Dal Thanksgiving una lezione di appartenenza trasmessa col cibo

La ricorrenza del Thanksgiving è la Festa Nazionale più importante degli Stati Uniti

La ricorrenza del Thanksgiving è la Festa Nazionale più importante degli Stati Uniti

“Tutti voi Pellegrini, con le vostre mogli e i vostri piccoli, radunatevi alla Casa delle Assemblee, sulla collina per ascoltare lì il pastore e rendere Grazie a Dio onnipotente per tutte le sue benedizioni”.

Nacque nel 1621 a Plymouth, nel Massachusetts, la Festa del Ringraziamento, in segno di riconoscenza per il primo raccolto che permise ai coloni inglesi di sopravvivere al rigido inverno del loro arrivo. 
Nel menù di quel primo Ringraziamento americano ci furono pietanze che divennero tradizione per feste che da allora si diffusero in tutti gli Stati Uniti. 
 
Sapori che immediatamente si legano a ricordi, a usi e costumi familiari, alle origini non solo personali ma sociali, che sono sinonimi di appartenenza alla propria comunità.
Lo stesso può valere per gli immigrati che ritrovano in una pietanza, in un profumo, in un gusto, un legame intimo con il proprio passato e le origini.
 
Ecco perchè scoprire un ristorante in Idaho, nella Sun Valley che sforna pane caldo e saporiti manicaretti tipicamente toscani, può diventare un tuffo nei ricordi personali, un’esperienza sensoriale che ricrea emozioni quasi ataviche in un italoamericano che pure ha alle spalle più decenni vissuti negli Usa che non nel Belpaese e che magari festeggia convintamente il Thanksgiving Day, sentendosi americano.
 
I legami con la propria cultura spesso sono tessuti di fili invisibili e insospettabili: dalle abitudini alimentari a uno slang che marca il territorio di provenienza.
Per tutti gli altri, queste caratteristiche sono folklore, sono fissazioni, sono stranezze. 
 
Ma immergersi nella cultura italiana attraverso la sua enogastronomia, ad esempio, è solo uno dei tanti modi per conoscere e capire l’Italia. Significa imparare a decifrare quel linguaggio non verbale che ne costituisce l’essenza profonda e unica che distingue i paesi, le regioni, i dialetti, i costumi.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Viaggio verso l’immortalità: il fascino delle mummie al Museo Archeologico Nazionale di Firenze

Viaggio verso l’immortalità: il fascino delle mummie al Museo Archeologico Nazionale di Firenze

Stefano Casciu, Direttore del Polo museale della Toscana, Maria Cristina Guidotti, Curatrice della Sezione “Museo Egizio” del Museo Archeologico...
Contaminazione tra le arti: Giornate della Fotografia all’Asinara

Contaminazione tra le arti: Giornate della Fotografia all’Asinara

Tre giornate dedicate alla fotografia all’Asinara dove cento persone, fotografi, filosofi, scrittori, storici e cineasti, storici e critici dell’arte...
Da Van Gogh a Picasso: la collezione Thannhauser da New York a Milano

Da Van Gogh a Picasso: la collezione Thannhauser da New York a Milano

La mostra della Fondazione Guggenheim di New York La collezione Thannhauser, da Van Gogh a Picasso in programma a Palazzo Reale dal 17 ottobre al 9...
Nel cinquecentenario della nascita, dipinti, incisioni, abiti e la sua armatura svelano Cosimo I, il primo Granduca di Firenze

Nel cinquecentenario della nascita, dipinti, incisioni, abiti e la sua armatura svelano Cosimo I, il primo Granduca di Firenze

In occasione del cinquecentenario della nascita del primo Granduca di Firenze, in mostra dipinti, incisioni, abiti e l’armatura dello stesso Principe...
A Siena è effetto Araki: 50 anni di fotografia in 2200 opere

A Siena è effetto Araki: 50 anni di fotografia in 2200 opere

È aperta a Siena, presso il complesso museale Santa Maria della Scala, una nuova grande mostra del maestro Nobuyoshi Araki (Tokyo, 1940). L’...

Weekly in Italian

Recent Issues