The world behind your Italian name

When it comes to names, Italians like tradition: it’s saints or relatives!

Naming a child is usually one of two things: a matter of trends or a matter of tradition. Every year, parents all over the world let celebrities and VIPs inspire their choices, just as it happened in 2017, when “Rumi”  became a top 100 girls’ name after Beyoncé used it for one of her twins. Sometimes parents make more curious choices – think of Kim Kardashian and Kanye West’s children, for instance – or even let TV show inspire them: in the 1990s, legends say, quite a few “Brandon” and “Brenda”  were born in Italy, after the success of the first series of Beverly Hills 90210. Italy, however,  is a country where the majority of parents favor tradition over novelty, often naming their children after relatives  and saints, or digging even deeper into the history of the country and choosing Roman patronymics, as attested by the many Giulia, Giulio, Lucrezia and Cesar walking our streets.  

One example above them all: people like to call their baby boys Dante. Yes, Dante, like our very own divine poet extraordinaire

When you are from a country  like the US, whose backbone has been built upon immigration, names are even more crucial in defining people’s identity:  they become mirror of a heritage, not only of a family’s own history. But the multi-faceted and original nature of American culture means that, often, names of foreign extraction become popular among the general public, regardless to the actual ethnic roots of parents and families.  And Italian sounding names seem to be among American parents’ most loved, if statistics speak right: five out of the first ten 2017 most popular girls’ names are of Italian origin. Cora, Amelia, Isabella, Aurora and even number one name, Olivia, are all Italian. Cora has mythological origins, as it is an alternative name for Persephone; Amelia is very likely of Roman extraction, deriving from the Amelius  and Amius, and is considered a variation of a once common name in Italy, Amalia, beautiful but little heard around today.  Isabella is probably the most common in Italy:  it is a variant of Elizabeth and, for this reason, considered of Biblical origin.   

Among the boys, Italian influence is less evident, but still present: number one spot is held by Atticus, who was a Roman writer (and of course the name of Harper Lee’s To Kill a Mockingbird’s protagonist), and another popular name in the top 10, Silas, has Roman mythological origins.  

In the Italian American community, names are a sign of heritage and belonging

But, maybe, counting mythological names among those inspired by Italy may be a bit of a stretch, so let’s go back to our Most Popular Baby Names lists and see what else they have on offer. If  we read past the top ten, the presence of Italian names gets even more conspicuous and, well, Italian.  One example above them all: people like to call their baby boys Dante. Yes, Dante, like our very own divine poet extraordinaire.  Among girls, once again, Italian influence seems to be stronger with Emilia, Emma, Ada, Elena, Celeste, Allegra and Aria. Funnily enough, though, some of these names are no longer used in Italy: Dante is very rare and so are Celeste and Allegra. Aria, which means air in Italian, is a bit too “try hard” for Italian tastes: in Italy, babies’ names are a traditional affair and straying too much from it can often rise a few eyebrows.  

But let’s narrow the focus down to the Italian-American community: here, names do truly become a sign of heritage and belonging. Names are passed on from generation to generation everywhere but, within a minority, this is somehow even more important because it becomes a symbol of continuity and connection not only with the family’s own history, but also with its heritage and country of origin.  There are Francesco, Rosalia or Antonio, Giovanni or Caterina. There probably are many Vincenzo and many Matteo, all traditional Italian names,  that often belonged to grandparents, uncles and aunts who remained in the old country. All of them have one thing in common: they have profound Catholic connotations, each  belonging to an important saint of the Catholic calendar.

This shouldn’t surprise at all, because once upon a time giving to your child the name of a saint meant that saint was to protect him or her forever.  That’s why we have, in Italy, personal patron saints and we celebrate our “onomastico,” which corresponds to the day the Church dedicates to the saint we bear the name of.  And don’t think  this is no longer a common occurrence: only yesterday, I was discussing children’s name with a 6 months pregnant friend, who declared her love for “Damiano,” but was uncertain whether to pick it  because she  wanted a religiously significant name . She was happy when I told her Damiano was a martyr honored by the church. That may have not settled the question, but certainly clarified her options!

As beautiful and completely Italian as they may sound, they look foreign to Old World Italians: don’t be surprised, if they ask you if that’s your real name!

Francesco reminds us of Saint Francis of Assisi (and the current Pope); Rosalia of roses and beautiful Palermo, of which she is the saint protector; Antonio carries us all to Padua – or to the desert, depending on which “Antony” you are named after -  and so on.  Modern parents choosing these names may no longer be aware of their saintly background, but rest assured: those ancestors they’re naming their children after certainly were.  

