Bijoux sartoriali: la moda in lurex dal gusto retrò di un’imprenditrice emiliana

Bracciale in stile Galla Placidia

 

Collane e accessori realizzati interamente a mano con la tecnica del crochet lavorato su anelli in plexiglass, e ricamati con perline, strass e bottoni vintage. Bijoux sartoriali ispirati al passato.
 
Ecco la nuova moda del gioiello povero, l'innovativa collezione di bracciali, anelli a stella, orecchini, pendenti, girocolli e persino sandali “nudi”, tutti prodotti  artigianalmente e creati con fili, bottoni e perline. L’alternativa originale ai monili preziosi in oro, pietre dure, ar-gento o platino dove la caratteristica è l’unicità, che sfugge alle catalogazioni modaiole.
 
Si chiamano “Fibrae” e sono ideati e realizzati dall'imprenditrice emiliana Alessandra Lepri. 
Le icone della nuova collezione sono figure storiche di cui si può intuire lo stile, tanto sono lontane nel tempo. Restano i vezzi e le vanità delle imperatrici dall’imponente personalità, in epoche in cui il mondo femminile era spettatore silente della Storia.
 
Grandi donne del passato, vissute fra i fasti e la decadenza dall’Impero Romano, da Occidente a Oriente: Ortensia, prima oratrice dell’Antica Roma, Ottavia, consigliera di Augusto, Cornelia, Galla Placidia e Teodora, la ballerina imperatrice. 
 
Imponenti plastron in lurex decorato con cristalli, grandi orecchini pendenti e alti bracciali. Le “Fibrae” non hanno stagione e non hanno età e sono fatte soprattutto di lurex, che imita la luce dei metalli, superandoli per leggerezza.
 
Le novità di stagione sono i “Piccoli abbracci profumati”, sottili braccialetti in lurex ricamati con cristalli multicolore, da collezionare. Si avvolgono al polso e regalano una piccola luce colorata e un soffio fragrante ad ogni gesto delle mani. Ogni pez-zo della collezione è stato creato rigorosamente a mano con filo, uncinetto e una nuvola di profumo. Sono stati presentati anche all'ultima edizione di Pitti Fragranze a Firenze.
 
Amore per la moda e per l’unicità nella linea di accessori ideati, disegnati e realizzati a mano da Alessandra Lepri, giornalista per professione, appassionata del lavoro all’uncinetto, antica tecnica artigianale per realizzare centrini e pizzi, applicata agli accessori.
 
La citazione del passato non è nostalgia vintage, ormai troppo di moda, ma recupero della manualità, ricerca di componenti che appartengono al mondo della sartoria, reinterpretati e spesso irriconoscibili nel pezzo finito. Attualmente le Fibrae sono disponibili in profumerie selettive e concept store.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Il Coronavirus si abbatte sull'export record di cibo italiano (+11,3%) in Usa

Il Coronavirus si abbatte sull'export record di cibo italiano (+11,3%) in Usa

L’emergenza Coronavirus si abbatte sul commercio internazionale dopo il record storico fatto registrare dal Made in Italy agroalimentare all’estero...
Coronavirus, un miliardo di piante e fiori appassiti: in ginocchio uno dei settori più belli e amati del made in Italy

Coronavirus, un miliardo di piante e fiori appassiti: in ginocchio uno dei settori più belli e amati del made in Italy

L’emergenza Coronavirus sta mettendo in ginocchio uno dei settori più belli e amati del made in Italy, quello del florovivaismo con un miliardo di...
Attivata la rete diplomatica a difesa dei prodotti alimentari made in Italy

Attivata la rete diplomatica a difesa dei prodotti alimentari made in Italy

È stata attivata la rete diplomatica. È quando ha dichiarato il Ministro delle Politiche Agricole e Alimentari, Teresa Bellanova, come risposta alla...
È la mozzarella di bufala il prodotto made in Italy più amato dagli influencer nordamericani

È la mozzarella di bufala il prodotto made in Italy più amato dagli influencer nordamericani

È la mozzarella di bufala il prodotto made in Italy più amato dagli influencer nordamericani. Sale sul podio, insieme alla pasta fresca e al...
A rischio 19 miliardi di valore aggiunto per gli effetti del Coronavirus in Italia

A rischio 19 miliardi di valore aggiunto per gli effetti del Coronavirus in Italia

Una riduzione del valore aggiunto dell’Italia di quasi 19 miliardi di euro su base annua, pari al -1,2% rispetto al 2019. È questa la stima degli...

Weekly in Italian

Recent Issues