I canti dei siciliani in viaggio verso la Merica, dove tutto poteva accadere

I canti dei siciliani in viaggio verso la Merica, dove tutto poteva accadere

La cartolina datata 1913 è la copertina del libro ‘Merica, Merica. Viaggio verso il Nuovo mondo’

Era l'anno 1912 e sui versi di Libero Bovio, Ernesto De Curtis musicava “'A canzona 'e Napule”: Mme ne vogl'i' a ll'America, Ca sta luntana assaje. Mme ne vogl'i' addò maje. Te pozzo 'ncuntrà cchiù. Mme voglio scurdà 'o cielo,  Tutt' 'e ccanzone e 'o mare.
(Me ne voglio andare all'America che è lontana assai, Me ne voglio andare dove mai Ti posso incontrare più. Mi voglio dimenticare il cielo, Tutte le canzoni e il mare).
 
Mancavano tre anni alla prima guerra mondiale ma la povertà, la voglia di migliorare la propria condizione economica e sociale aveva prodotto i primi migranti spingendoli già da alcuni decenni a lasciare la propria terra, la propria famiglia, i propri affetti per andare alla ricerca di un mondo migliore, e il miraggio aveva un solo nome: America.
 
Il viaggio era lungo, faticoso e pericoloso, incerto il futuro di coloro che, imbarcati su piroscafi a Genova, a Napoli o a Palermo per raggiungere New York, trovavano ad Ellis Island una nuova vita. Alcuni, nel viaggio, avevano già trovato la morte.
Le valigie di cartone gonfie dei generi di prima necessità e fagotti di stoffa con i viveri da consumare durante la lunga traversata. Alcuni portavano una fisarmonica, un mandolino, una chitarra o un violino.
 
“Merica, Merica” Viaggio verso il nuovo mondo (a cura di Salvatore Ferlita e Maurizio Piscopo, Salvatore Sciascia editore), è il titolo del terzo libro, scritto a più mani, che fa parte di una pentalogia che ha inizio con “Musica dai Barbieri” seguito da “Serenate al chiaro di luna” .
Prestigiosi i nomi degli autori che hanno contribuito alla stesura di queste interessanti, documentate, a volte commoventi, altre tristi, altre colme di speranza, pagine di quello che è un libro scritto da chi ha considerato il fenomeno migratorio siciliano dal punto di vista personale, secondo la propria partecipazione emotiva o storica.
 
Francesco Meli, Marcello Benfante, Tony Trupia, Salvatore Ferlita, Silvana Polizzi, Roberto Tripodi, Alessandro Russo, Luigi Sferrazza, Gaetrano Pennino, Claudio Paterna, Maurizio Piscopo e, per le fotografie, Giovanni Moroni e Angelo Pitrone. Il libro contiene un cd con interviste a Mario Taibi, emigrante, e alcune canzoni eseguite dalla Compagnia di Canto Popolare  Favarese che raccontano la nostalgia,  la “spartenza”, separazione, allontanamento, divisione di un nucleo affettivo: il biglietto acquistato con sacrificio, era di sola andata. 
Abbiamo intervistato Maurizio Piscopo che ci ha raccontato un po' il suo libro: “Ogni autore ha sviluppato una tematica specifica così da illustrare il fenomeno migratorio sotto tutti gli aspetti: il cinema, le canzoni, la Rai, i racconti di famiglia, il fenomeno sociale, la tristezza della cronaca, ad esempio di quella madre costretta a gettare in mare, nell'oceano profondo, il cadavere della bambina morta e della sua stessa fine avvenuta pochi giorni dopo quasi a volere riunirsi all'amata figlioletta” 
 
E continua: “Abbiamo dedicato il libro a Papa Francesco al quale spero di poterlo consegnare personalmente, perché ha rotto tutti gli schemi, è andato dai poveri (a Lampedusa dopo il naufragio in cui morirono tantissimi migranti-ndr) ed è figlio di emigranti italiani”.
I napoletani hanno scritto la colonna sonora dei viaggi della speranza dei nostri meridionali nella terra dove tutto poteva accadere, dove tutto poteva cambiare, dove potevi avere una vita migliore. E così è stato per molti, a fronte di tanti sacrifici, c'è chi ce l'ha fatta, chi ha realizzato il proprio sogno, c'è chi ha chiamato i propri parenti stuzzicandoli magari inviando delle foto-cartoline sulle quali mostravano l'immagine del benessere, del loro successo anche per rassicurare coloro che erano rimasti al paese.
Il sogno nel cassetto è di fare un film sui migranti e di divulgare i canti tradizionali popolari che da anni ormai portano in giro i cantori ddella Compagnia di Canto Popolare Favarese. Dà l'impressione di essere uno dei personaggi dei suoi libri. “Sì - conferma - penso di essere stato anch'io un emigrante, ho viaggiato, ho cercato e forse ho trovato la mia identità in questo viaggio, in questi sogni, nella scrittura che ha per me una funzione terapeutica e attraverso di essa riesco a dire quello che ho nel cuore”.
 
E racconta una storia: “Ero seduto con un amico e gli dicevo che volevo fare lo scrittore e mi sembrava una parola grandissima. Mi trovai per caso accanto allo scrittore Leonardo Sciascia che di mestiere faceva il maestro di scuola elementare, come me. Dissi che mi ero stancato e che volevo cambiare professione, fare lo scrittore. Lui mi convinse a continuare a lavorare alla crescita dei bambini e che un giorno, senza bisogno di lasciare la mia terra, avrei cominciato a scrivere. E così ho fatto”.
Maurizio Piscopo, rimasto nella sua Sicilia, continua a fare il maestro di scuola ma coltiva le sue due passioni, la scrittura e la musica che porta in giro con la sua piccola orchestra. Ed è felice perché il pubblico, attraverso le sue canzoni, si riappropria del passato e della memoria.
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Tra tempeste e alisei, anche il viaggio di ritorno dalle Americhe non fu facile per Colombo e le sue caravelle

Tra tempeste e alisei, anche il viaggio di ritorno dalle Americhe non fu facile per Colombo e le sue caravelle

Il blu del mare. Profondo. Infinito. Ovunque si guardi l’orizzonte dall’isola di Santa Maria nell’arcipelago portoghese delle Azzorre, c’è solo l’...
 Ricordare il passato per guardare al futuro in modo consapevole: Memoria Viva a Cassino

Ricordare il passato per guardare al futuro in modo consapevole: Memoria Viva a Cassino

Ricordare il passato e guardare al futuro in modo più consapevole, attraverso il ricorso a tecnologie innovative, come la realtà aumentata, e...
Il ricordo del mio primo giorno di scuola

Il ricordo del mio primo giorno di scuola

Il ricordo del primo giorno di scuola, quando le scuole si riaprivano il 1°ottobre, me lo porto dietro come un vecchio santino nel portafoglio che...
'Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare'. D'Annunzio e il suo Abruzzo

'Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare'. D'Annunzio e il suo Abruzzo

“Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare. Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori lascian gli stazzi e vanno verso il mare : scendono all’Adriatico...
Storia di un anarchico abruzzese tra Stati Uniti e Sud America

Storia di un anarchico abruzzese tra Stati Uniti e Sud America

Sono pochi gli uomini che si spendono per gli altri. Eccezioni. Ma sono le eccezioni che aiutano a credere negli uomini. E per convincersi che l’...

Weekly in Italian

Recent Issues