Dalle pagine in Italiano alla visione globale de L’Italo-Americano

Dalle pagine in Italiano alla visione globale de L’Italo-Americano

Nel 2007 l'Onu ha stimato una comunità di 290 milioni di persone che parlano o capiscono l'italiano come prima o seconda lingua

L’Italo-Americano nasce in lingua italiana per dare voce alla fragile comunità di emigrati che cercava la sua identità di gruppo. Parlava la lingua dei suoi lettori che, arrivati negli Stati Uniti, portavano con sè la memoria diretta e personale dell’Italia, la nostalgia del mondo lasciato oltreoceano e il dialetto del luogo di provenienza.

A un certo punto della sua storia però, il giornale capisce che è necessario adeguarsi alla società in cui vive, a una comunità che nel frattempo è profondamente mutata. Non vuole sentirsi un corpo estraneo e tantomeno esserlo per il proprio pubblico. A quasi 70 anni dalla fondazione editoriale, gli italoamericani sono cambiati, non sentono più l’inglese come un ostacolo alla vita di tutti i giorni ma al contrario quella lingua è il loro passaporto quotidiano. Inoltre, dovendosi rivolgere sempre più frequentemente alle generazioni successive di quegli emigranti nati in Italia, e che ormai sono naturalmente “English native”, rischia di essere incomprensibile ai più. Così introduce una sezione in inglese e torna ad avvicinarsi alla comunità di cui vuole essere la voce, lo specchio e lo strumento di espressione.

L’ultima rivoluzione avviene in anni recentissimi. Questa volta L’Italo-Americano fa un passo più lungo ma lungimirante: sceglie di essere inclusivo. Non solo vuole essere rispettoso della identità dei suoi lettori che ormai sono perfettamente integrati nella comunità statunitense e si sentono americani e English-speaking a tutti gli effetti ma non vuole tagliare fuori chi, pur non avendo radici italiane, è curioso di conoscere il Belpaese e scoprire chi sono gli italiani e gli italoamericani di oggi. C’è di più. Il giornale non vuole ghettizzare la comunità, non vuole definire i contorni di una anacronistica Little Italy che non solo c’è più ma che in una società fluida come l’attuale non potrebbe più esserci. Tantomeno vuole trasformare le sue pagine in un circolo elitario per soli italiani. Vuole al contrario comunicare con tutti, dialogare con un universo vario e cangiante.

L’Italo-Americano è parte della società e come i suoi lettori è globale. Con la digitalizzazione dei contenuti e la sua interfaccia interattiva, oggi si relaziona con il mondo e partecipa alla condivisione dell’italianità con chiunque voglia saperne di più a qualsiasi latitudine si trovi. Lo fa sia in italiano che in inglese perchè qualsiasi mezzo linguistico si usi, conta che arrivi il messaggio di promozione culturale che gli articoli intendono veicolare.

Grazie alla diffusione digitale, il nostro giornale si rivolge a una platea potenzialmente gigantesca non solo perchè sfrutta il veicolo comunicativo inglese ma perchè non perde, nemmeno sul portale, la sua lingua originaria. Così facendo, si offre anche a quei circa 290 milioni di parlanti che comprendono l'italiano come prima (145 milioni) o seconda lingua stimati dall’Onu nel 2007. Non si dimentichi in proposito che solo negli Stati Uniti, il censimento del 2000 collocava l'italiano al sesto-settimo posto tra le lingue più parlate in casa nè che si registra un interesse crescente per l'italiano come "lingua due", cioè appresa successivamente a quella materna. Secondo le ultime stime, datate dicembre 2014, gli studenti di italiano in enti riconosciuti per l’insegnamento linguistico risultavano 1.761.436 nel mondo (di cui quasi 143mila negli Usa), cioè il 15,72% in più di quanto riferito agli Stati generali della lingua italiana l’anno precedente a conferma di un interesse solido, costante, che non subisce battute d’arresto.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Tra tempeste e alisei, anche il viaggio di ritorno dalle Americhe non fu facile per Colombo e le sue caravelle

Tra tempeste e alisei, anche il viaggio di ritorno dalle Americhe non fu facile per Colombo e le sue caravelle

Il blu del mare. Profondo. Infinito. Ovunque si guardi l’orizzonte dall’isola di Santa Maria nell’arcipelago portoghese delle Azzorre, c’è solo l’...
 Ricordare il passato per guardare al futuro in modo consapevole: Memoria Viva a Cassino

Ricordare il passato per guardare al futuro in modo consapevole: Memoria Viva a Cassino

Ricordare il passato e guardare al futuro in modo più consapevole, attraverso il ricorso a tecnologie innovative, come la realtà aumentata, e...
Il ricordo del mio primo giorno di scuola

Il ricordo del mio primo giorno di scuola

Il ricordo del primo giorno di scuola, quando le scuole si riaprivano il 1°ottobre, me lo porto dietro come un vecchio santino nel portafoglio che...
'Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare'. D'Annunzio e il suo Abruzzo

'Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare'. D'Annunzio e il suo Abruzzo

“Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare. Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori lascian gli stazzi e vanno verso il mare : scendono all’Adriatico...
Storia di un anarchico abruzzese tra Stati Uniti e Sud America

Storia di un anarchico abruzzese tra Stati Uniti e Sud America

Sono pochi gli uomini che si spendono per gli altri. Eccezioni. Ma sono le eccezioni che aiutano a credere negli uomini. E per convincersi che l’...

Weekly in Italian

Recent Issues