There’s one last interesting thing to discuss about Italian names in the US: their spelling. As said, we Italians of Italy tend to be fairly traditional in the children-naming department and look with concerned suspicion to anything carrying a foreign allure or letter in its spelling – unless, that is, one of the parents is from a different country, in which case it is considered entirely normal.  This means we never mess with the way names are spelled: they’re just perfect the way they are. In the US, things are slightly different: because of sheer linguistic and phonetic reasons, the sounds composing an Italian name can be rendered orthographically in more than one way, allowing parents to play around with letters and put a creative twist on an otherwise traditional name. Giovanni, then, may become Geovanni  or Geovanny, Matteo turns into Mateo, in name of the fact English speakers tend not to pronounce double consonants,  Gino (short for Luigi) may turn into Geno.  As beautiful and completely Italian as they may sound, they look foreign to Old World Italians: don’t be surprised, if they ask you if that’s your real name!

Dare un nome a un bambino solitamente significa una delle due cose: o è una moda o è una questione di tradizione. Ogni anno, i genitori di tutto il mondo si lasciano ispirare da celebrità e vip, proprio come è successo nel 2017, quando "Rumi" è diventato il top 100 per le bambine dopo che Beyoncé l'ha usato per una dei suoi gemelli. A volte i genitori fanno scelte più curiose - pensate a Kim Kardashian e ai figli di Kanye West, per esempio - o addirittura si lasciano ispirare da show televisivi: negli anni '90, dicono alcune leggende, in Italia sono nati molti "Brandon" e "Brenda" dopo il successo della prima serie di Beverly Hills 90210. L'Italia, tuttavia, è un Paese in cui la maggioranza dei genitori preferisce la tradizione alla novità, chiamando spesso i propri figli come parenti e santi o, scavando ancora più a fondo nella storia del Paese, scegliendo patronimici romani, come attestano le numerose Giulia, Giulio, Lucrezia e Cesare che camminano per strada.

Quando vieni da un Paese come gli Stati Uniti, la cui spina dorsale si è costruita sull'immigrazione, i nomi sono ancora più cruciali nel definire l'identità delle persone: diventano lo specchio di un patrimonio, non solo della storia di una famiglia. Ma la natura sfaccettata e originale della cultura americana fa sì che spesso i nomi di estrazione straniera diventano popolari tra il grande pubblico, indipendentemente dalle radici etniche dei genitori e delle famiglie. E i nomi dal suono italiano sembrano essere i più amati dai genitori americani, se le statistiche sono affidabili: cinque dei primi dieci nomi per bambine più popolari nel 2017 sono di origine italiana: Cora, Amelia, Isabella, Aurora e persino il nome numero uno, Olivia, sono tutti italiani. Cora ha origini mitologiche, in quanto è un nome alternativo per Persefone; Amelia è molto probabilmente di origine romana, deriva da Amelius e Amius, e si ritiene sia la variazione di un nome un tempo comune in Italia, Amalia, bello ma poco usato oggi. Isabella è probabilmente il più comune in Italia: è una variante di Elisabetta e, per questo motivo, considerato di origine biblica.  

Tra i maschi, l'influenza italiana è meno evidente, ma ancora presente: il numero uno è detenuto da Atticus, che era uno scrittore romano (e ovviamente il nome del protagonista di To Kill a Mockingbird di Harper Lee), e un altro nome popolare nella top 10, Silas, ha origini mitologiche romane.

Forse, annoverare i nomi mitologici tra quelli ispirati dall'Italia potrebbe essere un po’ esagerato, quindi torniamo alle nostre liste di nomi per bambini più popolari e vediamo cos'altro ci offrono. Se leggiamo oltre i primi dieci, la presenza di nomi italiani diventa ancora più evidente e, beh, italiana. Un esempio su tutti: alla gente piace chiamare i loro bambini Dante. Sì, Dante, come il nostro straordinario Divino Poeta. Tra le bambine, ancora una volta, l'influenza italiana sembra essere più forte con Emilia, Emma, Ada, Elena, Celeste, Allegra e Aria. Stranamente, però, alcuni di questi nomi non si usano più in Italia: Dante è molto raro e lo sono anche Celeste e Allegra. Aria, che significa quel che respiriamo in italiano, è un po’ eccessivo per i gusti italiani: in Italia, i nomi dei bambini sono una questione di tradizione e allontanarsi troppo, spesso fa alzare qualche sopracciglio.  

