Differenze di significato da ‘tenere ben a mente’ nei modi di dire

Differenze di significato da ‘tenere ben a mente’ nei modi di dire
Le espressioni napoletane: “Tieni mente” e “tieni a mmente” sembrano identiche; eppure il loro significato è completamente diverso. Rese in italiano corrisponderebbero – più o meno – a: “poni mente” (guarda con attenzione) e “conservalo nella mente” (tienilo a mente, ricordati).
 
Esse sono due perifrasi, giro di parole, due o più parole al posto di un unico vocabolo, come tante volte decidiamo di utilizzare. Nel primo caso: “Guarda!”. Nel secondo: “Ricorda!”. 
La perifrasi, una volta consolidatasi con l’uso, diviene poi una espressione idiomatica (modo di dire caratteristico di una data lingua).  Dicono che la lingua francese sia ricca di espressioni idiomatiche: adesso possiamo dire che anche il napoletano non è da meno. 
 
Confrontando le due perifrasi, quella napoletana e quella italiana, dobbiamo constatare – noi bilingui che conosciamo bene entrambe le lingue – che le due espressioni idiomatiche napoletane, pur equivalendosi alle corrispondenti della lingua italiana, hanno tuttavia una leggera differenza di significato che ne evidenzia la peculiarietà. Perché, se dico: “Tieni mente!” (napoletano), inequivocabilmente io voglio dire, “Guarda!”. Ma se dico: “Poni mente” (italiano) forse voglio dire: “Presta attenzione!” Più simile, invece sono: “Tieni a mmente” (napoletano) e “Conservalo nella mente” (italiano). Ben altra cosa, però, intendo dire, se ripeto due volte l’espressione “Tiene mente”. 
 
E qui ci vorrebbe il grande Eduardo (De Filippo), a spiegarcelo, come sa fare mirabilmente nel finale del III atto della sua commedia “Uomo e galantuomo”, quando, lisciandosi i baffi, conclude:  “Una cosa che solo noi napoletani sappiamo quello che significa, quando uno dice: “Tieni mente, … tieni mente!”. 
E ribadisce, quasi a mo’ di risposta ad una domanda sottintesa. “Significa: Tieni mente! … tieni mente!” 
Lo spieghiamo per chi napoletano non è. È come se uno dicesse: “Ma tu guarda un po’ che mi doveva capitare di incontrare …” o giù di lì.
 
E concludo. Le espressioni idiomatiche sono dei modi di dire, vere creazioni originali, pure invenzioni poetiche, giocate sulla metafora e l’analogia, i cui stilemi si standardizzano mediante il loro uso fino e diventano familiari come formule fisse. Esse sono prezioso patrimonio di frammenti linguistici, e tracciano la storia della sensibilità del popolo e della sua originalità. 
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Dopo Caravaggio. Il Seicento napoletano in mostra a Prato

Dopo Caravaggio. Il Seicento napoletano in mostra a Prato

"Dopo Caravaggio. Il Seicento napoletano nelle collezioni di Palazzo Pretorio e della Fondazione De Vito" è il titolo della mostra organizzata dal...
Corrado Cagli, l’esilio americano e il suo laboratorio eclettico

Corrado Cagli, l’esilio americano e il suo laboratorio eclettico

C'è tutto il suo eclettico laboratorio di idee in questo percorso ricco di circa 200 opere fra dipinti, disegni, sculture, ceramiche, illustrazioni,...
L'influenza della rivoluzione digitale sulla generazioni di artisti che l'ha vissuta: Visio a Firenze

L'influenza della rivoluzione digitale sulla generazioni di artisti che l'ha vissuta: Visio a Firenze

L’arte contemporanea torna a Palazzo Strozzi dal 13 novembre al 1 dicembre con la mostra Visio. Moving Images After Post-Internet, che riunisce le...
Dopo un secolo di attesa Modigliani torna nella sua Livorno

Dopo un secolo di attesa Modigliani torna nella sua Livorno

Si è appena aperta la grande mostra retrospettiva di Amedeo Modigliani (1884-1920) a Livorno, città natale dell'artista, in occasione del centesimo...

Opere monumentali sul mistero ultimo dell’artista visivo Mario Vespasiani 

Al MuMi Museo Michetti di Francavilla al Mare, Chieti, mostra personale di Mario Vespasiani dal titolo Eschatology - opere monumentali sul mistero...

Weekly in Italian

Recent Issues