Gran fondo del Gallo nero: lo sport promuove l’eccellenza enoculturale del Chianti classico nel mondo

Gran fondo del Gallo nero, Chianti Classico, Cultura Italiana, Italian culture, Italian heritage, Italian american, Italian news, Italian traditions

Corsa ciclistica tra le colline del Chianti toscano per promuovere il vino

 

Talento, passione, spirito di sacrificio. Una combinazione perfetta a garanzia di successo in campo sportivo e anche alla base della creazione di ogni grande vino. Se poi lo sport è il ciclismo e il vino uno dei più importanti e autentici marchi dell’enologia mondiale, la comunanza di valori e di strumenti per metterli in pratica diventa ancora più permeante. 
 
Spinto da questa premessa il Consorzio Vino Chianti Classico, insieme alla Chianti Classico Company, ha dato il via alla seconda edizione della “Gran Fondo del Gallo Nero”, con partenza dalla House of Chianti Classico di Radda in Chianti, prima dimora dell’eccellenza enoculturale del Chianti Classico ed esperienza unica nel suo genere, nata dopo un lungo e sapiente restauro dell’antico Convento di Santa Maria al Prato che è tornato proprio in questa stagione a vivere nella poliedrica veste di “casa del Gallo Nero”. 
 
Cicloturisti, amatori e professionisti hanno aderito numerosi  a un’iniziativa che ha previsto due diversi percorsi: uno lungo di 135 km e uno medio di 79 km, entrambi ovviamente immersi nella cornice unica del territorio di produzione del Gallo Nero, meta ogni anno di migliaia di cicloturisti provenienti da tutto il mondo che hanno così potuto  cimentarsi in una gara al fianco dei loro colleghi locali e internazionali. 
 Il Chianti classico è tra le migliori etichette enologiche del mondo 

 Il Chianti classico è tra le migliori etichette enologiche del mondo 

 
La Gran Fondo ha offerto l’occasione per testare un’inedita scalata, quella del Passo del Morellino, che da Radda sale verso un panorama unico contornato da vigne e olivi per poi addentrarsi in una serie di rampe in mezzo al bosco che precedono l’arrivo al Valico del Morellino a 750 mt slm, per una lunghezza totale di circa 7.5 km con pendenze che toccano il 17%. 
 
Seppur conosciuta dagli appassionati locali la “Scalata del Morellino”, ha debuttato con la Gran Fondo in una gara ufficiale con tutta la sua bellezza paesaggistica e difficoltà agonistica che richiede un alto spessore tecnico per affrontarla al meglio. 
 
“Il Gallo Nero – afferma Sergio Zingarelli, presidente del Consorzio Chianti Classico - è uno dei simboli più rappresentativi e stimati della Toscana nel mondo, regione che sempre più attira un pubblico di amanti della bicicletta che trovano nelle nostre strade la dimensione ideale per godere di questo sport. Un benvenuto ai professionisti, agli addetti ai lavori e al pubblico, nella speranza che questa gara possa diventare un appuntamento fisso per il circuito nazionale e internazionale delle due ruote”.
 
“Il ciclismo - aggiunge Michele Zonin, presidente della Chianti Classico Company - è uno degli sport qui più praticati che abbiamo voluto sostenere attraverso il merchandising e l’organizzazione di eventi dedicati che hanno come comun denominatore il Gallo Nero del Chianti Classico, simbolo non solo di eccellenza enologica in tutto il mondo ma anche di un territorio da  vivere fino in fondo, godendo dei suoi paesaggi unici, anche in bicicletta, durante una pedalata in famiglia o nei metri finali di una grande volata”. 
 
Assolutamente in tema anche i premi: i più abili delle diverse categorie hanno portato a casa alcune tra le migliori etichette del mondo, fornite per l’occasione direttamente dai Produttori del Gallo Nero. Come primo premio “tanto vino quanto pesa l’atleta”. All’ultimo arrivato invece la maglia nera del Gallo Nero, la nuova divisa da ciclista lanciata dal Chianti Classico l’anno scorso.
 
Un tempo, tra il 1946 e il 1952, la Maglia Nera era la maglia dell’ultimo classificato al Giro d’Italia. Divenne quasi un simbolo di “slow sport”, attirava personaggi al di fuori del mondo agonistico che si iscrivevano alle gare solo per perdere più tempo possibile godendo del panorama e dell’offerta enogastronomica dei territori in cui si svolgevano le gare, per poi arrivare ultimi e avere il diritto di indossare la Maglia Nera. 
 
La nuova Maglia Nera vuole rappresentare l’altra faccia del ciclismo, che oltre a cronometri, fughe in volata e sano agonismo ha anche un valore culturale importante, diventando un mezzo non tanto per vincere, ma piuttosto per scoprire e vivere luoghi e territori unici. 
 
La Gran Fondo si inserisce nel quadro di attività volte alla valorizzazione e promozione del brand del Gallo Nero e del suo territorio nel mondo attraverso iniziative legate allo sport e al lifestyle: dopo la prima enoteca consortile aperta al Mercato Centrale di Firenze e la prima casa (The House of Chianti Classico) legata a un marchio collettivo del vino, inaugurata a giugno al Convento di Santa Maria al Prato a Radda in Chianti è arrivata anche l’apertura del “Crystal Lounge Gallo Nero”, il primo ristorante affacciato su un campo di calcio di serie A presso lo stadio Artemio Franchi di Firenze, che vedrà presto la sua inaugurazione ufficiale. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Salvi olio, pasta e vino: gli Usa (principale mercato extraUe) non inaspriranno i dazi sull’agroalimentare made in Italy

Salvi olio, pasta e vino: gli Usa (principale mercato extraUe) non inaspriranno i dazi sull’agroalimentare made in Italy

Olio, pasta e vino non saranno penalizzati dalla revisione delle liste di merci Ue colpite dai dazi Usa. Il dipartimento del Commercio Statunitense...
Resta il pericolo dazi ma il mercato Usa è necessario, strategico e non sostituibile per l'export italiano

Resta il pericolo dazi ma il mercato Usa è necessario, strategico e non sostituibile per l'export italiano

L’Italia esce indenne dall’ultimo giro di valzer sui dazi: nessun nuovo prodotto Made in Italy entra nella lista rivista di quelli soggetti a nuove...
Nonostante l'incognita dazi Usa, la produzione dei vini certificati Doc e Docg della Toscana vola sui mercati esteri

Nonostante l'incognita dazi Usa, la produzione dei vini certificati Doc e Docg della Toscana vola sui mercati esteri

Oltre il 50% della produzione certificata DOC e DOCG della Toscana vola sui mercati esteri, rappresentando circa il 19% del totale export di vini DOP...
Nel carrello della spesa delle famiglie italiane sempre più Asiago Dop

Nel carrello della spesa delle famiglie italiane sempre più Asiago Dop

La diffusione del coronavirus espone l’economia mondiale e quella italiana ad un crescente rischio di rallentamento. La Cina, dopo Stati Uniti e...
Profondo rosso per l'export dei vini italiani (-7%) a causa dei Dazi Usa

Profondo rosso per l'export dei vini italiani (-7%) a causa dei Dazi Usa

I dazi statunitensi mettono nel caos l’export del vino. E a farne le spese, a dicembre, non sono solo i Paesi penalizzati in dogana ma anche l’Italia...

Weekly in Italian

Recent Issues