The passion of Italian markets

Venetian style open market on boats

Many tourists rush through Italy, ticking off cities on an imaginary bucket list, zipping through museums and taking holiday snaps in front of iconic attractions. This is fine if you are happy to simply cross things off a checklist. But in the Bel Paese, where life is savored, it seems a shame to be in such a rush.

In Genoa, the Mercato Orientale is one of the best places to hunt down special foods and products

Italians believe in slow food and travel, where you take the time to soak in the character of a place, happily making the most of the moment. In a country where the people and culture are as colorful as the scenery itself, it is justifiable to seek out a more authentic connection to everyday life.

Most locals in Italy have a daily appointment with their markets, where they begin preparing their meals. It is normal to have a trusted family butcher, who saves that perfect cut to prepare a good veal scaloppine. Or a personal fishmonger, who has had them as clients for years and automatically knows when to keep aside a kilo of sardines. A visit to a market will provide your average Italian with everything they need for a complete four course  meal, from fruits and vegetables, to meats, cheeses, pastas, wines, bread, deli products, prepared hot meals, baked goods and desserts.

Campo de' Fiori, in Rome, is a landmark of our capital

Markets are filled with the sights, sounds and tastes of an Italy which relishes its food. In times of economic downturn, Italians will cut back on everything except what is on the table. 

Italian farmers, fishermen, butchers, cooks, pastry chefs and bakers are like artisans, they have a lifetime long passion for their art. Also the market tradition, has a long history,  as old as Europe itself, and stems from  medieval times when travelling merchants would take their products to other towns via new trade routes and roads. There is also an obvious connection to the middle eastern bazaar, which is widely dispersed through out the world in the form of open air  trade and markets.

Venetian style open market on boats

Markets, are not only about the commercial exchange between buyers and sellers, but also about building a relationship:  a daily market is an ongoing conversation, a sharing of recipes, socialising on a personal level, all in a buzz of activity and flamboyance.

An early morning market is filled with the aromas of fresh fruit, vegetables, baked goods, and  food cooking, with a chorus of yelling spruikers trying to entice you to their stalls with promises of the best prices or the freshest products. A little bit of banter is normal and, if you are skilful enough, you may even be able to get a discount. Quantity is always important, the more you buy, the better the chance of getting a good price. 

In Naples, the Mercato di Porta Nolana hosts the best of the city’s  flavors

Markets are one of the best ways to understand the history, culture and identity of Italy. Every city has its own central market and there are also many smaller daily markets set up in different neighbourhoods, for those who cannot make it into the city centre. Most central city markets are strictly weekday mornings affairs and are closed Sundays and most afternoons. Moving out into the smaller towns, each place has its own designated market day during the week. 

From north to south, there are many large historical markets, usually based within the old centres of the main capitals and are a focal point of local cuisine. Near the markets you will usually find the best restaurants, family run trattorie and a selection of street food, which takes advantage of the fresh ingredients.

In the heart of la Serenissima, there is the mercato near  Rialto bridge, one of the oldest markets in Italy.

In the heart of la Serenissima, there is the mercato near  Rialto bridge, one of the oldest markets in Italy. It has been there since 1057 and brings together the best of Venetian seafood and ingredients, all wrapped in the music of the local dialect of Venice.

Another perfect place to hunt down fine seafood is the port city of Genova’s Mercato Orientale. Originally intended to be a convent, the palace was reopened as a market in the late 1800s. Part of the outer market is dedicated to the local flower growing industry, while most of the interior is filled with gastronomical delights. 

Always in the north, specifically in Turin, the Porta Pila market is a vibrant part of Torinese life. The largest open air market in Europe, Porta Pila - commonly known as Porta Palazzo by locals -  offers the best shopping in the city. The stalls reflect the culture, traditions and tastes of the Piedmont region. Every Saturday, nearby at the Borgata del Pallone, you’ll find the local flea market which is filled with antiques and other surprises.

Bologna’s dedication to food, and in particular pasta, is world famous and the Mercato di Mezzo is  the hub of cuisine in the Emilia-Romagna region. Right at the centre of the city, this market has been there since the 1400s, with dozens of specialized stores, small restaurants and Italian street food vendors. It is a joy to wander by each stall, being constantly tempted to buy wonderfully displayed food, while surrounded by a succession of medieval palaces and piazzas. 

In the capital, Rome,  there is the Campo de’ Fiori market, which has been a focal point of the city  for centuries, from being its original market gardens in the 1400s, which gave the market its name, to a back drop for a dark military history and even as a set for modern Italian cinema. Today the Campo is a vibrant piece of local life and sells everything from fresh fruit and vegetables to herbs and spices.

 Tuscany’s Renaissance’s jewel, Florence, has its irresistible Mercato Nuovo. Built in the mid 1500s, the portico was first constructed to accommodate the gold and silk merchants of the city. Today, it is a tourist market filled with leather and souvenirs, while upstairs there is an upscale food court, which is a perfect place to taste what Toscana has to offer on a plate.

Heading towards southern Italy the markets are more vibrant and chaotic, yet possibly even more fascinating to visit. In Naples, the Mercato di Porta Nolana hosts the best of the city’s  flavors. Established in the 1500s,  Porta Nolana’s market is also a colorful window into the fishing industry of this port city. 

Arriving in Sicily you will be grateful for  Palermitani’s passion for fine food, which has kept the market neighbourhoods of Palermo alive. You can still have an authentic Sicilian market experience at the Capo, Ballarò and Borgo Vecchio markets, which keep traditions as vibrant as ever with many family run restaurants and street food vendors. 

