Il corpo come linguaggio espressivo nel bagaglio artistico di Bianconi

Il corpo come linguaggio espressivo nel bagaglio artistico di Bianconi

Andrea Bianconi in “Tunnel City” e in “A Charmed Life”. Nella personale “You and myself”, bilancio di 10 anni di attività artistica, vuole stanare il soggetto che si nasconde nell'altro

Con “You and Myself” Andrea Bianconi (Vicenza, 1974) torna a Novate Milanese occupando gran parte delle stanze di Casa Testori, con il suo bagaglio di performance lungo dieci anni in cui l’artista impiega il corpo come linguaggio espressivo e matrice di segno. 
 
Un segno che non cerca l'esibizione spettacolare, la rivelazione provocatoria, ma che acquisisce il proprio essere e la propria identità, cessando di essere segno di qualche cosa. È come se non avesse niente da dire, ma solo una serie di eventi da suggerire, da far intuire. 
 
Nelle sue performance siamo invitati a cercare anche ciò che non c'è (che non si vede, che non si sente), a intuire l'alternativa possibile, l'altra faccia del mondo. A stanare il soggetto che si nasconde nell'altro (o nell'altrove). Il myself che si con-fonde con you. 
 
La sua è la poetica dello spostamento e della transizione continua. 
La mostra ripercorre l'intero iter performativo di Bianconi: accanto ad azioni poste sotto il segno del ludico (della sorpresa, dello stupore), ad azioni minimali, sommesse, incantatorie, Bianconi sviluppa altre performance che implicano autentiche “recite collettive”. L’artista non si pone stretti limiti disciplinari, regole, gerarchie, se non quelli di aprirsi all'altro, al pubblico, per destare stupore, incredulità, interrogativi. 
 
Spesso, la performance di Bianconi ha a che fare con una sorta di “divertimento artistico”: è una gag, una serie di gesti apparentemente gratuiti, di risibili azioni ludiche. Alla pari degli attori dei film muti (o dei bambini) a lui piace nascondersi e apparire in scena all'improvviso. Soprattutto le maschere fanno la loro apparizione come strumenti di difesa, di fuga, di falsità. In Trap for the Minds (del 2012), l'artista se le mette e se le toglie ossessivamente, fino ad arrivare all'ultima che non è altro che la riproduzione della sua stessa faccia. 
 
E molte sono le immagini delle “trappole” di cui Bianconi dissemina i luoghi delle sue performance: scatole, specchi, gabbie, maschere che spesso vengono indossate dai protagonisti, senza che si capisca mai fino in fondo se, questo, avvenga per rinchiudersi, isolarsi o per vivere l'esperienza della dispersione, dello sconfinamento, delle associazioni imprevedibili.
 
Andrea Bianconi vive e lavora tra Vicenza e Brooklyn. Alla 5° Biennale di Mosca ha realizzato una public performance tra la Piazza Rossa, il Cremlino e il Manege. Tra le sue recenti esposizioni Msk Ghent, Houston, Valencia, Madrid, New York, United Arab Emirates, Basilea, Palazzo Reale, Milano, Shanghai. Nel 2011 la sua prima monografia, nel 2012 il suo primo libro d'artista “Romance” e nel 2013 il secondo dal titolo “Fable”. Entrambi fanno parte della collezione del MoMa New York.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini, la città gioiello nel magico filtro della pittura

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini, la città gioiello nel magico filtro della pittura

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio...
Il cuore sulla montagna di Ulassai: omaggio all'arte di Maria Lai

Il cuore sulla montagna di Ulassai: omaggio all'arte di Maria Lai

Il 21 Settembre, sulla montagna di Ulassai, è prevista l’inaugurazione di un’opera site-specific di carattere permanente che entrerà a far parte...
Il viaggio di Bernardo Bellotto in Toscana: a Lucca escursione nel vedutismo settecentesco

Il viaggio di Bernardo Bellotto in Toscana: a Lucca escursione nel vedutismo settecentesco

La mostra dell’autunno della Fondazione Ragghianti di Lucca, dedicata al pittore veneziano Bernardo Bellotto (1722-1780), nipote di Canaletto, è al...
L'incanto del piccolo sepolcreto etrusco ritrovato nel 1841 a Galassina di Castelvetro alla mostra archeologica di Modena

L'incanto del piccolo sepolcreto etrusco ritrovato nel 1841 a Galassina di Castelvetro alla mostra archeologica di Modena

La Galleria Estense di Modena ospita una mostra che documenta la presenza etrusca nel territorio modenese. L’esposizione si concentra sul piccolo...
Un nuovo museo a Firenze, tutto incentrato sulla famiglia dei Medici

Un nuovo museo a Firenze, tutto incentrato sulla famiglia dei Medici

Ad appena venticinque anni Samuele Lastrucci, maestro di musica, direttore d'orchestra e appassionato di musica barocca, ha aperto un museo a Firenze...

Weekly in Italian

Recent Issues