La pièce multimediale interpretata da 13 giovani artisti – attori e danzatori – provenienti dalla Sardegna, da Roma e dagli Stati Uniti è il fulcro dell'omonimo progetto - “Let Me Try”

S’intitola “Let Me Try” (letteralmente “Lasciami provare”) lo spettacolo de L’Effimero Meraviglioso in collaborazione con Kataklisma Teatro e Alessandra Corona Performing Works hanno messo in scena lo scorso venerdì 14 e sabato 15 settembre alle 20 al Gelsey Kirkland Center of the Arts di Brooklyn a New York. La pièce multimediale interpretata da 13 giovani artisti – attori e danzatori – provenienti dalla Sardegna, da Roma e dagli Stati Uniti è il fulcro dell’omonimo progetto – Let Me Try(con ideazione e direzione artistica della regista Maria Assunta Calvisi – L’Effimero Meraviglioso) –  finanziato dalla Regione Sardegna con il Bando “Scrabble Lab” (nell’ambito del POR FESR 2014-2020) e racconta – in un gioco metateatrale – l’incontro tra i protagonisti insieme con le difficoltà e l’entusiasmo che caratterizzano la creazione di uno spettacolo.

Un viaggio “dietro le quinte” che mette in risalto le differenze culturali ma anche le affinità tra gli interpreti, che condividono aspirazioni e desideri, al di qua e al di là dall’oceano: storie, ricordi, sogni e fallimenti si intrecciano nello spettacolo con elaborazione drammaturgica di Elvira Frosini e Daniele Timpano, coreografie di Alessandra Corona e musiche di Thomas Lentakis,  regia cinematografica e elaborazioni visuali di Giovanni Coda.

Si è svolto nella “Grande Mela” l’ultimo atto del progetto, culminato in una “residenza artistica” per l’intero mese di agosto al Teatro Civico di Sinnai in Sardegna, e un fitto carnet di impegni per gli artisti guidati dal “master of cerimony” Pietro Porcella. Diverse le occasioni di incontro con la comunità italiana a New York.  A partire da quello con lo scrittore Giorgio van Straten, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di New York, la visita alla Scuola d’America e d’Italia e la sera al D.O.C. Wine Bar di Brooklyn l’incontro con la comunità dei sardi a New York. Infine,  la regista Maria Assunta Calvisi (ideatrice del progetto) e la danzatrice e coreografa Alessandra Corona  sono state  ricevute nel Palazzo delle Nazioni Unite da Stefano Vaccara, direttore de “La Voce di New York”.

CONTATTI: addetta stampa de L’Effimero Meraviglioso: Anna Brotzu – cell 0039 328 6923069 e whatsapp (only) 0039 329 8235720 –  e-mail: annabrotzu30@gmail.com

Receive more stories like this in your inbox