All’ultima moda all’ex Fabbrica del vapore di Milano: ecco l’arte immersiva

All’ultima moda all’ex Fabbrica del vapore di Milano: ecco l’arte immersiva

L’ex Fabbrica del Vapore di Milano è stata recuperata come centro di esposizioni

Arte e colori sono una delle espressioni dell’armonia creata dall’uomo. L’arte dona emozioni, proprio perché le sue forme arrivano nella nostra mente deliziandola con colori e rotondità non usuali. Immaginatevi ora, che ad un tratto, un quadro acquisti tridimensionalità e vi circondi, proiettandovi in un mondo parallelo. Fantasia? No, realtà.
L’ultima frontiera delle mostre d’arte è l’area “immersiva”. 
 
La Fabbrica del Vapore, ex area industriale recuperata, è diventata un centro culturale artistico in zona monumentale, proprio vicino alla Chinatown milanese e alla famosa Via Pier della Francesca, simbolo di una Milano tradizionale che sa diventare di tendenza non perdendo la sua identità. 
Il centro  ospitava al tempo la Carminati & Toselli, società che si occupava di pezzi di ricambio per ferrovie e tram. Una struttura che risale alla fine dell’Ottocento e che torna a nuovo splendore, come molte negli ultimi tempi a Milano, oramai orientata al recupero di architetture analoghe. 
 
Oltre 30.000 metri quadrati di spazio ospitano non solo mostre, ma anche eventi  e mercati. Un’area polifunzionale che rende, questa zona così caratteristica di Milano, ancora più speciale. Ci si può soffermare in qualche locale intorno a  bere un cappuccio, prima di vedere la mostra o al bar interno che si trova proprio di fronte all’ingresso della parte museale. Non mancano ovviamente spazi dedicati ad attività didattiche e ludiche che coinvolgono anche i più piccoli. Un luogo per tutti, perché la cultura non ha mai barriere. 
L’ultima manifestazione andata in scena è stata “Uffizi virtual” e il richiamo alla galleria d’arte fiorentina è evidente. Non è la prima volta che la Fabbrica del Vapore organizza mostre di questo genere, ma l’impatto è stato forte. La nuova tendenza espositiva è l’immersione nell’opera d’arte. Con questa nuova tecnica si possono vivere e visitare mostre anche a distanza. 
 
Che cosa è l’immersione artistica? Immaginate di entrare in una grossa sala dove vi troverete circondati da pannelli di differenti misure. Il buio vi circonda e solo i pannelli sono illuminati. Ai vostri piedi scorrono le immagini del prato della famosa tela  di Botticelli intitolata La Primavera. Se  ci passate sopra anche voi potrete camminare in un’opera d’arte!  
Alzate gli occhi e, grazie a questa tecnica di pannelli a  proiezione, sarete immersi nel quadro! Una delle proiezioni illustra il quadro nella sua completezza mentre sugli altri pannelli, ecco ingranditi particolari dell’opera che la rendono grande, enorme tanto quanto è la stanza. Voi, comodamente seduti su dei sacchi o su delle sedute sparse per la sala, in ordine vario, potrete fruire dei magnifici quadri della Galleria degli Uffizi.
Stendetevi su uno dei sacchi design e lasciatevi trasportare dall’esperienza artistica. Il vostro cuore batterà più forte perché, in ogni caso, il colore e la bellezza delle forme crea armonia e dona sensazioni positive. 
 
Ecco a voi apparire il Tondo Doni del grande Michelangelo Buonarrotti e i suoi colori vivi, i volti pieni, la ricca cornice che circonda l’opera. Salterete poi nella magnifica Annunciazione di Leonardo tra i volti eterei: tutto questo creerà silenzio in voi perché è come se il respiro si fermasse di fronte allo splendore della scena. Ancora vi ritroverete di fianco alla Venere di Botticelli, alle sue forme delicate, agli occhi languidi dall’espressione dolce. 
 
L’esperienza continua con la sala interattiva. Ora tocca a voi! Delle stazioni con touch screen vi permetteranno di accedere ad ogni opera, capirla, analizzarla, confrontarla con altre a fare astrazioni per tematiche. Siete interessati ai gioielli nell’arte? Ecco un buon sistema per analizzarli in tutte le opere negli Uffizi. L’interattività coinvolge in pieno! Nella sala si può interagire con le opere tramite sensori. Giocare con l’arte e fruire dell’arte, tutto in una mostra. Un nuovo ed interessante modo di vivere l’arte e di scoprirla, se non si ha la possibilità di spostarsi per raggiungere i luoghi espositivi, ma anche un modo di circondarsi di bello ed armonia e sentirsi parte, anche solo per un momento, di un elemento passato oramai all’immortalità. 
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Bressanone, l’intramontabile sapore della tradizione che profuma di pane e strudel di mele

Bressanone, l’intramontabile sapore della tradizione che profuma di pane e strudel di mele

È la più antica città del Tirolo con una ricca storia millenaria alle spalle. L’imponente Duomo barocco e il centro storico medievale sono un...
A Montepulciano per uno dei più celebri capolavori dell’architettura rinascimentale italiana

A Montepulciano per uno dei più celebri capolavori dell’architettura rinascimentale italiana

Le celebrazioni del V centenario dell’edificazione del Tempio di San Biagio a Montepulciano, uno dei più celebri capolavori dell’architettura...
A piedi per 407 metri sulla laguna: dopo 69 anni, torna il Ponte Votivo verso il cimitero di San Michele

A piedi per 407 metri sulla laguna: dopo 69 anni, torna il Ponte Votivo verso il cimitero di San Michele

A Venezia è tornata l’antica tradizione del ponte di barche che collega le Fondamenta Nove con l’entrata monumentale del cimitero di San Michele...
Da San Pietro della Jenca a Collemaggio: l'Abruzzo si svela

Da San Pietro della Jenca a Collemaggio: l'Abruzzo si svela

La Marcia del Perdono e della Pace ha segnato l’inizio della festa della Perdonanza Celestiniana. Ha preso le mosse dalla chiesetta santuario di San...
La storia si svela nell’arte: Novio Plauzio, primo scultore di Roma

La storia si svela nell’arte: Novio Plauzio, primo scultore di Roma

Sono tanti i personaggi di Roma che occupano una casella nel libro delle vicende e della storia romane: ve ne è uno che, grazie alla professione...

Weekly in Italian

Recent Issues