Da Garibaldi e Mazzini alla conquista del West: ‘Charles’ Di Rudio, patriota tra Italia e Usa al seguito del generale Custer

Grave of Conte Carlo C. Di Rudio (1832 – 1910)

 

Risorgimento, anarchia, penitenziario a vita, guerra civile americana, guerre indiane: c’è di tutto nella vita di Carlo Camillo Di Rudio, italiano che ha attraversato il XIX secolo dal suo lato più avventuroso. 
 
Nato a Belluno il 26 agosto 1832, da famiglia nobile, iniziò la sua avventura umana tra le mura del collegio militare austro-ungarico di San Luca, a Milano. Coinvolto suo malgrado nella I guerra d'indipendenza (1848) il giovane, in compagnia del fratello Achille, assiste impotente ad alcune delle tante stragi perpetuate dalle truppe occupanti sulla popolazione civile. Maturerà proprio in quest'occasione la decisione di abbracciare la causa del Risorgimento italiano, dovendo però aspettare il ritorno a casa dalla leva forzata in divisa austriaca. 
 
Segnato il temporaneo successo dell'Impero austriaco, il conflitto continuava a Venezia, richiamando nella città lagunare i tanti patrioti ancora convinti nella vittoria e tra essi c’erano i fratelli Di Rudio. I due bellunesi presero parte attiva alla disperata difesa della Serenissima. Carlo, tra l'altro, venne arrestato dai nemici riuscendo però nella prima delle sue tante fughe. 
 Vita avventurosa tra nuovo e vecchio continente, sempre fedele alla causa

 Vita avventurosa tra nuovo e vecchio continente, sempre fedele alla causa

 
Raggiunta Roma per partecipare all’esperienza repubblicana, il giovane patriota vi incontrò personaggi che lasciarono il segno nella storia italiana: Mazzini, Garibaldi, i fratelli Dandolo, Mameli, Saffi, Armellini, Bixio, e altri saranno compagni della sua avventura risorgimentale.
 
Terminata anche questa esperienza, il conte veneto raggiunse Genova. Con Venezia sconfitta dagli austriaci, con Garibaldi costretto all’esilio forzato in quella New York nella quale lavorerà dignitosamente nella fabbrica di candele, per Rudio si aprì la stagione della perenne fuga.
 
Intenzionato a raggiungere Garibaldi nella capitale americana, il giovane dovette invece riparare in Spagna a causa di un naufragio. Tornato temporaneamente in Francia, egli non trovò pace nel periodo antecedente il colpo di stato di Luigi Napoleone, costretto a rifugiarsi ancora una volta in terra straniera. Scelta la tranquilla Svizzera, passò prima a Varese e poi in Piemonte per riabbracciare  i familiari. 
 
Trasformatosi in un vero e proprio tormento per le polizie monarchiche dei vari stati europei, Di Rudio conservò nella sua vita una convinzione sincera per le istituzioni repubblicane e per esse avrebbe pagato un prezzo davvero notevole. 
Sbarcato, in uno dei suoi tanti spostamenti, in terra inglese, lavorò per qualche tempo come giardiniere al servizio di Luigi Pinciani, noto filantropo amico di Victor Hugo e costantemente in contatto con Giuseppe Mazzini.
 Si arruolò volontario e fu graduato in una compagnia di soldati di colore

 Si arruolò volontario e fu graduato in una compagnia di soldati di colore

 
Conosciuta la giovanissima Eliza Booth, la futura moglie che avrebbe condiviso con l’italiano tutte le traversie della sua frastagliata vita, accantonò per un po’ i propositi romantici, dedicandosi alla tranquillità familiare, minata peraltro da continui stenti economici. 
 
L’occasione per tornare nella mischia venne con lo sciagurato progetto dell’attentato a Luigi Napoleone, da poco autoproclamatosi imperatore di Francia. Di Rudio vi partecipò seguendo  Felice Orsini nell’impresa e nelle malsane carceri francesi. Condannato a morte al pari degli altri, riuscì però a sfuggire alla pena capitale grazie all’abilità del suo avvocato, alle manovre politiche del suocero inglese e all’indulgenza (politicamente calcolata) dell’imperatore. 
Al giovane veneto venne concessa la splendida prospettiva di finire la vita nelle famigerate colonie penali del Sud America!
 
