Suggerimenti di sopravvivenza milanese

Suggerimenti di sopravvivenza milanese

Mangiare può costare caro ma ci sono tante soluzioni economiche e alla portata di tutte le tasche. Basta conoscere le zone e i propri gusti (Ph. L.Rossi)

Milano è da tempo considerata una  delle  mete da visitare assolutamente. Probabilmente è anche merito dell’Expo 2015 in occasione della quale sono state riqualificate molte zone urbane. La grossa affluenza ad una delle ultime manifestazioni importanti, il Salone del mobile, ha confermato la capacità di gestire eventi a livello internazionale. Bisogna però sottolineare che Milano, come molte metropoli, è una città decisamente cara. 
 
Eppure sopravvivere nella città meneghina è possibile!
Partiamo da uno degli aspetti che interesserà chiunque arrivi sia per affari che per turismo: il cibo. Fortunatamente la scelta è vasta: tutti i palati saranno soddisfatti ed anche tutte le tasche. 
 
Volete mangiare spagnolo, cinese, africano, coreano o qualunque altra cucina internazionale? Volete posti dove vi coccoleranno con manicaretti che sembrano studiati per voi? Ristoranti stellati? Trattorie a buon prezzo dove però si mangia bene? Le trovate! Insomma basta capire cosa veramente state cercando. 
 
Suggerimento di sopravvivenza numero uno. Se volete mangiare bene evitate i posti turistici. Basta uscire dai normali circuiti e troverete delle realtà molto interessanti! A pranzo, soprattutto nelle zone più ricche di uffici, potrete trovare ottime soluzioni di menù fissi o con completi che variano dai 7 ai 14 euro. 
 
Suggerimento numero due. La sera si può optare per un aperitivo: una delle zone più trendy dove fare happy hour di qualità sono le colonne di San Lorenzo, circondate da un contesto giovane, giocoso, con artisti di strada improvvisati e suonatori di tamburelli. Altra area dove l’ora dell’aperitivo è un must? Da Corso di Porta Ticinese ai Navigli la scelta è incredibilmente vasta e l’aperitivo è per tutti i gusti. Amate stuzzicare con tartine, olive, salatini e magari della pasta? Alcuni banchi per l’happy hour arrivano anche a dieci metri di allestimento di leccornie. Amate il sushi? Sarete accontentati! Fare l’aperitivo a Milano, è un modo easy e frequente per chiaccherare senza dover mangiare seduti attorno a un tavolo come in una cena formale. 
 
Soluzione di sopravvivenza numero tre. Mangiate la pizza. Ovunque andiate la soluzione bevanda e pizza avrà una cifra abbordabile.
Tutto cambia se la vostra scelta verte su ristornati stellati. I grandi nomi di solito fanno pagare care le loro specialità. Tutto sta sempre nell’identificare che tipologia di mangiatori siete. Amate le location design e i piatti minimal, si sale di prezzo e di livello, ma ricordate...non sempre necessariamente di qualità. 
Comunque i primi piatti, in qualunque posto decidiate di andare, tendono sempre a costare meno dei secondi piatti.
 
Troverete ristoranti ovunque a Milano!  Se volete muovervi con sicurezza puntate su Brera, Garibaldi, Marghera, Cinque giornate Porta Romana, Montenero, Navigli: sono le zone più gettonate.  Sant’Ambrogio ha qualche locale più tranquillo e anche di natura etnica, soprattutto spostandosi verso piazza Sant’Agostino: la scelta di prezzi varia anche qui in base alle esigenze. Se siete alla ricerca di cucina etnica ed internazionale meglio zona Buenos Aires: addentratevi nelle vie laterali ed un mondo di profumi e spezie, si aprirà di fronte a voi.
Una delle ultime tendenze del mercato food, perché anche questo mercato ha le sue mode, è lo street food. 
 
Qualche anno fa esisteva solo qualche furgoncino che, soprattutto in orario notturno, faceva panini: oggi i furgoncini son molto più trendy e propongono ogni sorta di specialità: dalle tipicità regionali alle pietanze internazionali. In ogni caso non perdeteli: fanno colore, portano allegria e mettono appetito quando li trovate tutti riuniti nelle frequenti manifestazioni!
 
Suggerimento di sopravvivenza numero quattro. Non fermatevi alle catene internazionali: anche i piccoli ristoranti locali sapranno darvi la loro soddisfazione. Amate le abbuffate quasi caserecce? La trattoria è la scelta migliore. Le osterie a meno che non siano in qualche quartiere esclusivo, sono di solito le più abbordabili. A questo punto che dire? Avete solo l’imbarazzo della scelta ancor prima di aprire il menù!
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Modigliana sull’Appennino tosco-emiliano, dove le vigne del Sangiovese sono un lascito dei Romani

A Modigliana sull’Appennino tosco-emiliano, dove le vigne del Sangiovese sono un lascito dei Romani

Il toponimo Modigliana si fa risalire al Castrum Mutilum (poi Mutiliana) di Tito Livio, campo militare in cima al colle dove si trova ora il convento...
Avete mai dormito tra mura medievali? La Casa Torre Ricci-Donati del 1100 restituita a Firenze

Avete mai dormito tra mura medievali? La Casa Torre Ricci-Donati del 1100 restituita a Firenze

Due anni e mezzo di lavori, oltre 2 milioni di euro di investimento e un intervento di recupero e valorizzazione che svela finalmente l'antica...
A Carmagnola dove la storia piemontese si racconta tra castelli, palazzi e musei racchiusi in un’oasi verde

A Carmagnola dove la storia piemontese si racconta tra castelli, palazzi e musei racchiusi in un’oasi verde

Atterraggio a Torino e poi di corsa fino al noleggiatore più vicino. Pochi minuti e pochi chilometri dopo, si è già sulla strada con tanta voglia di...
A spasso tra i pescatori del pittoresco rione di El Gogul e le case-torri medievali: ecco Fano, gioiello marchigiano

A spasso tra i pescatori del pittoresco rione di El Gogul e le case-torri medievali: ecco Fano, gioiello marchigiano

Dalla grande ricchezza del patrimonio italiano affiorano tesori da scoprire, come chiese, palazzi, musei e capolavori, conservati in centri minori...
Da Corigliano Calabro a Capo Colonna: lo Jonio visto dalla Calabria tra castelli, codici miniati e santuari magnogreci

Da Corigliano Calabro a Capo Colonna: lo Jonio visto dalla Calabria tra castelli, codici miniati e santuari magnogreci

E’ intenso il colore dello Jonio, al largo, mentre è color perla vicino alla battigia di sabbia dorata. L’acqua trasparente. C’è un senso di amenità...

Weekly in Italian

Recent Issues