I segreti del mare, lo spettacolo multimediale con Piero Angela, si svelano tra la magia del racconto e la divulgazione scientifica

“I segreti del mare”, lo spettacolo multimediale con Piero Angela e Alberto Luca Recchi, viene rimandato a causa dell’emergenza sanitaria. Inizialmente previsto il 31 marzo a Milano e il 4 aprile a Roma, le nuove date sono rispettivamente il 22 settembre al Teatro degli Arcimboldi e il 26 settembre nella capitale all’Auditorium Conciliazione. I biglietti acquistati restano validi per i nuovi appuntamenti.

La conduzione è affidata a Pino Straboli, maestro di cerimonia di un viaggio tra la magia del racconto del maestro della divulgazione scientifica e i video e le immagini fotografiche inedite dell’esploratore e fotografo del mare Alberto Luca Recchi. Protagonista delle prime spedizioni nel Mediterraneo alla ricerca di squali e balene, e l’unico italiano ad aver realizzato un libro fotografico per National Geographic, mostrerà per la prima volta al pubblico fotografie e filmati mai visti prima.

Per la data di Milano sarà un attore del calibro di Giancarlo Giannini a dare la voce a quel mondo muto e silenzioso che è il mare; mentre l’evocativo tappeto sonoro è affidato al talento del cantautore Enrico Giaretta. A caratterizzare il nuovo appuntamento romano sarà un ospite speciale ancora segreto.

I segreti del mare è articolato attraverso un doppio sguardo: quello ravvicinato del fotografo-esploratore e quello più distaccato e scientifico del padre di Quark. Piero Angela sedurrà gli spettatori mettendo in evidenza l’importanza del mare per l’essere umano e per il nostro pianeta, con una prospettiva più legata alla ricerca. Recchi affronterà gli argomenti legati alle sue esperienze subacquee, rivelando aneddoti e curiosità sui pesci e sulle affascinanti creature che popolano i nostri oceani come i delfini e le balene.
Due narrazioni diverse unite da una grande passione e un profondo rispetto per questo paradiso blu ancora parzialmente inesplorato che rischiamo di perdere prima ancora di averlo conosciuto a fondo.

Receive more stories like this in your inbox