Cultura a portata di click: a Venezia il Google Cultural Institute

Cultura a portata di click: a Venezia il Google Cultural Institute

Luisella Mazza, Head of Country Operations del Google Cultural Institute, Giorgia Abeltino, responsabile Public Policy del Google Cultural Institute Institute e Paolo Baratta, presidente della Biennale di Venezia (Ph. Andrea Avezzù - Biennale di Venezia)

Sogni, concretezza e lungimiranza. I nuovi pionieri della cultura mondiale uniscono le forze. “Immaginate che cosa potrebbe significare per un cittadino della Nuova Zelanda poter visitare da casa il proprio padiglione nazionale alla Biennale di Venezia”. S'interrogava così il presidente della Biennale, Paolo Baratta, durante l'inaugurazione dello spazio dimostrativo Google Cultural Institute @ Biennale Arte 2015. “Siamo il santuario della conoscenza emotiva dove si celebra il contatto diretto tra la comunità degli artisti e i visitatori. Insieme vedono ed elaborano - ha poi proseguito Baratta - e l’incontro con Google ci mette nella condizione di ripensare a come si comunica col mondo. Da qui nasceranno nuove idee e cresceremo sempre di più”.
 
Curata da Okwui Enwezor, la Biennale Arte 2015 ha chiusp ufficialmente il 22 novembre. Non tutti però hanno avuto la possibilità di visitarla. 
Ecco allora l'incredibile opportunità per scoprirla anche a distanza (fino al 23 gennaio 2016) sul sito del Google Cultural Institute, www.g.co/biennalearte2015, e su quello della Biennale, http://www.labiennale.org/it/arte/esposizione2015-online. Si potrà visionare una ricca selezione di opere e annessi padiglioni dei 70 Paesi partecipanti. 
 
Chi avesse invece la possibilità di fare tappa in laguna, fino al 23 gennaio potrà raggiungere direttamente il Google Cultural Institute @ Biennale Arte 2015 presso la sede della Biennale di Ca' Giustian (a due passi da piazza San Marco), e qui apprendere i risultati e le tecnologie utilizzate per realizzare la messa online della Mostra secondo i termini della collaborazione tra l’ente culturale veneziano e il colosso di Mountain View. 
 
A salire subito dopo in cattedra, il Liquid Galaxy presentato per la prima volta in Italia, uno strumento composto da diversi schermi affiancati ad alta risoluzione e in grado di offrire al pubblico l'esperienza coinvolgente di una visita virtuale della Biennale Arte 2015 attraverso le oltre 80 immagini Street View realizzate nelle aree espositive interne ed esterne dei Giardini e dell’Arsenale. 
Sempre in questo edificio, quattro postazioni dotate di tablet consentono di apprezzare le opere navigando gratuitamente sul web. Ciliegina sulla torta, la possibilità di utilizzare lo speciale visore Google Cardboard, che unito al proprio smartphone (sul quale dovranno essere scaricate le app da Google Play), offrirà al visitatore un incredibile tour virtuale. Nato nel 2011 per preservare e promuovere il patrimonio culturale rendendolo fruibile all'intera popolazione mondiale attraverso il costante sviluppo tecnologico, il Google Cultural Institute ha realizzato progetti in collaborazione con importanti partner italiani e internazionali tra cui musei, fondazioni, siti di interesse culturale, archivi e altre prestigiose istituzioni. A oggi il suo “patrimonio virtuale” conta più di 6 milioni di foto, video, manoscritti e altri documenti di arte, cultura e storia; oltre 1.600 mostre digitali; più di 190 mila opere d’arte disponibili sulla piattaforma Art Project di cui 130 in altissima risoluzione (Gigapixel); oltre 500.000 gallerie create dagli utenti di cui 45.000 condivise pubblicamente.
 
“La Biennale è l’espressione più alta dove le diverse culture si uniscono attorno a un tema” ha poi sottolineato Giorgia Abeltino, Head of Public Policy, Google Cultural Institute. Sulla stessa linea anche il ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini: “La collaborazione tra La Biennale di Venezia e Google Cultural Institute conferma quanto la tecnologia sia una grande alleata della valorizzazione del patrimonio culturale, contribuendo ad abbattere le distanze e favorire il dialogo”. Così, mentre in certe zone del mondo c'è chi prova a cancellare la tracce dell'uomo nel nome della più brutale e sanguinosa intolleranza, Google e la Biennale rispondono insieme con un progetto aperto a tutto il mondo nel nome della “cultura condivisa”. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Firenze le avanguardie del primo Novecento attraverso 130 opere dell'anticonformista Natalia Goncharova

A Firenze le avanguardie del primo Novecento attraverso 130 opere dell'anticonformista Natalia Goncharova

Fino al 12 gennaio 2020 Palazzo Strozzi celebra Natalia Goncharova, straordinaria figura femminile delle avanguardie di primo Novecento, attraverso...
A Cortona 50 artisti per l'omaggio al pittore Gino Severini

A Cortona 50 artisti per l'omaggio al pittore Gino Severini

Opere di Paul Caponigro, di Charl Ortega, di quattro artisti provenienti dal museo de La Permanente di Milano, faranno da lascia passare ai più di...
Plasmato dal fuoco. La scultura in bronzo nella Firenze degli ultimi Medici

Plasmato dal fuoco. La scultura in bronzo nella Firenze degli ultimi Medici

Tutta l’energia dell’arte barocca imprigionata nel metallo, grazie alla potenza viva della fiamma: è questo, in sintesi, il concetto di Plasmato dal...
La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini, la città gioiello nel magico filtro della pittura

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini, la città gioiello nel magico filtro della pittura

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio...
Il cuore sulla montagna di Ulassai: omaggio all'arte di Maria Lai

Il cuore sulla montagna di Ulassai: omaggio all'arte di Maria Lai

Il 21 Settembre, sulla montagna di Ulassai, è prevista l’inaugurazione di un’opera site-specific di carattere permanente che entrerà a far parte...

Weekly in Italian

Recent Issues