Funerali ad Amatrice. Il vescovo: 'Uccidono le opere dell'uomo'

Funerali ad Amatrice. Il vescovo: 'Uccidono le opere dell'uomo'

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella abbraccia una parente di una vittima del terremoto

Ad Amatrice, nelle tensostrutture allestite nel cortile dell’istituto Don Minozzi, il vescovo di Rieti Domenico Pompili ha celebrato i funerali solenni di 28 delle vittime del terremoto del 24 agosto. La cerimonia si è svolta alla presenza delle più alte cariche dello Stato: il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, i presidenti di Camera e Senato Laura Boldrini e Pietro Grasso, come già era avvenuto ad Ascoli Piceno.

Durante il pomeriggio è stato incessante l’afflusso di parenti e amici delle vittime, a cui il volontariato di Protezione Civile ha fornito assistenza costante. Nell'omelia, Monsignor Domenico Pompili ha ricordato come siano le opere dell'uomo a uccidere e non il terremoto e ha espresso l'auspicio che nei luoghi colpiti dal sisma torni a rivivere la bellezza: "I terremoti esistono da quando esiste la terra. I paesaggi, le montagne, l'acqua dolce, tutto è dovuto ai terremoti. Neanche l'uomo esisterebbe senza i terremoti, il terremoto non uccide. Uccidono le opere dell'uomo".

Soprattutto se, come stanno dimostrando i primi sopralluoghi, molte costruzioni erano prive di regolari certificati antisismici.

Un'omelia intensa che ha invitato a guardare avanti. La ricostruzione non dev'essere "una 'querelle politica' o una forma di sciacallaggio di varia natura, ma deve far rivivere una bellezza di cui siamo custodi".

Al termine della funzione, dopo la benedizione delle salme, la comunità di Amatrice ha dedicato un lungo e commosso applauso alle sue vittime, seguito da decine di palloncini bianchi liberati verso il cielo.

In concomitanza con le esequie, la presidenza del Consiglio ha disposto una giornata di lutto nazionale con l’esposizione delle bandiere italiana ed europea a mezz’asta sugli edifici pubblici dell’intero territorio nazionale.

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Negli ultimi quarant’anni l’atmosfera italiana è diventata più limpida: lo dicono i ricercatori del Cnr

Negli ultimi quarant’anni l’atmosfera italiana è diventata più limpida: lo dicono i ricercatori del Cnr

Negli ultimi quarant’anni l’atmosfera in Italia è diventata più limpida, e l’aria può considerarsi “più pulita”: queste le conclusioni a cui sono...
Dall'invenzione del microprocessore alla scienza della consapevolezza: anteprima americana con Federico Faggin a San Francisco

Dall'invenzione del microprocessore alla scienza della consapevolezza: anteprima americana con Federico Faggin a San Francisco

Sarà la Fugazi Hall di San Francisco ad ospitare martedì 3 settembre, dalle ore 18.30 alle 20.30, l'anteprima americana del libro “Silicio. Dall'...
Il mare restituisce la storia più antica: a Reggio Calabria un giacimento sommerso di anfore antiche

Il mare restituisce la storia più antica: a Reggio Calabria un giacimento sommerso di anfore antiche

A Reggio Calabria dal 5 al 9 agosto lungo il tratto della Via Marina, nello specchio di mare compreso tra il monumento a Vittorio Emanuele e il Lido...
L’eredità morale di Paolo Borsellino: la famiglia, Palermo e il suo mondo denso di umanità e giustizia

L’eredità morale di Paolo Borsellino: la famiglia, Palermo e il suo mondo denso di umanità e giustizia

Parafrasando Einstein, se il tempo può essere definito come una dilatazione dello spazio, allora ogni istante può essere nullo oppure infinito. Per...
Addio a De Crescenzo, l'ingegnere che divulgò la filosofia con un autentico e geniale tocco di napoletanità

Addio a De Crescenzo, l'ingegnere che divulgò la filosofia con un autentico e geniale tocco di napoletanità

Dopo la scomparsa dell’ingegnere-filosofo napoletano Luciano De Crescenzo, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha rilasciato questa...

Weekly in Italian

Recent Issues