‘All men are created equal’: le radici italiane della Dichiarazione d’Indipendenza americana

‘All men are created equal’: le radici italiane della Dichiarazione d’Indipendenza americana

Filippo Mazzei e Gaetano Filangeri erano legati a Thomas Jefferson e Benjamin Franklin: storie sorprendenti dalla White House Historical Association

Per la prima volta dalla sua fondazione, la White House Historical Association, organizzazione non-profit fondata nel 1961 da Jacqueline Kennedy, ha dedicato un’intera giornata di conferenze all’influenza che un paese straniero ha esercitato sulla Casa Bianca. Il simposio, dal titolo “Italy in the White House: a Conversation on Historical Perspectives” ha visto riuniti alcuni dei maggiori esperti in materia nella sede dell’associazione, la Stephen Decatur House a Washington. 
 
L’evento è il primo di una serie di tre appuntamenti che da qui al 2018 si concentreranno sui rapporti tra Casa Bianca e paesi stranieri. Il simposio è organizzato in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura a Washington e con la National Italian American Foundation.
 
Dalle relazioni tra gli intellettuali italiani del Risorgimento e i padri fondatori americani all’influenza sull’architettura esercitata da Palladio. Dalla musica all’arte, passando per i menu dei pranzi ufficiali ospitati dai presidenti americani, il seminario ha offerto una panoramica con tantissimi spunti sui più di due secoli di storia a tutti i livelli tra l’Italia e gli Stati Uniti.
“Quanti sanno dell’amicizia che legava Gaetano Filangieri a Benjamin Franklin, o del fatto che dobbiamo al toscano Filippo Mazzei, amico di Thomas Jefferson, la celebre massima “all men are created equal”, enunciata nella Dichiarazione d’Indipendenza americana?”. 
 
Il nuovo Ambasciatore d’Italia a Washington, Armando Varricchio, ha spiegato che “il simposio rappresenta per noi Italiani un grande privilegio ma soprattutto un’eccellente opportunità per approfondire una lunga e per molti versi sorprendente storia di interazioni tra il nostro Paese e gli Stati Uniti”. “Non potevo desiderare modo migliore per cominciare la mia missione qui a Washington: è un onore che l’Italia sia il primo tra i tre Paesi selezionati dalla White House Historical Association”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Il mistero dei Bronzi di Riace: c'era una terza statua?

Il mistero dei Bronzi di Riace: c'era una terza statua?

Nell’autunno 2018, a Roma, per i tipi della Società Editrice “Dante Alighieri”, viene pubblicato Il cammino degli eroi. Da Argo a Riace. Solo un...
Gli USA parlano italiano: 220.000 americani studiano lingua e cultura italiana

Gli USA parlano italiano: 220.000 americani studiano lingua e cultura italiana

Sono oltre 7.000 le visualizzazioni raggiunte in poche settimane dal video "Gli USA parlano italiano", con il quale l'Ambasciata Italiana a...
Carosello…e poi tutti a nanna: i vent’anni che hanno cambiato l’Italia

Carosello…e poi tutti a nanna: i vent’anni che hanno cambiato l’Italia

“Carosello…e poi tutti a nanna. 1957 – 1977: i vent’anni che hanno cambiato l’Italia” è un libro che racconta la storia della televisione italiana...
I canti del mio Natale: Te Deum, Tu scendi dalle stelle e Aprimmo l'anno nuovo

I canti del mio Natale: Te Deum, Tu scendi dalle stelle e Aprimmo l'anno nuovo

Esiste una simpatica e sfiziosa canzone popolare che ho sentita cantare da piccolo, in famiglia, e che caratterizza lo spirito e la tradizione del...
Quando si preparava insieme il presepe e l'albero di Natale

Quando si preparava insieme il presepe e l'albero di Natale

Quando frequentavo le scuole elementari, al paese, all'approssimarsi delle festività natalizie, la maestra ci faceva preparare per tempo il presepe...

Weekly in Italian

Recent Issues