Street art, creatività a uso sociale

Street art, creatività a uso sociale

Artisti da tutt’Europa hanno ridisegnato con fantasia e creatività i muri abbandonati dell’Ippodromo milanese

Bisogna ammettere che è ufficiale: le vacanze sono terminate e Milano si sta ripopolando. Le strade sono nuovamente rumorose, i parcheggi scarseggiano, vi sono  macchine ovunque! Mentre qualche giorno fa si poteva stare larghi sui mezzi pubblici, si trovava sempre posto nei parcheggi o nei ristoranti, oggi dovete fare attenzione a non sprecare quel mezzo centimetro prezioso che avete a disposizione. La città si è risvegliata dalla pausa estiva e conseguentemente il traffico è aumentato: quindi meglio usare la metropolitana per spostarsi più agevolmente.  I mezzi, anche se ancora con orario estivo per pochi giorni, incominciano ad essere decisamente più pieni. Le abitudini riprendono il loro normale svolgimento.
Ogni mattina si ripresentano le solite scene: tutti insieme sulle metropolitane o sui mezzi, persi nel proprio giornale, nello smatphone o nel libro da sfogliare pur di isolarsi dalla calca a cui si è costretti. 
 
Insomma la Milano deserta, che da un lato forse faceva tristezza, ma dall’altro era un luogo magico, è un ricordo ormai passato di agosto. 
Per un mese i reduci rimasti in  città  hanno vissuto Milano come fosse  propria:  tutti si era un po’ più amici, più vicini, quasi solidali in questa metropoli dalle strade deserte. Ci si ritrovava tutti per un aperitivo nei pochi posti aperti o a camminare in centro per fare un po’ di compere, mentre i negozi di quartiere erano selvaggiamente chiusi. 
Poi questa situazione quasi fantascientifica per Milano, come ogni anno, è lentamente svanita e tutto è tornato come se non si fosse mai interrotto nulla.
Forse Milano era più bella, forse più brutta, ma in ogni caso sempre capace di offrire emozioni contrastanti. 
Eccoci nella nuova stagione e gli appuntamenti non mancano, per tutti e per ogni  gusto. 
 
Partiamo dagli amanti dell’arte. In arrivo una mostra a Palazzo Reale che promette bene. Fino al 10 gennaio 2016 ne avrà luogo una sul grande Giotto. Questo artista fu  l’alter ego di Dante in pittura e uno dei maggiori artisti italiani e mondiali. La mostra è una restrospettiva interessante che mette in evidenza le sue capacità innovative in pittura. Che ne dite poi di fare un salto in fiera tutti insieme? Il programma è fittissimo. Resta protagonista sicuramente indiscussa l’Expo fino ad ottobre, ma numerose sono le altre esposizioni. Fra tutte c’è Hobby Show, il grande salone della creatività. Si parla di tempo libero, di passioni, di tutto ciò che la fantasia porta ad arricchire le nostre giornate. Una fiera ad ingresso gratuito tutta colorata, per un inizio autunnale nell’allegria e nella spensieratezza. 
 
Altro evento a cui non mancare è la magnifica esposizione di opere street art all’aperto. Avete tutto il tempo non c’è scadenza. 
Siamo alla fermata metropolitana Lotto. La passeggiata da fare è  tra  Viale Carilli e Via Diomede, dove sorge l’ippodromo. Questa struttura è circondata da un lungo muro che per anni è stato lasciato in stato di degrado. Da qui è partita l’idea di riqualificarlo con una iniziativa che ha portato colore e arte: una esposizione di street art. Numerosi writters professionali hanno incominciato a lavorare da agosto, trasformando completamente questa parete di oltre tre chilometri. Il tema portante è la natura e i cavalli, in linea con la struttura di riferimento. Oltre un chilometro di interpretazioni artistiche tutte realizzate con bomboletta, passione, colori e fantasia. 
I writters da tutta Europa hanno creato una raccolta di opere che non solo riqualificano un muro, ma lo rendono un posto speciale a confine tra fantasia e realtà. Gli stili si alternano tra grafiche più morbide e soluzioni creative graffianti. E’ una ulteriore testimonianza di come questo settore dell’arte sia una espressione piacevole, se realizzata nel rispetto delle strutture pubbliche ed architettoniche e di come il colore possa cambiare il paesaggio circostante rendendolo da anonimo a un posto speciale. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Viaggio verso l’immortalità: il fascino delle mummie al Museo Archeologico Nazionale di Firenze

Viaggio verso l’immortalità: il fascino delle mummie al Museo Archeologico Nazionale di Firenze

Stefano Casciu, Direttore del Polo museale della Toscana, Maria Cristina Guidotti, Curatrice della Sezione “Museo Egizio” del Museo Archeologico...
Contaminazione tra le arti: Giornate della Fotografia all’Asinara

Contaminazione tra le arti: Giornate della Fotografia all’Asinara

Tre giornate dedicate alla fotografia all’Asinara dove cento persone, fotografi, filosofi, scrittori, storici e cineasti, storici e critici dell’arte...
Da Van Gogh a Picasso: la collezione Thannhauser da New York a Milano

Da Van Gogh a Picasso: la collezione Thannhauser da New York a Milano

La mostra della Fondazione Guggenheim di New York La collezione Thannhauser, da Van Gogh a Picasso in programma a Palazzo Reale dal 17 ottobre al 9...
Nel cinquecentenario della nascita, dipinti, incisioni, abiti e la sua armatura svelano Cosimo I, il primo Granduca di Firenze

Nel cinquecentenario della nascita, dipinti, incisioni, abiti e la sua armatura svelano Cosimo I, il primo Granduca di Firenze

In occasione del cinquecentenario della nascita del primo Granduca di Firenze, in mostra dipinti, incisioni, abiti e l’armatura dello stesso Principe...
A Siena è effetto Araki: 50 anni di fotografia in 2200 opere

A Siena è effetto Araki: 50 anni di fotografia in 2200 opere

È aperta a Siena, presso il complesso museale Santa Maria della Scala, una nuova grande mostra del maestro Nobuyoshi Araki (Tokyo, 1940). L’...

Weekly in Italian

Recent Issues