Ma restringiamo l'attenzione alla comunità italo-americana: qui i nomi diventano veramente un segno di eredità e appartenenza. I nomi vengono trasmessi di generazione in generazione ovunque, ma, all'interno di una minoranza, questo è in qualche modo ancora più importante perché diventa un simbolo di continuità e connessione non solo con la storia della famiglia, ma anche con il suo patrimonio e il paese di origine. Ci sono Francesco, Rosalia o Antonio, Giovanni o Caterina.

Probabilmente ci sono molti Vincenzo e molti Matteo, tutti nomi italiani tradizionali, che spesso appartenevano a nonni, zii e zie rimasti nel vecchio paese. Tutti hanno una cosa in comune: hanno profonde connotazioni cattoliche, ciascuna legata a un importante santo del calendario cattolico. Ciò non dovrebbe affatto sorprendere perché, un tempo, donare al bambino il nome di un santo significava che il santo doveva proteggere lui o lei per sempre. Ecco perché abbiamo, in Italia, santi patroni personali e celebriamo il nostro "onomastico", che corrisponde al giorno che la Chiesa dedica al santo di cui portiamo il nome. E non pensate che questo non sia più un evento comune: solo ieri, discutevo del nome di un bambino con un'amica incinta di 6 mesi, che dichiarava il suo amore per "Damiano", ma era indecisa se sceglierlo perché voleva un nome dal significato religioso. E’ stata felice quando le ho detto che Damiano era un martire onorato dalla chiesa. Questo potrebbe non aver risposto alla domanda, ma sicuramente ha chiarito le sue idee!  

Francesco ci ricorda San Francesco d'Assisi (e l'attuale Papa); Rosalia ci parla delle rose e della bella Palermo, di cui è la santa protettrice; Antonio ci porta tutti a Padova - o nel deserto, a seconda di quale "Antonio" si porta il nome - e così via. I genitori moderni che scelgono questi nomi potrebbero non essere più consapevoli del loro santo passato, ma stiano tranquilli: gli antenati, i cui nomi passano ai loro figli, certamente lo erano.

C'è un'ultima cosa interessante da dire sui nomi italiani negli Stati Uniti: la loro ortografia. Come detto, noi Italiani d’Italia tendiamo ad essere abbastanza tradizionali per quel che riguarda la nomenclatura dei bambini e guardiamo con preoccupato sospetto qualsiasi cosa porti con sé un’aura o una lettera straniera - a meno che uno dei genitori non provenga da un altro Paese, nel qual caso lo si considera del tutto normale. Questo significa che non abbiamo mai problemi con il modo in cui i nomi sono scritti: sono semplicemente perfetti così come sono.

Negli Stati Uniti, le cose sono leggermente diverse: a causa di semplici ragioni linguistiche e fonetiche, i suoni che compongono un nome italiano possono essere resi ortograficamente in più di un modo, permettendo ai genitori di giocare con le lettere e dare un tocco creativo a un nome altrimenti tradizionale. Giovanni, quindi, può diventare Geovanni o Geovanny, Matteo si trasforma in Mateo, visto che gli anglofoni tendono a non pronunciare le doppie consonanti, Gino (abbreviazione di Luigi) potrebbe trasformarsi in Geno. Per quanto belli e completamente italiani possano sembrare, sembrano stranieri agli italiani del Vecchio Mondo: non rimanete sorpresi, se vi chiedono se è il vostro vero nome!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The Bells of Agnone: Marinelli’s family handcrafting papal bells since 1339

There is a special sound that speaks of Italy, the same for thousands of years, a sound that becomes one with the country’s landscape, dotted with...

Feeding Italy for millennia: the history of ancient grains

Greeks and Romans offered spelt to the Gods, Aztecs considered chia seeds worthy of tributes, and farro is noted in the Old Testament. Today,...

Mary Taylor Simeti, grande dame of Sicilian culinary culture

“Sicilian novels and memoirs that speak of food are more important to me than cookbooks,” says Mary Taylor Simeti, a grande dame of the vibrant...

Pliny the Elder, story teller of the world

Second only to Aristotle, Gaius Plinius Secundus, known as Pliny the Elder, was probably the most influential scholar of Antiquity, and the only one...

Rocca Imperiale, the scent of lemons at sea

For a new angle on Italy, ditch the car and try sailing off on the Ionian Sea along the coast off Rocca Imperiale, a bijou-size borgo that just...

Weekly in Italian

Recent Issues