Il Getty Museum restituisce all’Italia (e alla Sicilia) la testa di Ade ‘Barbablù’

Il Getty Museum restituisce all’Italia (e alla Sicilia) la testa di Ade ‘Barbablù’

La riconsegna del Getty Museum al Console generale di Los Angeles, Antonio Verde, della testa policroma "riconosciuta" attraverso un ricciolo blu grazie al lavoro degli archeologi siciliani

Torna in Italia la splendida “Testa di Ade”, opera di eccezionale valore artistico trafugata nella zona di Enna, in Sicilia, alla fine degli anni '70. Esportata illegalmente negli Stati Uniti è stata venduta al Getty Museum nel 1985 per 500mila dollari dal collezionista di New York Maurice Tempelsman. 
 
A rendere possibile la restituzione l'efficace collaborazione tra il Consolato generale italiano a Los Angeles, la procura di Enna e l'arma dei Carabinieri con il John Paul Getty Museum. “Dobbiamo soprattutto all'impegno e alla competenza degli archeologi italiani se da un ricciolo di ceramica blu ritrovato tra i resti degli scavi di frodo a San Francesco Bisconti si è potuta accertare la provenienza della testa dello stesso caratteristico colore custodita al Getty”, ha sottolineato il Console generale, Antonio Verde. 
 
Da parte sua, il sostituto procuratore della Repubblica, Francesco Rio, autore nel 2014 della rogatoria internazionale che ha posto le basi per la restituzione, ha messo l’accento sull’accurato lavoro svolto dal Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Palermo, diretto dal Maggiore Luigi Mancuso ed espresso apprezzamento per l'immediata disponibilità offerta dall'importante museo californiano.
 
Il Getty ha consentito la comparazione con la Testa di Ade del primo ricciolo, e poi di altri tre ritrovati grazie al Museo Archeologico di Aidone (Enna). 
La “Testa di Ade” tornerà nella sua terra di origine e sarà ospitata nel museo ennese di Aidone, poco lontano dal  Santuario di San Francesco Bisconti di Morgantina, da dove fu trafugata.
Il Getty Museum restituisce all’Italia (e alla Sicilia) la testa di Ade ‘Barbablù’

La Testa di Ade o Barbablù (per le tracce di colore blu nella barba) fu rubata negli anni ‘70 a Morgantina (Enna)

Raro e pregiato, il reperto è un unicum nel suo genere, sia per il tipo di materiale utilizzato, assai fragile, che per le consistenti tracce di policromia, rosso mattone nei capelli e blu nella barba, che le valsero proprio il soprannome di Barbablú. La testa in terracotta, di epoca ellenistica, di grandezza leggermente maggiore del naturale, rappresenta probabilmente il greco Ade, divinità legata al culto di Demetra e Kore, particolarmente presente nell'interno della Sicilia.
 
Il governo italiano ha già recupera altre opere rubate e poi acquistate, senza conoscerne l’origine, dal museo di Los Angeles. Nel 2011 il Getty di Malibu ha restituito “La Venere Morgantina” sempre proveniente dagli scavi archeologici siciliani di Enna.
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

L’Italia si aggiudica la 9ª Coppa del Mondo di Gelateria 2020 davanti a Giappone e Argentina

L’Italia si aggiudica la 9ª Coppa del Mondo di Gelateria 2020 davanti a Giappone e Argentina

L’Italia si aggiudica la 9ª Coppa del Mondo di Gelateria 2020. Il verdetto a Rimini, durante il Sigep e A.B. Tech Expo 2020 di italiana Exhibition...
Cresce lo studio della lingua italiana negli Stati Uniti ma serve un nuovo Piano Strategico

Cresce lo studio della lingua italiana negli Stati Uniti ma serve un nuovo Piano Strategico

Si è svolta presso la sede dell'Ambasciata d'Italia a Washington, negli Stati Uniti, la prima riunione semestrale dell'Osservatorio Nazionale della...
Scoperto un pianeta abitabile simile alla Terra: nel team di ricerca due astrofisici italiani

Scoperto un pianeta abitabile simile alla Terra: nel team di ricerca due astrofisici italiani

Il Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA ha scoperto il suo primo pianeta extrasolare di dimensioni terrestri nella cosiddetta zona...
Tre famiglie italiane su 4 abitano in un casa di proprietà

Tre famiglie italiane su 4 abitano in un casa di proprietà

Il 75,2% delle famiglie italiane, tre su quattro, risiede in una casa di proprietà. Nel 2016 la superficie media di un’abitazione è pari a 117 m2 e...
Nel Tricolore il legame tra gli italiani nel mondo, racchiude i sentimenti di unità e coesione, rappresenta i nostri valori e l’identità nazionale

Nel Tricolore il legame tra gli italiani nel mondo: racchiude i sentimenti di unità e coesione, rappresenta l’identità nazionale

Il Tricolore “racchiude i sentimenti di unità e di coesione, rappresenta i nostri valori e l’identità nazionale e costituisce ideale legame tra le...

Weekly in Italian

Recent Issues