The Hollywood Arts Council premia l’italo-americano George Pennacchio

The Hollywood Arts Council, l’italo-americano, George Pennacchio, italian culture, italian heritage, italian american, italian news, italian traditions

George ed Erin Pennacchio

 

I Charlie Awards sono un evento annuale di raccolta fondi che la corporazione non-profit The Hollywood Arts Council organizza da ormai 28 edizioni, a favore della comunità locale ed in particolare degli studenti a rischio di abbandono scolastico. L’obiettivo principale, attraverso la promozione di programmi d’istruzione di qualità avviati in molte scuole di Hollywood nei diversi settori dell’arte, dalla musica al teatro, è infatti quello di attrarre e motivare i bambini e i ragazzi più svantaggiati affinché possano proseguire negli studi almeno fino al diploma.
 
Con la partecipazione e il sostegno di nomi illustri, tra cui anche il sindaco di Los Angeles Eric Garcetti e il deputato statale Mike Gatto, l’iniziativa degli Awards è volta a richiamare l’attenzione sui progetti gestiti dalla corporazione a beneficio pubblico, cioè il S.O.A.R. (Students Overcoming All Risks) e l’annuale Children’s Festival of the Arts ospitato presso gli studi cinematografici della Paramount Pictures.
 Joe Mantegna, Laura McKenzie e George Pennacchio - Photo by Michael Schwartz

 Joe Mantegna, Laura McKenzie e George Pennacchio - Photo by Michael Schwartz

 
I prestigiosi premi “Charlies”, intitolati in onore dell’icona del cinema muto, Charlie Chaplin, sempre presente all’evento seppur in veste di statua di cera, vengono conferiti a personalità del mondo dello spettacolo e non solo, come riconoscimento del loro contributo all’arte e in generale alla comunità di Hollywood. La cerimonia, tenutasi allo storico Roosevelt Hotel nel cuore di Hollywood, è stata allietata dalla performance musicale degli alunni di una scuola elementare del quartiere, proprio per sottolineare la finalità di impegno sociale della raccolta fondi.
 
Quest’anno tra gli ospiti premiati vi erano Richard M. Sherman, autore delle colonne sonore di capolavori Disney quali Mary Poppins e Il libro della Giungla; lo storico fast-food Pink’s Hot Dogs fondato nel 1939 all’incrocio tra La Brea e Melrose Avenue, meta di turisti e celebrità; la Hollywood Christmas Parade, che ha ricevuto il riconoscimento dal noto attore italo-americano Joe Mantegna (Il Padrino parte III, Criminal Minds); e il reporter del canale televisivo ABC7, nonché presentatore delle ultime 16 edizioni dell’evento, George Pennacchio.
 
Di origini italiane, George Pennacchio lavora per ABC7 dal 1996 come giornalista nel settore dello spettacolo nell’area di Los Angeles e del sud della California, conduce il programma televisivo Eyewitness News, Dancing With The Stars e gli approfondimenti che precedono e seguono la cerimonia degli Oscar, ed ha già conquistato diversi premi della critica per i suoi reportage, tra cui tre Emmy Awards.
 
 “C’è una disputa sulle origini italiane della famiglia abruzzesi o romane, che è sempre argomento di conversazione quando ci riuniamo tutti insieme. Nel processo di immigrazione qualche informazione dev’essere andata perduta, ma la più accreditata è la provenienza abruzzese”, racconta il reporter. E tuttavia, indipendentemente dalla regione, possiamo certamente confermare che l’italianità di Pennacchio traspare sia dalla sua cordialità e simpatia, sia dalla sua eleganza nel vestire, merito soprattutto delle creazioni della moglie Erin, stilista.
 
Ma George Pennacchio ci tiene anche a sottolineare il legame attuale con la comunità italo-americana di Los Angeles: “La cosa più bella è che mia moglie ed io siamo stati praticamente “adottati” da amici di origini italiane che vivono qui e siamo spesso ospiti a cene ed eventi italiani in cui ci sentiamo come a casa. Manteniamo i contatti con i nostri amici italiani e con gli altri membri della mia famiglia a Chicago.
Inoltre, grazie ai social media, oggi è più facile accorciare le distanze: quando visiterò l’Italia avrò tanti “Pennacchio” da incontrare. Finora sono stato soltanto a Milano, quindi direi che c’è senz’altro un altro viaggio in Italia nel mio futuro”.
 
Presentando i Charlie Awards nel 2012, George Pennacchio ha annunciato, non senza un certo orgoglio, la vittoria del Cultural Heritage Award da parte dell’italianissimo Festival di San Gennaro, che Hollywood ospita ogni anno nel mese di settembre. Stavolta, invece, è stato lui stesso tra i protagonisti della premiazione, aggiudicandosi il Media Arts Award.
 
La notizia gli è giunta inattesa: “Quando me l’hanno comunicato ho provato una grande soddisfazione, ma ero anche un po’ in imbarazzo perché mi sento più a mio agio a presentare gli altri vincitori! La verità, però, è che ricevere questo premio da un gruppo fantastico come The Hollywood Arts Council è per me un grande onore. Sono loro quelli che fanno davvero la differenza, aiutando i giovani a ricevere un’istruzione e a diventare adulti tenendosi fuori dai guai. Mentre io, in fondo, faccio solo il mio mestiere”.
 
Eppure questo non è del tutto vero, poiché George ed Erin Pennacchio sono impegnati in diverse iniziative benefiche, tra cui l’adozione di levrieri da corsa ormai alla fine della loro carriera: “Sono animali dolcissimi, ne abbiamo presi con noi già sei”.
 
Impegno sociale, devozione per la famiglia e rispetto delle proprie origini, questa è l’immagine che George Pennacchio oggi ha dato di sé, prima di ricevere con grande emozione un premio “buono” e sicuramente meritato.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Director  Lina Wertmüller receives honorary  Oscar and  Walk of Fame Star

Director Lina Wertmüller receives honorary Oscar and Walk of Fame Star

“I am very happy for this honorary Oscar. To all women director? I tell them to do good movies.” Italian writer-director Lina Wertmüller flew all the...
Italian tradition at the heart of LA: the San Antonio Winery and the history of the Riboli family

Italian tradition at the heart of LA: the San Antonio Winery and the history of the Riboli family

Family life is made of plenty of things: of simplicity and mundanity, of smiles and fights, of daily routine and special moments, of love and many,...

Italy’s iconic United Colors of Benetton is back in the US with a pop-up store

United Colors of Benetton has opened the doors to its first US pop up store in more than 4 years. Located in the Santa Monica Place shopping center,...
It’s an Italian gelato celebration in West Hollywood with Gelato Festival

It’s an Italian gelato celebration in West Hollywood with Gelato Festival

“I grew up with a passion for gelato and, as an adult, I became obsessed with the idea of sharing my love for this frozen dessert with the whole...

Great success for the 2019 Italian National Day

On June 3rd 2019 the Italian community of LA celebrated the historic day, back in 1946, when a pivotal referendum decided the fate of Italy about...

Weekly in Italian

Recent Issues