Scoprire la Galleria tra milanesi in ‘modalità passeggiata’

Scoprire la Galleria tra milanesi in ‘modalità passeggiata’

La Galleria Vittorio Emanuele, a due passi dal Teatro La Scala, è uno dei monumenti simbolo di Milano. Photo by bloodua

Lasciate alle spalle le preoccupazioni, concedetevi una mezza giornata ad un passatempo poco costoso e molto rigenerante: la passeggiata senza fretta. Che bello dedicarsi del tempo!
Che ne dite di una meta speciale e non impegnativa ma molto urbana? La proposta è la Galleria Vittorio Emanuele! Ebbene sì, una passeggiata rilassata nella frenetica Milano è alquanto singolare!
 
Sempre presa dalla fretta o forse dall’abitudine di correre, Milano sembra non fermarsi mai. Il milanese è sempre in vorticoso movimento anche quando non vi è una reale esigenza di esserlo e vederlo in “modalità passeggiata” è la conferma che si trovi nel suo momento di pausa. 
 
Mettete dunque un sabato mattina, bel tempo primaverile ed una passeggiata in centro: un binomio che regala bei momenti.  Avviciniamoci al cuore storico del centro milanese. Ecco stagliarsi la Galleria Vittorio Emanuele. Vi chiederete come si può pensare di trascorrere un’intera mattinata, se non di più, in poco meno di 500 metri: tutto è possibile soprattutto se in uno spazio così ristretto vengono concentrate iniziative e realtà di diversa natura.
 
Sin dall’inizio, la Galleria fu il punto di incontro per la borghesia milanese. Nata quindi per passeggiare e vedere vetrine! Questo è uno dei primi centri commerciali moderni. Appena entrati si troverà uno dei bar più storici che Milano abbia: il bar  Camparino. Più in là ci sono il bar Biffi e il Caffè Savini, diventato poi uno dei ristoranti più famosi della città e simbolo della “Milano da bere” durante gli anni ‘80, rifacendosi ad un famoso spot pubblicitario che ne esaltava il suo fascino un po’ glam. 
 
Quasi per contrapposizione, nei primi anni novanta, il Savini si era trovato come dirimpettaio un fast food, decisamente fuori luogo visto il contesto. Senza fare neanche una piega il famoso ristorante ha continuato imperterrito nella sua attività fino a  quando l’incomodo ospite è stato chiuso lasciando posto alle sfavillanti vetrine di moda. 
Perché giunti fin qui non scegliere di fare colazione in uno di questi locali storici di Milano? Sicuramente non sono a buon prezzo, ma la sensazione di essere seduti in un pezzo di storia di milanese a bersi uno schiumoso cappuccino va provata almeno una volta nella vita.
 
Finito il cappuccino è ora di fare un salto a vedere le vetrine di Prada, Tod’s e Louis Vittuon, chiaccherando con clama. 
Sì, dedicatevi del tempo. A metà galleria c’è uno dei simboli più importanti di Milano. Guardatevi intorno e cercatelo: è ai vostri piedi. Ecco il toro in mosaico. La tradizione vuole che ci giriate sopra con il vostro tallone per propiziarvi la fortuna. Tentar non nuoce: al massimo avrete consumato un po’ le suole. La cosa stupefacente è, come in poche centinaia di metri, si possano trovare così tante attività.
 
Andiamo verso piazza della Scala: oltre alla magnifica vista sulla piazza che ospita palazzo Marino, sede del Comune di Milano e sulla Scala, tempio della danza e dell’opera nazionale e non solo meneghina, luogo sacro dove Verdi si esibì con le sue prestigiose opere, possiamo decidere  di addentrarci nei meandri della Galleria vivendola da una nuova dimensione: quella sopraelevata.
 
Primo appuntamento è quello della mostra, attualmente in corso, di Leonardo in 3d. Questa esibizione era partita come evento temporaneo ma il suo successo ha prolungato la permanenza. Nella mostra è possibile interagire con le invenzioni e  questo è un momento molto piacevole e istruttivo sia per grandi che per piccini: d'altronde toccare con mano le invenzioni è sicuramente interessante per tutti! 
 
Giunge quindi l’ora del pranzo. Che ne dite di una soluzione gastronomica insolita e d’eccezione? Sempre nei meandri della galleria potrete scegliere fra locali incredibilmente trendy. Per esempio potreste optare per mangiarvi una pizza d’autore in un angolo di tranquillità tra i tetti della vecchia Milano con vista guglia. Che ne dite poi di degustarvi del buon vino di qualità? Ecco a voi un locale esclusivo dove accanto a degli ottimi vini ci sono piatti studiati proprio per esaltare il piacere del vino.
 
Quando camminerete per la galleria guardate in alto. Alcune delle finestre del primo piano sono un magnifico hotel a 7 stelle: ebbene sì Milano ha il secondo hotel al mondo ad avere una simile certificazione di alta gamma. 
 
Eravamo partiti per una camminata rilassante? Perché non continuare nel nostro obiettivo? Allori andiamo: tutti sopra la Galleria! Recentemente è stata realizzata una passerella che permette di passeggiare sopra la Galleria ammirando Milano da piazza Vittorio Emanuele fino a piazza Gae Aulenti. Visione a 360 gradi perchè ci si trova a camminare sopra i tetti. Ditemi se questa non è un’esperienza unica! A questo punto vi accorgerete di aver fatto tante divertenti esperienze, di aver visto un medesimo luogo da più punti di vista e che.. il tempo è realmente trascorso! 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Bressanone, l’intramontabile sapore della tradizione che profuma di pane e strudel di mele

Bressanone, l’intramontabile sapore della tradizione che profuma di pane e strudel di mele

È la più antica città del Tirolo con una ricca storia millenaria alle spalle. L’imponente Duomo barocco e il centro storico medievale sono un...
A Montepulciano per uno dei più celebri capolavori dell’architettura rinascimentale italiana

A Montepulciano per uno dei più celebri capolavori dell’architettura rinascimentale italiana

Le celebrazioni del V centenario dell’edificazione del Tempio di San Biagio a Montepulciano, uno dei più celebri capolavori dell’architettura...
A piedi per 407 metri sulla laguna: dopo 69 anni, torna il Ponte Votivo verso il cimitero di San Michele

A piedi per 407 metri sulla laguna: dopo 69 anni, torna il Ponte Votivo verso il cimitero di San Michele

A Venezia è tornata l’antica tradizione del ponte di barche che collega le Fondamenta Nove con l’entrata monumentale del cimitero di San Michele...
Da San Pietro della Jenca a Collemaggio: l'Abruzzo si svela

Da San Pietro della Jenca a Collemaggio: l'Abruzzo si svela

La Marcia del Perdono e della Pace ha segnato l’inizio della festa della Perdonanza Celestiniana. Ha preso le mosse dalla chiesetta santuario di San...
La storia si svela nell’arte: Novio Plauzio, primo scultore di Roma

La storia si svela nell’arte: Novio Plauzio, primo scultore di Roma

Sono tanti i personaggi di Roma che occupano una casella nel libro delle vicende e della storia romane: ve ne è uno che, grazie alla professione...

Weekly in Italian

Recent Issues