Chiusa miserevolmente la prima parte della propria vita, Di Rudio si avviò così alla Cajenna portando con sé un solo pensiero fisso: la fuga a tutti i costi dall'inferno tropicale. La testarda convinzione di riuscire nella disperata impresa avrebbe accompagnato ogni attimo delle sue terribili giornate ergastolane. 
 
Considerato un sovversivo politico anche dai compagni di reclusione, il giovane anarchico dovette rispondere con coraggio e forza alle continue insolenze razziste degli ergastolani francesi, dando vita a più di un episodio di rissa. Nonostante tutto, riuscì a trovare nella malsana colonia penale degli alleati disposti a partecipare al suo tentativo di fuga. Fallito un primo tentativo, dopo mesi e mesi di ulteriori preparativi segreti, la fuga riuscì suscitando un clamore eccezionale in tutte le terre coloniali francesi.. 
I fuggiaschi raggiunsero, dopo innumerevoli peripezie, il territorio inglese trovandovi funzionari ben lieti di nasconderli alle pressanti richieste francesi (molti deportati erano condannati politici, invisi alla monarchia francese ma non alla Corona Inglese). 
 Rudio è sepolto a San Francisco

 Rudio è sepolto a San Francisco

 
Tornato ancora una volta in Inghilterra il giovane riuscì a riabbracciare la moglie e la prima figlia tornando per un po’ alla serenità familiare. 
Alle porte della storia intanto aveva bussato il 1860 ma per l’ex galeotto, ridotto alla miseria economica, non c’era più spazio nel Risorgimento italiano. Gli stessi rappresentanti repubblicani consigliarono il conte bellunese di migrare negli Stati Uniti, e il consiglio si sarebbe rivelato davvero prezioso per l’affamata famiglia Di Rudio. 
 
Sbarcato in terra americana, trovò subito impiego presso le truppe federali americane, impegnate nella Guerra Civile Americana. Arruolatosi come semplice volontario nell’Esercito antischiavista del Nord, l'ex patriota si distinse a tal punto da meritare i gradi in una compagnia composta interamente da soldati di colore. 
 
Finita la guerra e aiutato dai numerosi amici repubblicani, (i soli a conoscerne il vero passato), Di Rudio restò nei ranghi dell’Esercito americano per passarvi il resto della vita professionale. 
Per la famiglia Di Rudio arrivò finalmente la serenità economica, e con essa crebbe il numero dei figli, battezzati tutti con gli eloquenti nomi di: Italia, Roma, America e Hercules. 
 
La destinazione effettiva dell'attempato ufficiale sarebbe divenuta da lì a poco un nome leggendario: l'italiano venne assegnato al 7° Cavalleria degli Stati Uniti, alle dipendenze del personaggio più controverso della storia americana, il tenente colonnello George A. Custer!
L’ultima parte della spericolata vita si sarebbe così svolta per Di Rudio in groppa a un cavallo. Ed egli si distinse in molte operazioni del leggendario Settimo Cavalleria diventando veterano delle guerre indiane.
 
Pur dovendoli combattere per professione, l'italiano si sforzò però di comprendere le ragioni dei pellerossa e cercò con loro sempre la strada del dialogo, cosa che lo invise a "Lunghi capelli" Custer, vero e proprio accentratore di potere e ossequiato dalla gran parte dei suoi uomini.
Non fu possibile per Di Rudio evitare il leggendario scontro del 25 giugno 1876! Nel giorno della grande disfatta del Little Big Horn, Di Rudio (uno dei sei italiani presenti nelle file del 7° Cavalleria) eseguì diligentemente l’ordine che lo vedeva impegnato in una colonna parallela. 
 
