Suggerimenti di sopravvivenza milanese

Suggerimenti di sopravvivenza milanese

Mangiare può costare caro ma ci sono tante soluzioni economiche e alla portata di tutte le tasche. Basta conoscere le zone e i propri gusti (Ph. L.Rossi)

Milano è da tempo considerata una  delle  mete da visitare assolutamente. Probabilmente è anche merito dell’Expo 2015 in occasione della quale sono state riqualificate molte zone urbane. La grossa affluenza ad una delle ultime manifestazioni importanti, il Salone del mobile, ha confermato la capacità di gestire eventi a livello internazionale. Bisogna però sottolineare che Milano, come molte metropoli, è una città decisamente cara. 
 
Eppure sopravvivere nella città meneghina è possibile!
Partiamo da uno degli aspetti che interesserà chiunque arrivi sia per affari che per turismo: il cibo. Fortunatamente la scelta è vasta: tutti i palati saranno soddisfatti ed anche tutte le tasche. 
 
Volete mangiare spagnolo, cinese, africano, coreano o qualunque altra cucina internazionale? Volete posti dove vi coccoleranno con manicaretti che sembrano studiati per voi? Ristoranti stellati? Trattorie a buon prezzo dove però si mangia bene? Le trovate! Insomma basta capire cosa veramente state cercando. 
 
Suggerimento di sopravvivenza numero uno. Se volete mangiare bene evitate i posti turistici. Basta uscire dai normali circuiti e troverete delle realtà molto interessanti! A pranzo, soprattutto nelle zone più ricche di uffici, potrete trovare ottime soluzioni di menù fissi o con completi che variano dai 7 ai 14 euro. 
 
Suggerimento numero due. La sera si può optare per un aperitivo: una delle zone più trendy dove fare happy hour di qualità sono le colonne di San Lorenzo, circondate da un contesto giovane, giocoso, con artisti di strada improvvisati e suonatori di tamburelli. Altra area dove l’ora dell’aperitivo è un must? Da Corso di Porta Ticinese ai Navigli la scelta è incredibilmente vasta e l’aperitivo è per tutti i gusti. Amate stuzzicare con tartine, olive, salatini e magari della pasta? Alcuni banchi per l’happy hour arrivano anche a dieci metri di allestimento di leccornie. Amate il sushi? Sarete accontentati! Fare l’aperitivo a Milano, è un modo easy e frequente per chiaccherare senza dover mangiare seduti attorno a un tavolo come in una cena formale. 
 
Soluzione di sopravvivenza numero tre. Mangiate la pizza. Ovunque andiate la soluzione bevanda e pizza avrà una cifra abbordabile.
Tutto cambia se la vostra scelta verte su ristornati stellati. I grandi nomi di solito fanno pagare care le loro specialità. Tutto sta sempre nell’identificare che tipologia di mangiatori siete. Amate le location design e i piatti minimal, si sale di prezzo e di livello, ma ricordate...non sempre necessariamente di qualità. 
Comunque i primi piatti, in qualunque posto decidiate di andare, tendono sempre a costare meno dei secondi piatti.
 
Troverete ristoranti ovunque a Milano!  Se volete muovervi con sicurezza puntate su Brera, Garibaldi, Marghera, Cinque giornate Porta Romana, Montenero, Navigli: sono le zone più gettonate.  Sant’Ambrogio ha qualche locale più tranquillo e anche di natura etnica, soprattutto spostandosi verso piazza Sant’Agostino: la scelta di prezzi varia anche qui in base alle esigenze. Se siete alla ricerca di cucina etnica ed internazionale meglio zona Buenos Aires: addentratevi nelle vie laterali ed un mondo di profumi e spezie, si aprirà di fronte a voi.
Una delle ultime tendenze del mercato food, perché anche questo mercato ha le sue mode, è lo street food. 
 
Qualche anno fa esisteva solo qualche furgoncino che, soprattutto in orario notturno, faceva panini: oggi i furgoncini son molto più trendy e propongono ogni sorta di specialità: dalle tipicità regionali alle pietanze internazionali. In ogni caso non perdeteli: fanno colore, portano allegria e mettono appetito quando li trovate tutti riuniti nelle frequenti manifestazioni!
 
Suggerimento di sopravvivenza numero quattro. Non fermatevi alle catene internazionali: anche i piccoli ristoranti locali sapranno darvi la loro soddisfazione. Amate le abbuffate quasi caserecce? La trattoria è la scelta migliore. Le osterie a meno che non siano in qualche quartiere esclusivo, sono di solito le più abbordabili. A questo punto che dire? Avete solo l’imbarazzo della scelta ancor prima di aprire il menù!
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Grado, in Friuli, per lasciarsi avvolgere dall'incanto di un rilassato panorama marinaro

A Grado, in Friuli, per lasciarsi avvolgere dall'incanto di un rilassato panorama marinaro

Un Festival dalla visione innovativa e ricco di contaminazioni e nuove forme d’arte. L’Alpe Adria Puppet Festival organizzato dal CTA - Centro Teatro...
In Basilicata per lasciarsi inebriare dai Palmenti di Pietragalla

In Basilicata per lasciarsi inebriare dai Palmenti di Pietragalla

Il nome del paese deriverebbe da “Pietra Gialla”, in riferimento riferita al colore del materiale impiegato per la costruzione delle case, il tufo...
Tutti invitati in Puglia per la rievocazione della battaglia rinascimentale della Disfida di Barletta

Tutti invitati in Puglia per la rievocazione della battaglia rinascimentale della Disfida di Barletta

La rievocazione della battaglia rinascimentale chiamata “La Disfida di Barletta” tornerà, dopo 14 anni, a Barletta. L’appuntamento col certame...
La roccia calcarea di Ispica e la suggestione di Modica, patrimonio dell’Umanità

La roccia calcarea di Ispica e la suggestione di Modica, patrimonio dell’Umanità

Procura una piacevole trepidazione l’andare verso Modica, specie quando a Rosolini l’autostrada d’improvviso finisce, confluendo in un’arteria di...
Grand tour nello spettacolare Golfo di Napoli: da Capri alla Villa San Michele di Anacapri

Grand tour nello spettacolare Golfo di Napoli: da Capri alla Villa San Michele di Anacapri

La mappa letteraria di Capri è ricca di luoghi che rievocano scrittori, artisti, poeti, personaggi anche molto eccentrici, come il barone Fersen,...

Weekly in Italian

Recent Issues