Dopo tre anni riapre a Firenze il Museo degli Innocenti con 80 grandi opere

Dopo tre anni riapre a Firenze il Museo degli Innocenti con 80 grandi opere

Tra i capolavori del museo le opere di Luca e Andrea della Robbia, Botticelli, Ghirlandaio, Piero di Cosimo

Ha riaperto a Firenze il Museo degli Innocenti, fondato nel 1419 dal mercante pratese Francesco Datini su progetto di Filippo Brunelleschi. Il sindaco di Firenze, Dario Nardella ha sottolineato l’importanza di questo luogo, il primo brefotrofio specializzato d’Europa e una delle prime architetture rinascimentali, e di questa riapertura: “Un lavoro che restituisce alla città ciò che è nato dalla città, fin da quando nel 1400 Firenze decise di erigere qui il luogo di speranza e accoglienza: un luogo che ancora oggi è simbolo di tutto questo".
 
L’assessore regionale all'istruzione Cristina Grieco ha sottolineato come la Regione "condivida la conclusione di questo percorso di festa: oggi viene restituito alla città un gioiello storico architettonico e culturale". 
 
“Solo Firenze può vantare al mondo un'istituzione fondata sei secoli  fa per accogliere i bambini sfortunati, abbandonati per varie ragioni dai genitori". Così Alessandra Maggi, presidente dell'Istituto. “Nel corso del tempo sono stati circa 500mila i bambini accolti tra queste mura. E gli artisti hanno realizzato per questo luogo architettonicamente mirabile opere meravigliose".  
 
Oltre a straordinarie opere di artisti come Luca e Andrea della Robbia, Sandro Botticelli, Domenico Ghirlandaio, Piero di Cosimo, il percorso espositivo propone in mostra per la prima volta anche 140 segni di riconoscimento lasciati dalle madri nelle fasce dei figli prima di affidarli all'Istituto e una selezione di sessanta storie di “nocentini” che ne raccontano la vita attraverso un percorso multimediale.
 
Il museo raccoglie circa cinquanta opere, in maggior parte pittoriche, ma anche alcuni arredi e due busti marmorei, oltre a otto antifonari del XIV e XV secolo. La Galleria è situata nel locale sopra il portico di facciata che, nel progetto brunelleschiano, era destinato ad "abituro dei fanciulli". 
 
Qui sono visibili la splendida Adorazione dei Magi (1488) di Domenico Ghirlandaio, commissionata per l’altare maggiore della chiesa e la dolcissima Madonna col Bambino (1450 circa) di Luca della Robbia, posta sopra un altare laterale della chiesa interna delle donne fino a tutto l’800; una grandiosa e originale tavola, degli ultimi anni del ‘400, Madonna in trono col Bambino e Santi, tra i capolavori di Pietro di Cosimo eseguita per un altare laterale della chiesa pubblica; una Madonna col Bambino di Sandro Botticelli eseguita su imitazione di quella più famosa del proprio maestro Filippo Lippi; una delicata anconetta con l’Incoronazione della Vergine del Maestro della Madonna Strauss (1405 circa); un trittico dei primi del ‘400 di Giovanni Toscani; una crocifissione di Francesco Morandini, detto Il Poppi (1580 – 1590); un vibrante dipinto su terracotta (1566) Giovan Battista Naldini, pittore dello studiolo di Francesco I, e altre tavole del ‘400, ‘500 e ‘600 fiorentino.Vi sono conservati inoltre inginocchiatoi, cassapanche e suppellettili rinascimentali. 
 
In alcune bacheche si possono ammirare splendidi graduali e antifonari miniati della prima metà del ‘400, opera di Gherardo di Giovanni, prelevati dal ricchissimo archivio storico dell’Istituto. 
 
All’interno dell’edificio, mentre tutto il percorso museale si sviluppa attorno al tema dell’accoglienza e racconta l’essenza dell’Istituto nei suoi sei secoli di attività, cercando di integrare il patrimonio documentario e di archivio con quello storico artistico, si possono ammirare i misurati e armoniosi spazi dei due chiostri, quello degli Uomini dove, sulla porta d’ingresso laterale della chiesa, è situata una lunetta con l’Annunciazione di Andrea della Robbia e, accanto, un’acquasantiera di Antonio Rossellino, e quello delle Donne col deambulatorio per i bambini.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Le Cronache ispirate a Narni non raccontano la bontà del Ciliegiolo, vitigno tenace già noto agli antichi Romani

Avete mai sentito parlare di Narnia? È un mondo immaginario popolato da maghi, streghe e personaggi fantastici, creato dallo scrittore britannico...
Il gusto domina le colline di Valdobbiadene dove appena 108 ettari regalano il prosecco superiore di Cartizze

Il gusto domina le colline di Valdobbiadene dove appena 108 ettari regalano il prosecco superiore di Cartizze

Acqua, terra e storia. Impasta il tutto e aggiungi i profumi inconfondibili del radicchio tardivo e della casatella. Mentre sali in bicicletta sulle...
Il cielo fa da tetto all’Abbazia cistercense di San Galgano e una spada nella roccia sfida i puri di spirito

Il cielo fa da tetto all’Abbazia cistercense di San Galgano e una spada nella roccia sfida i puri di spirito

Toscana arcaica. Toscana d’arte. Nel piccolo comune di Chiusdino, le grandi mura di un antico edificio religioso rimandano a un antico splendore...
Scoprire il Molise attraverso i suoi vigneti e le uve che donano il Tintilia

Scoprire il Molise attraverso i suoi vigneti e le uve che donano il Tintilia

Tintilia! Tintilia!! Tintilia!!! E’ un vino da sei punti esclamativi, come nella leggenda di Enrico V di Germania. Si narra che nell'anno 1111 Enrico...
Tra Langhe e Monferrato colline e strade dolci come il miele di Roero, dove si allevano famiglie di api

Tra Langhe e Monferrato colline e strade dolci come il miele di Roero, dove si allevano famiglie di api

Langhe, Roero e Monferrato. Sono pochi quelli che non conoscono questi tre territori piemontesi inseriti dall’Unesco tra i patrimoni dell’Umanità...

Weekly in Italian

Recent Issues