Ricercata e originale: la moda maschile italiana a New York e Las Vegas

Ricercata e originale: la moda maschile italiana a New York e Las Vegas

Una collettiva di 46 aziende italiane per un totale di 54 marchi partecipa al MrKet Trade Show di New York (Ph Jenna Bascom)

Nuovo appuntamento internazionale per le imprese della moda maschile italiana che, grazie all’Ice-Agenzia, si spostano a New York per la prima tappa statunitense del MRket Trade Show, dove verranno presentate le collezioni primavera/estate 2017 del segmento classico di alto livello e degli accessori uomo.
 
Apputamento al Javits Convention Center di New York per la collettiva composta da 46 aziende italiane per un totale di 54 marchi tra cui: 070 Studio-Landi, Alessandro Gherardi, Alessandrosimoni, Alpetora/G. Manzoni, Arcuri Ties, Belts + di Piazza Stefano, Borean Men’s Couture, Bresciani 1970, Bretelle & Braces, Calabrese 1924, Caliban, Di Bello by Nipal, Dolcepunta, Fabio D – Fabio Dei Velapazza, Filippo De Laurentiis, Flannel Bay, Fly3, Gallia, Gallotti, Gianni Gallucci Atelier, Gimo’s, GiosBrun Roma Parioli, Impulso, Italo Ferretti, Italwear/A. Bossi, Lorenzoni, Luciano Moresco, Maledetti Toscani, Marchesi Di Como, Milano 140, Misternic Cashmere, Mon Art, Montaliani, Montechiaro, Paolo Albizzati, Paolo Vitale, Pasotti, Puccio Di Piero, Renco Big and Tall, Silvio Fiorello, Taccaliti Shirts, Teleria Zed, Turms, Umberto Vallati,Vitaliano, Zanni, Zenobi.
 
Il MRket Trade Show si svolge due volte l’anno nelle città di Las Vegas (dal febbraio 2008) e di New York (dal luglio 2009), confermandosi quale appuntamento d’oltreoceano più importante per la moda maschile dedicata al consumatore dal gusto ricercato, che ama vestire in modo classico, senza trascurare gli ultimi dettami dello stile. 
 
Per entrambe le tappe, l’Ice-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, dedica agli espositori italiani aderenti alla Collettiva un’area interamente destinata al Made in Italy, resa ancor più esclusiva da un allestimento personalizzato che li distingue rispetto ai concorrenti di altri Paesi.  
 
Le aziende della collettiva espongono una vasta gamma di prodotti: dal classico sartoriale, all’abbigliamento sportivo, con una particolare attenzione a capospalla e ad accessori come cravatte, sciarpe e cappelli. Ben rappresentate anche le aziende di camiceria, maglieria, calzetteria e calzature. All’interno dell’area predisposta da Ice Agenzia per i partecipanti italiani, sarà presente un Meeting Point, che offrirà sostegno tecnico e commerciale aggiuntivo sia ai visitatori che agli espositori. 
 
L’idea della rassegna è quella di essere, per i buyers che fanno tappa a New York, un’occasione di contatto con il meglio della moda internazionale. Soprattutto, se non si ha o non si è avuta la possibilità di partecipare alle sfilate e alle rassegne di settore italiane. MRket porta “the best of bella Italia” nel cuore della Grande Mela in un ambito palcoscenico per le migliori collezioni di abbigliamento maschile, sportivo, calzature e accessori di marchi statunitensi e non solo, attraverso  una selezione di manifatture provenienti da quello che viene da sempre considerato la “Mediterranean’s menswear mecca”. 
 
Merito della inappuntabile attenzione ai dettagli e alla qualità, dell’eccellenza e dell’eleganza che cementa, passerella dopo passerella, la reputazione della “world’s finest fashion”.
MRket è uno dei pochi appuntamenti che negli Stati Uniti dà risalto al made in Italy con un’area specifica volta a trasmetterne i valori e la qualità. Peraltro è proprio nell’abbigliamento e negli accessori uomo che si esalta la leadership italiana, riconosciuta dai produttori internazionali che si affidano alla maestria e artigianalità italiana per creare i loro capi più pregiati, distintivi e apprezzati dai consumatori americani più sofisticati.
 
Il prodotto italiano continua ad essere ricercato, soprattutto tra gli americani, per la ricerca dei materiali e la gestione familiare di molte case di produzione che garantisce l’originalità delle manifatture. Una capacità che, senza improvvisazione, può contare su una lunga tradizione e su una altrettanto lunga storia produttiva che assicura la conoscenza dell’intera filiera dal filato  alla confezione, condizione che rappresenta sul mercato internazionale un inequivocabile vantaggio competitivo.  
 
Mediamente MRket Trade Show è meta privilegiata per 3.000 operatori dell’abbigliamento maschile provenienti da Stati Uniti, Canada e America Centrale che visitano la rassegna per conoscere da vicino gli operatori del settore e visionare in anteprima le collezioni Prmavera-Estate dei principali marchi mondiali.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

L’inganno a tavola: negli Stati Uniti il 90% dei formaggi di tipo italiano è prodotto in California e Wisconsin

L’inganno a tavola: negli Stati Uniti il 90% dei formaggi di tipo italiano è prodotto in California e Wisconsin

E’ salito ad oltre 100 miliardi il valore del falso Made in Italy agroalimentare nel mondo con un aumento record del 70% nel corso dell’ultimo...
Emilia Romagna, ultima vittima del maltempo estremo di primavera: danni per l'agricoltura italiana

Emilia Romagna, ultima vittima del maltempo estremo di primavera: danni per l'agricoltura italiana

Emilia Romagna in ginocchio: fiumi esondati, frane e smottamenti. Ma è solo l’ultimo dei 175 eventi climatici estremi che, dall’inizio della...
Innovazione nel food: in 10 anni 5mila brevetti made in Italy nell’agroalimentare

Innovazione nel food: in 10 anni 5mila brevetti made in Italy nell’agroalimentare

Dall’apparecchio scuotitore per la raccolta della frutta dagli alberi a quello per la pulitura delle croste di formaggio, dal procedimento per la...
 Filiera Italia a rischio per i dazi Usa: sarà colpito il 50% di alimentari e bevande

Filiera Italia a rischio per i dazi Usa: sarà colpito il 50% di alimentari e bevande

Parte ufficialmente la procedura per far scattare i dazi Usa nei confronti dell’Unione Europea con la richiesta alle parti interessate di partecipare...
Stati Uniti, mercato di riferimento dell’italian food ma c'è il freno dell'Italian Sounding

Stati Uniti, mercato di riferimento dell’italian food ma c'è il freno dell'Italian Sounding

Volano del 10% le esportazioni di cibo Made in Italy nel mondo che a febbraio fanno registrare un balzo record rispetto allo stesso periodo dell’anno...

Weekly in Italian

Recent Issues