con +15% tra i Paesi che scelgono tradizionalmente le nostre destinazioni. Favorite le città d’arte con Firenze che registra un +11% seguita da Roma, Milano e Venezia con +7,8%.
 
In salita anche il segmento “lusso” che segna un aumento del +23% con prenotazioni dalla Germania (+62%), Spagna (+60%), Russia (+27%), Uk (+27%) e Usa (+19%).
Tre le favorite dai “top spender” l’Enit segnala Napoli con un +36% e Torino con +23,90%. 
 
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Salvi olio, pasta e vino: gli Usa (principale mercato extraUe) non inaspriranno i dazi sull’agroalimentare made in Italy

Salvi olio, pasta e vino: gli Usa (principale mercato extraUe) non inaspriranno i dazi sull’agroalimentare made in Italy

Olio, pasta e vino non saranno penalizzati dalla revisione delle liste di merci Ue colpite dai dazi Usa. Il dipartimento del Commercio Statunitense...
Resta il pericolo dazi ma il mercato Usa è necessario, strategico e non sostituibile per l'export italiano

Resta il pericolo dazi ma il mercato Usa è necessario, strategico e non sostituibile per l'export italiano

L’Italia esce indenne dall’ultimo giro di valzer sui dazi: nessun nuovo prodotto Made in Italy entra nella lista rivista di quelli soggetti a nuove...
Nonostante l'incognita dazi Usa, la produzione dei vini certificati Doc e Docg della Toscana vola sui mercati esteri

Nonostante l'incognita dazi Usa, la produzione dei vini certificati Doc e Docg della Toscana vola sui mercati esteri

Oltre il 50% della produzione certificata DOC e DOCG della Toscana vola sui mercati esteri, rappresentando circa il 19% del totale export di vini DOP...
Nel carrello della spesa delle famiglie italiane sempre più Asiago Dop

Nel carrello della spesa delle famiglie italiane sempre più Asiago Dop

La diffusione del coronavirus espone l’economia mondiale e quella italiana ad un crescente rischio di rallentamento. La Cina, dopo Stati Uniti e...
Profondo rosso per l'export dei vini italiani (-7%) a causa dei Dazi Usa

Profondo rosso per l'export dei vini italiani (-7%) a causa dei Dazi Usa

I dazi statunitensi mettono nel caos l’export del vino. E a farne le spese, a dicembre, non sono solo i Paesi penalizzati in dogana ma anche l’Italia...

Weekly in Italian

Recent Issues