Il talento poetico di Massimo Troisi torna in sala con ‘Ricomincio da tre’ restaurato

Il talento poetico di Massimo Troisi torna in sala con ‘Ricomincio da tre’ restaurato

L’allora 27enne Massimo Troisi, poi prematuramente scomparso, in “Ricomincio da tre”

E’ tornato al cinema in versione restaturata, a cura del Centro sperimentale di Cinematografia, il film cult “Ricomincio da tre” a 35 anni dall’uscita nelle sale. 
Nel 1981, un allora 27enne Massimo Troisi, regista e attore esordiente sul grande schermo, batte tutti incassando 14 miliardi delle vecchie lire (su un costo di 450 milioni) superando i grandi campioni del tempo fra cui “L'impero colpisce ancora”, secondo capitolo di Guerre stellari, e raggiungendo il record del film rimasto in sala più a lungo, 600 giorni. 
 
Si affacciava sul grande schermo il talento e la poesia che accompagnerà poi il resto della carriera e l’uscita postuma de “Il Postino” nel 1994. L’ultima, toccante, interpretazione dell’attore napoletano scomparso 12 ore dopo la fine delle riprese, che otterrà 5 candidature agli Oscar (ma solo una statutetta) e un incasso record di 22 milioni di dollari, 10 in più di quelli guadagnati da “Nuovo Cinema Paradiso” di Giuseppe Tornatore. 
 
Da subito la comicità napoletana, fatta di pause e guizzi arguti, di malinconia, surrealismo, paradossi ed estrema umanità conquistò il pubblico e la critica. Il finale, che spiega il titolo, ne è la dimostrazione nel dialogo tra Gaetano: “Chell ch’è stato è stato…Basta, ricomincio da tre” e Lello: “Da zero! Ricomincio da zero”. Ma Gaetano ribatte: “Nossignore, ricomincio da …cioè…tre cose me so’ riuscite dint’a vita, pecché aggià perdere pure chest? Aggia ricomincià da zero? Da tre!”.
In Italia la pellicola che racconta storia di un giovane e timido  ragazzo di San Giorgio a Cremano (Napoli), che decide di trasferirsi a Firenze lasciando la vita in famiglia, ha vinto due David di Donatello (miglior film e attore protagonista), 4 Nastri d'argento (miglior attore, regista emergente, produttore e miglior soggetto) e due Grolle d'oro. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Tanta Italia a Cannes Classics: tributi a De Sica, Bertolucci, Magnani e l’omaggio speciale di DiCaprio a Lina Wertmuller

Tanta Italia a Cannes Classics: tributi a De Sica, Bertolucci, Magnani e l’omaggio speciale di DiCaprio a Lina Wertmuller

Da quindici anni il Festival di Cannes ha sostituito le Retrospettive con la sezione Cannes Classics, che ospita in anteprima mondiale nuovi restauri...
L'Aria che si respira alla 49° edizione del Giffoni Film Festival fa superare i confini della fantasia

L'Aria che si respira alla 49° edizione del Giffoni Film Festival fa superare i confini della fantasia

Non è facile definire quello che il Giffoni Film Festival ha significato per intere generazioni in 50 anni di storia. Un percorso articolato e ricco...
A Los Angeles, per Fare Cinema 2019, lezione sul linguaggio musicale di Franco Eco

A Los Angeles, per Fare Cinema 2019, lezione sul linguaggio musicale di Franco Eco

Un evento speciale dedicato ai professionisti dell'industria cinematografica italiana che si svolge annualmente in diverse città del mondo. È "Fare...
Vento d’oriente a Cannes 2019. Nessun premio all’unico film italiano in concorso 'Il Traditore' di Marco Bellocchio

Vento d’oriente a Cannes 2019. Nessun premio all’unico film italiano in concorso 'Il Traditore' di Marco Bellocchio

Vento d’oriente al Festival del film di Cannes 2019. Vince la Palma d’oro Parasite del regista sudcoreano Bong Joon Ho. Gran Premio della Giuria alla...
'Eros e Thanatos' all'Etnofestival di Monselice dedicato alla produzione documentaristica italiana

'Eros e Thanatos' all'Etnofestival di Monselice dedicato alla produzione documentaristica italiana

Una dodicesima edizione particolarmente ricca di proposte culturali per questo Etnofilmfest, il rinomato festival dedicato alla produzione...

Weekly in Italian

Recent Issues