Migranti e rifugiati in Italia: accoglienza e assistenza sanitaria

Migranti e rifugiati in Italia: accoglienza e assistenza sanitaria

Personale dell’Inmp con la Croce di Lampedusa costruita con i legni dei barconi dei migranti e benedetta da Papa Francesco

L’Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti e per il contrasto delle malattie della Povertà, ente pubblico che opera nel Servizio sanitario nazionale e centro di riferimento della Rete nazionale per l’assistenza socio-sanitaria alle fasce sociali più deboli della popolazione italiana e straniera, ha partecipato con una delegazione a San Pietro alla messa celebrata in occasione del Giubileo dei Migranti, organizzato dalla Fondazione Migrantes e dagli uffici diocesani Migrantes del Lazio, proprio il giorno in cui ricorre la 102° Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato.
 
Il tema scelto da Papa Francesco per questa occasione è “Migranti e rifugiati ci interpellano. La risposta del Vangelo della Misericordia”. 
Nel continuum del suo impegno quotidiano di assistenza sanitaria e sociale  dedicato a migranti, rifugiati e richiedenti asilo, esplicitato anche grazie al proprio poliambulatorio di Roma, da dicembre, ovvero in occasione dell’apertura del Giubileo della Misericordia, l’Inmp è stato tappa del viaggio guidato da volontari che da più di un anno accompagnano la Croce di Lampedusa attraverso l’Italia grazie alla Fondazione “Casa dello Spirito e delle Arti”. 
 
Una Croce realizzata con i legni dei barconi dei migranti morti o dispersi nel mar Mediterraneo e che Papa Francesco ha benedetto in Piazza San Pietro il 9 aprile 2014. La Croce è divenuta non solo meta di preghiera e di pellegrinaggio per tutti i fedeli e i laici toccati dal dramma quotidiano vissuto a Lampedusa ma traccia permanente di una memoria che non deve e né può svanire. E a San Pietro, dopo la significativa tappa dell’Istituto Nazionale Salute Migrazioni e Povertà, quella Croce, occasione di riflessione di tutte le periferie del mondo, è tornata da Papa Francesco in occasione del Giubileo dei Migranti. 
 accoglienza e assistenza sanitaria

Concetta Mirisola dirige l’Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti

“La nostra presenza in San Pietro - ha detto Concetta Mirisola che dirige l’Istituto di assistenza socio-sanitaria assicurando un alto livello di qualità delle prestazioni fornite attraverso un approccio transculturale - intende evidenziare quanto è importante la stretta collaborazione tra tutti coloro, laici e cattolici, che nelle strutture pubbliche, in quelle religiose, nel volontariato e nel privato sociale lavorano per una vera accoglienza e per una positiva integrazione dei migranti”.  
Le attività sanitarie dell’Istituto nazionale si sviluppano attraverso l’adozione e la diffusione di modelli organizzativi efficienti per la presa in carico delle persone migranti e povere, di iniziative volte all’aumento dell’accesso ai servizi sanitari, tra cui progetti di medicina sociale, l’elaborazione e la diffusione a livello nazionale di conoscenze statistico-epidemiologiche sullo stato di salute delle persone immigrate attraverso l’Osservatorio epidemiologico nazionale, nonché attraverso la conduzione in Italia e all’estero di progetti di salute globale. 
 
Inoltre, l’Inmp è impegnato in attività di ricerca che producano risultati utili alla gestione sanitaria del fenomeno migratorio così come in attività di formazione volta agli operatori sanitari sulla medicina delle migrazioni e sulla transculturalità in sanità.
Nel corso del 2015 dal personale dell’Istituto sono state visitate circa 20.000 persone, migranti o appartenenti alle fasce deboli della popolazione, anche italiana. 
L’Istituto ha partecipato attivamente all’assistenza ai migranti giunti nel 2015 a Lampedusa, con circa 5.000 visite effettuate per 2.500 persone sbarcate, alle quali è stata fornita cura medico-psicologica.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Dopo Caravaggio. Il Seicento napoletano in mostra a Prato

Dopo Caravaggio. Il Seicento napoletano in mostra a Prato

"Dopo Caravaggio. Il Seicento napoletano nelle collezioni di Palazzo Pretorio e della Fondazione De Vito" è il titolo della mostra organizzata dal...
Corrado Cagli, l’esilio americano e il suo laboratorio eclettico

Corrado Cagli, l’esilio americano e il suo laboratorio eclettico

C'è tutto il suo eclettico laboratorio di idee in questo percorso ricco di circa 200 opere fra dipinti, disegni, sculture, ceramiche, illustrazioni,...
L'influenza della rivoluzione digitale sulla generazioni di artisti che l'ha vissuta: Visio a Firenze

L'influenza della rivoluzione digitale sulla generazioni di artisti che l'ha vissuta: Visio a Firenze

L’arte contemporanea torna a Palazzo Strozzi dal 13 novembre al 1 dicembre con la mostra Visio. Moving Images After Post-Internet, che riunisce le...
Dopo un secolo di attesa Modigliani torna nella sua Livorno

Dopo un secolo di attesa Modigliani torna nella sua Livorno

Si è appena aperta la grande mostra retrospettiva di Amedeo Modigliani (1884-1920) a Livorno, città natale dell'artista, in occasione del centesimo...

Opere monumentali sul mistero ultimo dell’artista visivo Mario Vespasiani 

Al MuMi Museo Michetti di Francavilla al Mare, Chieti, mostra personale di Mario Vespasiani dal titolo Eschatology - opere monumentali sul mistero...

Weekly in Italian

Recent Issues