La pianista Laura Magnani ospite speciale alla Festa della Leonardo da Vinci Society

Laura Magnani, Leonardo da Vinci Society, Italian culture, Italian heritage, Italian american, Italian news, Italian traditions

Laura Magnani è stata invitata dalla Leonardo da Vinci Society per il concerto di fine anno

 

Si è concluso con un omaggio musicale all'Italia il calendario annuale degli eventi organizzato dalla Leonardo Da Vinci Society, una delle storiche organizzazioni italo-americane a San Francisco.
 
Ospite speciale per questa edizione della Festa di Natale e di fine anno, organizzata nell’elegante sede del Century Club of California, la pianista italiana Laura Magnani invitata dalla Presidente dell'associazione Amelia Antonucci.
  Il concerto al Century Club 

  Il concerto al Century Club 

 
La pianista originaria di Spoleto ha eseguito brani tratti da “Années de pèlerinage, Deuxième Année: Italie” di Franz Liszt, accompagnata dalla lettura di brani interpretati dal marito e attore Lars Angeli.
Laura Magnani ha uno speciale legame con gli Stati Uniti, dove vive stabilmente da più di un anno, essendo stata invitata a esibirsi in molte occasioni allo Spoleto Festival USA a Charleston come ambasciatrice della sua città di origine.
 
L'Italo-Americano l'ha intervistata a margine della sua esibizione.
 
Come è nata l'idea del concerto che abbina musica e recitazione di “Sonetti” del Petrarca?
Da molto tempo pensavo a un programma da concerto completamente dedicato all'Italia. La Deuxième Année de Pèlerinage si addice perfettamente a questo. La musica è già meravigliosa, ma riferirsi ai testi poetici e alle immagini pittoriche che hanno ispirato la musica mi sembrava un lavoro ancora più completo. Avendo la fortuna di avere un attore in casa ho immaginato l'intera scena con Lars, il quale è stato molto contento di impersonare tutto ciò che non era musica, ma che aveva ispirato la musica. Io e Lars abbiamo lavorato molto insieme anche in passato, lui è cantante oltre che attore e abbiamo fatto molti concerti insieme. In Italia sono spesso stata la sua accompagnatrice nel repertorio americano e ora che siamo in America i ruoli si sono ribaltati, è stato lui ad accompagnare me in un progetto interamente italiano.
Questa era una delle prime idee che abbiamo avuto, con lui nella veste di attore e visto il risultato credo sarà la prima di una lunga serie. Infatti, al concerto della Leonardo abbiamo già ricevuto un ingaggio per un altro concerto ad aprile.
  Laura Magnani 

  Laura Magnani 

 
Raccontaci della tua esperienza con Il Festival dei Due Mondi di Spoleto e quello che si svolge a Charleston
Essere nata a Spoleto è stata per me probabilmente una delle condizioni che ha facilitato il mio amore per la musica e per l'arte in generale. Ancor più l’aver conosciuto personalmente Giancarlo Menotti e aver visto il suo operato di fronte ai miei occhi sin dall'infanzia. La figura di Menotti è stata per me come una musa ispiratrice, sia come musicista, sia come organizzatore, sia come uomo di cultura e di relazioni internazionali.
 
La sua determinazione, la sua capacità di relazionarsi con gli altri, di chiedere il sostegno delle istituzioni per realizzare un sogno che all'inizio era solo nella sua testa, di credere nell'impossibile, di sognare aldilà dell'apparenza delle cose, immaginando in maniera ambiziosa, per poi realizzare un tempio dell'arte  come è stato il Festival dei Due Mondi, tutto questo è stata una grandissima lezione per me e ha condizionato la mia vita e le mie scelte. 
 
È stato un grande onore lavorare al suo fianco così come lo è stato essere invitata a Charleston a suonare più volte come ambasciatrice della città di Spoleto.
Lo stesso Festival Pianistico di Spoleto, da me diretto per oltre 15 anni, è nato come una germinazione del Grande Festival dei Due Mondi e ha da esso tratto ispirazione. 
 
Cosa pensi della scena musicale a San Francisco?
Sono qui da un anno soltanto, ma ho già avuto modo di sperimentare in maniera molto densa la realtà musicale di San Francisco e della Bay Area, in particolare Berkeley. Sono rimasta molto colpita dall'importanza che viene data alla musica classica e sono impressionata dalla fitta rete di associazioni e organizzazioni di musicisti e di amanti della musica che sostengono i concerti e le attività musicali. Ho fatto moltissimi concerti quest’anno e ho anche insegnato molto. In ognuna delle mie occasioni di contatto con questo nuovo ambiente ho sperimentato un grande apprezzamento e un grande calore da parte sia del pubblico che degli allievi. Ho avuto la fortuna di incontrare amici e amiche che mi hanno dato numerose opportunità di condividere la mia musica, e di questo sono molto lusingata. 
Come fruitore di musica, mi ritengo privilegiata dall'avere l'opportunità di assistere a concerti splendidi, unici.
Le Produzioni della Symphony e dell'Opera House sono di altissimo livello, e la realtà pullula di eventi musicali in ogni angolo. Amo moltissimo tutte le forme di eccellenza dell'arte, uno degli highlights è stato di recente il concerto di Stevie Wonder a Oakland!
 
Quali sono i tuoi futuri progetti nella Bay Area?
Nei miei progetti per il futuro c'è quello di partecipare in maniera sempre più attiva alla vita musicale della Bay Area continuando a coltivare le relazioni con i molti musicisti e amici che ho già avuto modo di incontrare. Il mio sogno è quello di portare il Festival pianistico di Spoleto (che considero con orgoglio una creatura mia e del mio grande amico pianista italiano Egidio Flamini) a San Francisco, dando il via a una serie di concerti dedicati al pianoforte e alla musica da camera,  che veda sulla scena artisti non soltanto americani, ma anche italiani ed europei.
A questo proposito sto già lavorando per sensibilizzare le istituzioni locali, in particolare l'Istituto di Cultura italiana a San Francisco.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

San Francisco and Assisi honor their first 50 years as Sister Cities

San Francisco-Assisi, the first 50 years as Sister Cities

San Francisco-Assisi, first 50 years as Sister's Cities
The Staff of the Italian Consulate joined Consul General, Lorenzo Ortona, and his wife Sheila for a group photo. Ph Credits Emanuela Quaglia

From Festa della Repubblica to Matera European Capital of Culture

For the 73rd time in their history, Italy and Italians celebrated the Festa della Repubblica , with events across the globe aiming to underline the...

Leonardo’s Knots – art, mathematics or mystery?

I n honor of the 500th anniversary of Leonardo da Vinci ’s death (1452-1519), the San Francisco Bay Area will host numerous events, exhibits, and...

Lest We Forget: a homage to the memory of Holocaust by photographer Luigi Toscano

L EST WE FORGET, the message echoing around the San Francisco City Hall was clear: nobody should ever forget the Holocaust and the pain and suffer it...

Benvenuta Air Italy! Milan and San Francisco welcome back a direct flight that makes them closer than ever

“ Welcome Air Italy:” this announcement - showing on the SFO website homepage at the beginning of April - might have caught some travelers by...

Weekly in Italian

Recent Issues