Assegnato alle squadre del capitano Reno, spronò il cavallo all'attacco per ritrovarsi circondato da migliaia di indiani pronti a massacrare ogni viso pallido che fosse loro capitato a tiro. Di Rudio, costretto a una disastrosa ritirata, riuscì a eludere la sorte nefasta di tanti altri compagni nascondendosi in un provvidenziale anfratto. Insieme a un altro soldato riuscì a superare con astuzia l'accerchiamento per poi fare ritorno al reparto, accolto dalle acclamazioni dei commilitoni. 
 
Tutto intorno era morte! Soltanto dopo altre 24 ore i superstiti della battaglia riuscirono a intraprendere le ricerche dei reparti dispersi per poi imbattersi nei cadaveri degli uomini di Custer.
La disfatta del Little Big Horn traformò gli Stati Uniti in una nazione assetata di verità e di vendetta. Vennero così le prime pagine di tutti i giornali americani, le polemiche, le insinuazioni, le inchieste, le testimonianze in aula... vicende che questa volta avrebbero solo sfiorato  il maturo ufficiale del 7°. 
 
Trasferito ad altri fronti e poi di nuovo nelle terre del Nordovest, Carlo Di Rudio, ormai capitano, partecipò all'epica rincorsa a Capo Giuseppe, l’indiano Nez Percé che era riuscito a tenere in scacco l’Esercito americano con i suoi pochi guerrieri e la sua disperata fuga verso il Canada.
 
Raggiunte le calde terre del Texas con nuovi incarichi logistici, l'ormai anziano soldato italiano riuscì a conoscere il grande Geronimo degli Apache Chirichaua. Nella tranquilla guarnigione di frontiera raggiunse la tanto agognata pensione, benvoluto dai commilitoni che nell'attempato ufficiale avevano trovato una memoria storica eccezionale e affabile.
 
L'ex patriota repubblicano, l'ex anarchico, l'ex galeotto, l'ex nordista, l'ex ufficiale del 7° Cavalleria, per godersi la vecchiaia scelse, come tanti altri italiani, la città che portava nel suo nome la venerazione al santo patrono d'Italia: San Francisco. E nella laboriosa città californiana Di Rudio morì nel 1910, in un letto sovrastato dai ritratti di Calvi e di Mazzini, e da una causa mai rinnegata.
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Firenze le avanguardie del primo Novecento attraverso 130 opere dell'anticonformista Natalia Goncharova

A Firenze le avanguardie del primo Novecento attraverso 130 opere dell'anticonformista Natalia Goncharova

Fino al 12 gennaio 2020 Palazzo Strozzi celebra Natalia Goncharova, straordinaria figura femminile delle avanguardie di primo Novecento, attraverso...
A Cortona 50 artisti per l'omaggio al pittore Gino Severini

A Cortona 50 artisti per l'omaggio al pittore Gino Severini

Opere di Paul Caponigro, di Charl Ortega, di quattro artisti provenienti dal museo de La Permanente di Milano, faranno da lascia passare ai più di...
Plasmato dal fuoco. La scultura in bronzo nella Firenze degli ultimi Medici

Plasmato dal fuoco. La scultura in bronzo nella Firenze degli ultimi Medici

Tutta l’energia dell’arte barocca imprigionata nel metallo, grazie alla potenza viva della fiamma: è questo, in sintesi, il concetto di Plasmato dal...
La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini, la città gioiello nel magico filtro della pittura

La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini, la città gioiello nel magico filtro della pittura

La scoperta del carteggio inedito tra Telemaco Signorini, il padre Giovanni e il fratello minore Paolo, ha condotto Elisabetta Matteucci e Silvio...
Il cuore sulla montagna di Ulassai: omaggio all'arte di Maria Lai

Il cuore sulla montagna di Ulassai: omaggio all'arte di Maria Lai

Il 21 Settembre, sulla montagna di Ulassai, è prevista l’inaugurazione di un’opera site-specific di carattere permanente che entrerà a far parte...

Weekly in Italian

Recent Issues