La scultura di Michelangelo rivive nelle opere di altri artisti in mostra alla Galleria dell'Accademia di Firenze

La scultura di Michelangelo, Galleria dell'Accademia di Firenze, italian culture, italian heritage, italian american, italian news, italian traditions

Jacques-Ernest Bulloz, Lo Schiavo morente, 1920 ca. Stampa alla gelatina bromuro d’argento. Firenze, Biblioteca Berenson, Fototeca, Villa I Tatti

 

Riconoscere e far rivivere Michelangelo Buonarroti in fotografie, rivisitazioni e nuove interpretazioni. 
In occasione dei 450 anni dalla sua morte la Galleria dell’Accademia di Firenze, con la collaborazione della Fratelli Alinari, ha celebrato il grande artista attraverso un’esposizione, che ha messo in luce l’influenza e la rinnovata ammirazione per l’artista, che continua a suscitare nelle opere di pittori, di fotografi e di scultori contemporanei.
 
Il percorso espositivo comincia dalle rappresentazioni della fisionomia e della personalità di Buonarroti, grazie all’intervento di Eugène Delacroix, Auguste Rodin, gli Alinari e John Brampton Philpot. 
 
Si stabilisce così un nuovo rapporto tra gli storici dell’arte e i fotografi, basti pensare a Giuseppe Pagano per la Pietà di Palestrina, alle produzioni fotografiche di David Finn e di Aurelio Amendola.
 
Lo spirito di Michelangelo si riconosce anche in artisti del Novecento, come Medardo Rosso, Henri Matisse, Carlo Mollino, per poi passare agli anni ’70 caratterizzati dalle ricerche di Tano Festa, Paolo Monti, Antonia Mulas, fino alla metamorfosi in “assenza” nelle immagini di Thomas Struth e Candida Höfer. L’ultima sezione della mostra è invece incentrata sul fenomeno della copia e dell’imitazione nell’epoca della riproducibilità, evidente in artisti come Karen Knorr, Lisa Sarfati e Tim Parchikov.
 
L’autore dell’imponente David, nonché maestro del Rinascimento, è stato un punto di riferimento iconografico, lo è e ritengo che lo sarà sempre e la sua riscoperta assume il significato di esaltazione delle arti, che rivestono un ruolo importante nel mondo. 
 
Questa interessante e affascinante mostra, che si è distinta per le diverse modalità di espressione e traduzione della scultura michelangiolesca, lo ha messo in evidenza: dalla fotografia come atto di documentazione, dalla scultura fino all’autonomia degli artisti del Novecento, che creano nuovi punti di vista anche pittorici.
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Silvi, Abruzzo, ‘perla dell’Adriatico, Italian culture, Italian heritage, Italian american, Italian news, Italian traditions

Silvi, la ‘perla dell’Adriatico’ torna a splendere

Negli anni Settanta, Silvi, località balneare abruzzese in provincia di Teramo, era la “perla dell’Adriatico”. E se Rimini ha mitizzato gli anni...
Metafisici, Transavanguardia, Novecento italiano, Italian culture, Italian heritage, Italian american, Italian news, Italian traditions

Dai Metafisici alla Transavanguardia del Novecento italiano

Tornabuoni Arte rinnova il suo annuale appuntamento con la mostra antologica della sua collezione, proponendo una doppia apertura, quasi in...
buone mostre, vista l’arte a Milano, Italian culture, Italian heritage, Italian american, Italian news, Italian traditions

Buoni motivi e buone mostre per non perdere di vista l’arte a Milano

Gli amanti dell’arte che si trovano a Milano durante questo inizio di 2015 non resteranno di certo delusi di fronte alla vasta selezione di mostre...
Arazzi Medicei, Florence, Italian Art, Italian culture, Italian heritage, Italian american, Italian news, Italian traditions

The Arazzi Medicei to be reunited again after 150 years

Cosimo I de' Medici (1519 –1574) was one of the most important members of the Florentine de’ Medici family. He was the second Duke of Florence from...
Ermetismo, Venturino a Firenze, Arte Italiana, Italian culture, Italian heritage, Italian american, Italian news, Italian traditions

I volti dell’Ermetismo in 80 opere di Venturino a Firenze

Sulla falsariga di uno spiritualismo di matrice cattolica e di un atteggiamento vagamente esistenzialista, alla metà degli anni Trenta si era...

Weekly in Italian

Recent Issues