I David di Donatello premiano cinecomic e fantasy, novità per il cinema italiano

I David di Donatello premiano cinecomic e fantasy, novità per il cinema italiano

“Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti ha incassato ben 7 premi alla 60° edizione dei David di Donatello. Da sinistra Claudio Santamaria, Ilenia Pastorelli, Gabriele Mainetti, Antonia Truppo e Luca Marinelli (Ph eventoLive - Giancarlo Gobbi)

Trionfano le nuove generazioni della settima arte. Piange il cinema impegnato. La 60° edizione dei David di Donatello, i premi cinematografici italiani, ha emesso i suoi verdetti. Miglior regista esordiente, attore protagonista, non protagonista, attrice protagonista, non protagonista, produttore e montatore, tutti conferiti a “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti (classe ‘76). 
 
Senza dubbio il film è un prodotto differente dal classico panorama nazionale. A ben guardare però, seguire il trend del momento (cinecomic) e abilmente miscelarlo con l’ennesima storia di malavita romano-partenopea che tanto piace al pubblico nostrano, non è poi tutta questa originalità. A lasciare un po’ perplessi è stata la vittoria nelle rispettive categorie attoriali di tutti e quattro i protagonisti principali.
 
Luca Marinelli ha vinto a furor di popolo il David come Miglior attore non protagonista, senza che il “cinico” Giuseppe Battiston di “La felicità è un sistema complesso” potesse far nulla per mutare un destino già segnato. Analogo discorso per l’antagonista (buono) nella pellicola, Claudio Santamaria, contro il quale il “Perfetto sconosciuto” (e molto più intenso) Valerio Mastrandrea avrebbe meritato un esito diverso.
 
Discorso ancor più netto sul fronte femminile. Antonia Truppo non se lo sarebbe mai aspettato di vincere come Attrice non protagonista, e si è vista la sorpresa sul volto. Idem la prima protagonista “JeegRobottiana” Ilenia Pastorelli, capace di superare la concorrenza, tra le altre, di Valeria Golino (coppa Volpi a Venezia 72 con Amor vostro), la giovane catalana Astrid Berges-Frisbey, più convincente che mai nell’originale “Alaska”, e soprattutto Paola Cortellesi, superba e drammatica donna licenziata causa gravidanza nel toccante “Gli ultimi saranno gli ultimi”.
 
Esattamente come agli Oscar 2016, la pellicola scelta come Miglior film si è anche aggiudicata il premio per la Miglior sceneggiatura. Se oltreoceano a trionfare fu il giornalismo impegnato de “Il caso Spotlight” (di Tom McCarthy), sul gradino più alto del podio tricolore è salito “Perfetti sconosciuti” (di Paolo Genovese), brillante istantanea del fittizio mondo parallelo che scorre sui social network. Un tema interessante, ben narrato e con un cast corale di valore ma non a livello per intensità di “Fuocoammare” (di Gianfranco Rosi), già trionfatore al Festival di Berlino. Un documentario questo, incentrato sugli sbarchi dei migranti sull’isola di Lampedusa. Un’opera che parla di una tragedia che continuerà chissà per quanto tempo ancora. 
 
Grande sconfitto della serata, “Non essere cattivo”, opera ultima di Claudio Caligari. Un solo premio ottenuto (Miglior sonoro) su 16 nomination. È andata appena meglio a “Youth – La giovinezza” (di Paolo Sorrentino): due David su 14 nomination per la Miglior colonna sonora e canzone originale, entrambe curate dal compositore statunitense David Lang.
 
Di altro umore Matteo Garrone, anch’esso in gara con un film internazionale, “Il racconto dei racconti – Tale of Tales”. Delle 12 nomination ricevute, si è portato a casa il David per il Miglior regista, autore della fotografia (Peter Suschitzki), scenografia, costumi, trucco, acconciatore ed effetti speciali, questi ultimi realizzati dalla giovane società Makinarium. 
 
Desta curiosità poi la scelta del pubblico delle scuole superiori che ha assegnato il Premio David Giovani al modesto “La corrispondenza” di Giuseppe Tornatore, lasciando al palo “Alaska”, “Gli ultimi saranno gli ultimi”, “Non essere cattivo” e il campione d’incassi “Quo vado?”. Dopo aver già raccolto il Grand Prix Speciale della Giuria (Cannes), Golden Globe e Premio Oscar come Miglio film straniero, l’ungherese “Il figlio di Saul” (di Laszlo Nemes), storia ambientata nei campi di sterminio, si è aggiudicato anche il David di Donatello come Miglior film dell’Unione Europea.
 
Il premio per il Miglior film straniero è andato a “Il ponte delle spie” (di Steven Spielberg), tra Guerra Fredda e muro di Berlino. 
Il cinema non può cambiare il mondo, ma di sicuro lo può ispirare. La 60° edizione dei David di Donatello è stata un’occasione persa per riportare al centro del grande schermo (e davanti al pubblico) alcuni drammi che toccano nel profondo l’Italia. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Claudia Cardinale e Gina Lollobrigida al Filming Italy Los Angeles

Claudia Cardinale e Gina Lollobrigida al Filming Italy Los Angeles

Si è conclusa con grande successo la IV edizione di Filming Italy Los Angeles, l’evento di promozione del cinema italiano creato e organizzato da...
Jude Law soffia i vetri nelle fornaci di Murano tra i ciak veneziani di ‘The New Pope’ di Sorrentino

Jude Law soffia i vetri nelle fornaci di Murano tra i ciak veneziani di ‘The New Pope’ di Sorrentino

Le serie televisive sono la nuova (lunga) frontiera dell'intrattenimento. Un tempo era la filmografia minore, oggigiorno, grazie anche all'utilizzo...
Fate cinema italo-americano? Iscrivetevi al Russo Brothers Italian American Film Forum Grant

Fate cinema italo-americano? Iscrivetevi al Russo Brothers Italian American Film Forum Grant

Anche quest’anno il Russo Brothers Italian American Film Forum ha bandito il concorso per delle Borse di studio dedicate ad artisti che vogliano –...
Penny Marshall, ovvero Penelope Masciarelli, la regista e attrice italoamericana orgogliosa delle sue origini abruzzesi

Penny Marshall, ovvero Penelope Masciarelli, la regista e attrice italoamericana orgogliosa delle sue origini abruzzesi

A San Martino sulla Marrucina, negli anni Novanta le avevano conferito la cittadinanza d’onore. Da allora Carole Penelope Masciarelli, non era più...
L’Italian Film Festival porta a Vancouver 22 pellicole di oggi e di ieri

L’Italian Film Festival porta a Vancouver 22 pellicole di oggi e di ieri

Si è svolta a Vancouver la VI edizione dell’“Italian Film Festival”, iniziativa promossa all’interno del programma culturale invernale del Consolato...

Weekly in Italian

Recent Issues