Genoa and San Francisco look at their past to move forward, together, in the future

The legacy between Genoa and San Francisco is now stronger than ever. Two years after the visits of some other Genovese representatives, Italian Americans in the bay welcomed Marco Bucci, currently serving as Genoa Mayor since his election in June 2017. 

Mr Bucci and his team had a week full of events and meetings, aiming to strengthen the relationships between people, companies, and institutions. In fact, not only do the cities of San Francisco and Genoa share the historical background as maritime centers, but they have also seen a great contribution of immigrants from the Ligurian capital to the entire Bay Area. The Giannini family is only one of the examples of this lively relation, given that nowadays many professionals from Genoa live and work in the Bay Area, where they moved decades ago.

Right before he was elected as Mayor, he became Chair of the Board and CEO of Liguria Digitale SpA, a company responsible of the design, the construction, and the maintenance of Liguria’s digital infrastructure

During his speeches around the Bay Area, Mayor Bucci stressed that he is not entirely new to America and San Francisco: he worked as Tech Service and Laboratory Manager at 3M – Imation in Minnesota, before he got top managerial roles for Eastman Kodak Company in Rochester, New York, followed by the Vice Presidency at SGS and Presidency of Medical X-Ray & Printing Solutions at Carestream Health Inc. in Rochester, New York. Right before he was elected as Mayor, he became Chair of the Board and CEO of Liguria Digitale SpA, a company responsible of the design, the construction, and the maintenance of Liguria’s digital infrastructure.

We had a chance to sit down with Mayor Bucci at the end of his visit to understand what this experience represents in the present and learn about the plans for the future.

Mayor Bucci tasting Trofie e Pesto prepared by Chef Panizza from Genoa

Mr Bucci, your visit followed former Mayor and Director Cappato’s visit to San Francisco late in 2016. What has changed in these two years in the relations between San Francisco and Genoa?
I think that the main difference is in vision. My predecessor started his five years duty during a time of decline for our city and he had to address that at first. Today, it’s important that Genoa grows in order to become the top city in the Mediterranean. We are in a growing mode, as the numbers prove. On the other hand, while the sentiment in the city itself has also changed, we identified three areas in which the city can really uprise: port and logistics, tourism and tech. Genoa can surely take a leadership position in all these industries.

While he is fully aware of the value of the historical roots between Genoa and San Francisco, Mayor Bucci cannot help but remember the similarities of the two cities: the climate, for instance, is pretty much the same, so is the quality of life, that is very important when it comes to decide where to settle down. Genoa and the Bay Area shared more than what it may look like at first sight.

During his speeches around the Bay Area, Mayor Bucci stressed that he is not entirely new to America and San Francisco

Why do you think San Francisco is so unique and special?
People here really believe they can change the world. And that’s actually true. There are some leading hedge activities that you don’t find anywhere else. It was like that at the beginning of  the 2000s, five years ago, and it is absolutely like that right now. You find stuff that cannot be found in any other place in the world. The digital revolution is only one of the things we can collaborate on, yet there are many others we can work together on. In general, the mindset, the sentiment, and the way of thinking are all making a big difference: it’s what we call “culture.” The culture of the people is unique and, believe it or not, it recalls the same it was in Genoa and Italy at some point in history, when we were leading the world’s culture.

Genovesi and San Franciscans share a strong interest for their past and history. How can you turn this mutual curiosity into a plan of collaboration?
Reading and understanding the past is absolutely critical to make the right move for the future. We learn from the past but, if we stick to it only, it may be hard to move forward. So, if  we use the knowledge of the past and apply it to the strategic move of the future, we actually have a big plus. Therefore, keeping the connection between two cities that are seven thousand miles apart is very important because, if we use the connection from the past to replicate the mindset that is in our city, we can do great things. People, money, and opportunities are connected because people who have been successful here can invest in Italy by taking advantage of the Silicon Valley mentality to create something similar.

Talking about technology, you said you want to help investors and facilitate investments in Genoa. How can Genoa set an example for other cities in Italy?
We opened up to the world, like Milan did and Turin is trying to do. More than technical issues, the mindset is crucial: Genoa’s was closed for a long time, now we opened it up and people understand that’s the way to do things. We want to become an example for the rest of the country: if you want to be successful, you need to be in contact with the world and, maybe sometimes even go further than that, by putting yourself on the leading hedge, at least in the areas you’re strong in. 

After you visited companies and met people here, what do you think can play a role  in achieving the goals you set for the city of Genoa as a Mayor?
 As we identified the areas of interest I mentioned before, I’d like to be in touch with companies that are good in those areas and can use Genoa as a point to be even more successful. We also need to work on marketing plans, aligned to our value proposition: “in Genoa you get arts as in Florence; beautiful beaches as on the Amalfi Coast; the water along the city like in Venice; and lots of history like in Rome.”

What did surprise you in San Francisco and what’s your biggest takeaway? 
The ability to look at the future impressed me. Everybody should understand how quality of life is relevant when it comes to achieving business goals. The reason why we have Silicon Valley here and nowhere else is the unconventional way of doing relationship and business. I am not a businessman anymore, but would like to find new, unconventional ways to manage the public sector, that’s why my team is now to take a first step being committed to this mission. The world is not only Liguria. Yet, I believe it - sooner or later - will get pesto and focaccia every single day!
 

Il legame tra Genova e San Francisco ora è più forte che mai. Due anni dopo la visita di alcuni rappresentanti genovesi, gli italoamericani della Baia hanno accolto Marco Bucci, attualmente sindaco di Genova dopo la sua elezione nel giugno 2017.  

Bucci e il suo team hanno avuto una settimana ricca di eventi e incontri, con lo scopo di rafforzare le relazioni tra persone, aziende e istituzioni. Infatti, non solo le città di San Francisco e Genova condividono il contesto storico come centri marittimi, ma hanno anche visto un grande contributo di immigrati dalla capitale ligure all'intera area della Baia. La famiglia Giannini è solo uno degli esempi di questa vivace relazione, dato che oggigiorno molti professionisti genovesi vivono e lavorano nella Bay Area, dove si sono trasferiti decenni fa.  

Durante i suoi discorsi in giro per la Bay Area, il sindaco Bucci ha sottolineato che non è del tutto nuovo in America e a San Francisco: ha lavorato come tecnico di servizio e responsabile di laboratorio presso 3M - Imation in Minnesota, prima di assumere ruoli dirigenziali per Eastman Kodak Company a Rochester, New York, seguiti dalla vicepresidenza di SGS e dalla presidenza di Medical X-Ray & Printing Solutions presso Carestream Health Inc. a Rochester, New York. Poco prima di essere eletto sindaco, è diventato presidente del Consiglio di Amministrazione e Amministratore Delegato di Liguria Digitale SpA, società responsabile della progettazione, della costruzione e della manutenzione dell'infrastruttura digitale della Liguria.  

Abbiamo avuto la possibilità di parlare con il sindaco Bucci alla fine della sua visita per capire cosa rappresenta questa esperienza nel presente e per conoscere i piani per il futuro.

Signor Bucci, la sua visita ha fatto seguito a quella del direttore ed ex sindaco Cappato a San Francisco alla fine del 2016. Cosa è cambiato in questi due anni nelle relazioni tra San Francisco e Genova?  
Penso che la principale differenza sia nella visione. Il mio predecessore ha iniziato il suo mandato di cinque anni durante un periodo di declino per la nostra città e ha dovuto innanzitutto affrontarlo. Oggi è importante che Genova cresca per diventare la migliore città del Mediterraneo. Siamo in una fase di crescita, come dimostrano i numeri. D'altra parte, anche se l’idea stessa della città è cambiata, abbiamo identificato tre aree in cui la città può davvero crescere: porti e logistica, turismo e tecnologia. Genova può sicuramente assumere una posizione di leadership in tutti questi settori.  

Pienamente consapevole del valore delle radici storiche tra Genova e San Francisco, il sindaco Bucci non può fare a meno di ricordare le somiglianze delle due città: il clima, per esempio, è praticamente lo stesso, così come la qualità della vita. Questo è molto importante quando si tratta di decidere dove stabilirsi. Genova e la Bay Area hanno condiviso più di quello che potrebbe sembrare a prima vista.

Perché pensa che San Francisco sia così unica e speciale?
Le persone qui credono davvero di poter cambiare il mondo. E questo è effettivamente vero. Ci sono alcune attività d’avanguardia che non trovi da nessun'altra parte. È stato così all'inizio degli anni 2000, cinque anni fa, ed è assolutamente così adesso. Trovi cose che non puoi trovare in nessun altro posto al mondo. La rivoluzione digitale è solo una delle cose su cui possiamo collaborare, tuttavia ce ne sono molte altre su cui possiamo lavorare insieme. In generale, la mentalità, il sentimento e il modo di pensare fanno tutti una grande differenza: è ciò che chiamiamo "cultura". La cultura della gente è unica e, che ci crediate o no, ricorda la stessa che c’era a Genova e in Italia a un certo punto della storia, quando guidavamo la cultura mondiale.

Genovesi e abitanti di San Francisco condividono un forte interesse per il loro passato e la loro storia. Come trasformare questa reciproca curiosità in un piano di collaborazione?  
Leggere e comprendere il passato è assolutamente fondamentale per fare la mossa giusta per il futuro. Impariamo dal passato ma, se ci atteniamo solo a ciò, potrebbe essere difficile andare avanti. Quindi, se usiamo la conoscenza del passato e la applichiamo alla mossa strategica del futuro, in realtà abbiamo un grande vantaggio. Pertanto, mantenere la connessione tra due città distanti settemila miglia è molto importante perché, se usiamo la connessione dal passato per replicare la mentalità che è nella nostra città, possiamo fare grandi cose. Persone, denaro e opportunità sono collegate perché le persone che hanno avuto successo qui possono investire in Italia sfruttando la mentalità della Silicon Valley per creare qualcosa di simile.  

Parlando di tecnologia, ha detto che vuole aiutare gli investitori e facilitare gli investimenti a Genova. Come può Genova dare un esempio alle altre città in Italia?  
Ci siamo aperti al mondo, come ha fatto Milano e come Torino sta cercando di fare. Più che problemi tecnici, la mentalità è fondamentale: Genova è stata chiusa per molto tempo, ora l'abbiamo aperta e la gente capisce che è il modo di fare le cose. Vogliamo diventare un esempio per il resto del Paese: se vuoi avere successo, devi essere in contatto con il mondo e magari, a volte, devi anche andare oltre, stare oltre la siepe, almeno nelle aree in cui sei forte.  

Dopo aver visitato le aziende e incontrato persone qui, cosa pensa possa contribuire al raggiungimento degli obiettivi che ha fissato per la città di Genova come sindaco?  
Come abbiamo identificato le aree di interesse che ho citato prima, mi piacerebbe essere in contatto con aziende che sono brave in quelle aree e possono usare Genova come un luogo in cui avere ancora più successo. Abbiamo anche bisogno di lavorare sui piani di marketing, in linea con la nostra proposta di valore: "A Genova si hanno le arti come a Firenze; bellissime spiagge come in Costiera Amalfitana; l'acqua lungo la città come a Venezia; e tanta storia come a Roma”.

Cosa l’ha sorpresa a San Francisco e qual è il suo più grande insegnamento?  
La capacità di guardare al futuro mi ha colpito. Tutti dovrebbero capire in che modo la qualità della vita è rilevante quando si tratta di raggiungere gli obiettivi aziendali. Il motivo per cui c’è la Silicon Valley qui e non altrove è il modo non convenzionale di fare relazioni e affari. Non sono più un uomo d'affari, ma vorrei trovare nuovi modi non convenzionali per gestire il settore pubblico, ecco perché il mio team deve ora compiere un primo passo per dedicarsi a questa missione. Il mondo non è solo la Liguria. Eppure, credo che - prima o poi – ovunque avremo pesto e focaccia tutti i giorni!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

To Your Health: Salute Rucola!

I stopped by the local farmer’s market this weekend and found myself in front of a beautiful basket of freshly picked arugula. Memories of a...

Pasta con le sarde

A traditional Sicilian pasta recipe which I absolutely adore is pasta con le sarde - pasta with sardines. If you have a keen eye though, you’ll...

The Bells of Agnone: Marinelli’s family handcrafting papal bells since 1339

There is a special sound that speaks of Italy, the same for thousands of years, a sound that becomes one with the country’s landscape, dotted with...

Feeding Italy for millennia: the history of ancient grains

Greeks and Romans offered spelt to the Gods, Aztecs considered chia seeds worthy of tributes, and farro is noted in the Old Testament. Today,...

Mary Taylor Simeti, grande dame of Sicilian culinary culture

“Sicilian novels and memoirs that speak of food are more important to me than cookbooks,” says Mary Taylor Simeti, a grande dame of the vibrant...

Weekly in Italian

Recent Issues