There is an art to markets’ shopping  and it is always an adventure, as you never know what you can find. Fiery and vibrant Italian markets are the right place to see the freshest ingredients, in a smorgasbord of food and wine, crafts, textiles, antiques, clothes and many other random discoveries: a wonderfully authentic experience. 
 

Molti turisti si precipitano in Italia, spuntando le città su una lista immaginaria, entrando nei musei e facendo foto delle vacanze di fronte alle attrazioni più note. Questo va bene se vi accontentate semplicemente di cancellare cose da fare su una lista. Ma nel Bel Paese, dove si assapora la vita, andare così di fretta pare un peccato.  

Gli italiani credono nel cibo e nei viaggi lenti, dove ci si prende tempo per immergersi nelle tipicità di un luogo, sfruttando al massimo il momento. In un Paese dove la gente e la cultura sono colorate come lo è lo scenario, è utile cercare una connessione più autentica alla vita di tutti i giorni.

In Italia la maggior parte della gente ha un appuntamento giornaliero con i mercati, dove iniziano a preparare i pasti. È normale avere un macellaio di fiducia, che mette da parte il taglio perfetto per preparare una buona scaloppina di vitello. O un pescivendolo personale, che ha clienti da anni e automaticamente sa quando tenere da parte un chilo di sardine. Una visita al mercato fornirà all'italiano medio tutto ciò di cui ha bisogno per un pasto completo di quattro portate, dalla frutta e verdura, alle carni, ai formaggi, alla pasta, al vino, al pane, ai prodotti della gastronomia, ai piatti caldi preparati, ai prodotti da forno e ai dessert.

I mercati sono pieni di cose da vedere, di suoni e sapori di un'Italia che assapora il suo cibo. In tempi di crisi economica, gli italiani tagliano tutto ma non quel che si mangia.  

Gli agricoltori italiani, i pescatori, i macellai, i cuochi, i pasticceri e i fornai sono come gli artigiani: hanno una lunga passione per la loro arte. Anche la tradizione del mercato, ha una lunga storia, antica come l'Europa stessa, e deriva dal periodo medievale in cui i mercanti in viaggio portavano i loro prodotti in altre città attraverso nuove strade e rotte commerciali. C'è anche un’ovvia connessione con il bazar del Medio Oriente, che è ampiamente diffuso in tutto il mondo sotto forma di commercio e mercati all'aperto. I mercati non riguardano solo lo scambio commerciale tra compratori e venditori, ma anche la costruzione di un rapporto: un mercato quotidiano è una conversazione in corso, una condivisione di ricette, è socializzazione a livello personale, il tutto in un brusio di attività e stravaganze.

Un mercato mattutino è pieno di aromi di frutta fresca, verdure, prodotti da forno e di cucina, con un coro di urlatori che cercano di attirarti alle loro bancarelle con le promesse dei migliori prezzi o dei prodotti più freschi. Fare un po’ di battute è normale e, se si è abbastanza abili, si può persino ottenere uno sconto. La quantità è sempre importante, più si compra maggiori sono le possibilità di ottenere un buon prezzo.  

I mercati sono uno dei modi migliori per comprendere la storia, la cultura e l'identità dell'Italia. Ogni città ha il suo mercato centrale e ci sono anche molti piccoli mercati giornalieri allestiti in diversi quartieri, per coloro che non riescono a raggiungere il centro città. La maggior parte dei mercati centrali della città si tengono solo al mattino nei giorni feriali e sono chiusi la domenica e la maggior parte dei pomeriggi. Spostandosi nelle città più piccole, ogni luogo ha il suo giorno di mercato designato durante la settimana.  

Da Nord a Sud ci sono molti grandi mercati storici, di solito all'interno dei centri storici delle principali città e sono un punto focale della cucina locale. Vicino ai mercati ci sono solitamente i migliori ristoranti, le trattorie a conduzione familiare e una selezione di cibo di strada, che sfrutta gli ingredienti freschi.

Nel cuore della Serenissima, c'è il mercato vicino al ponte di Rialto, uno dei mercati più antichi d'Italia. È lì dal 1057 e riunisce il meglio dei frutti di mare e degli ingredienti veneziani, il tutto avvolto nella musica del dialetto locale di Venezia.  

Altro luogo perfetto per trovate ottimo pescato è il Mercato Orientale della città portuale di Genova. Originariamente destinato ad essere un convento, il palazzo fu riaperto come mercato alla fine del 1800. Una parte del mercato esterno è dedicata all'industria florovivaistica locale, mentre la maggior parte degli interni è ricca di delizie gastronomiche.   

Sempre a Nord, precisamente a Torino, il mercato di Porta Pila è parte vibrante della vita torinese. Il più grande mercato all'aperto d'Europa, Porta Pila - comunemente noto come Porta Palazzo dalla gente del posto - offre i migliori negozi della città. Le bancarelle riflettono la cultura, le tradizioni e i sapori della regione Piemonte. Ogni sabato, nelle vicinanze della Borgata del Pallone, troverete il locale mercatino delle pulci pieno di antichità e altre sorprese.  

La dedizione di Bologna al cibo, e in particolare alla pasta, è famosa nel mondo e il Mercato di Mezzo è il fulcro della cucina della regione Emilia-Romagna. Proprio al centro della città, questo mercato è lì dal 1400, con dozzine di negozi specializzati, piccoli ristoranti e venditori di street food italiano. È una gioia vagare tra le bancarelle costantemente tentati di acquistare cibo meravigliosamente disposto, mentre si è circondati da una successione di palazzi e piazze medievali.

Nella capitale, a Roma, c'è il mercato di Campo de' Fiori, che è stato per secoli il punto focale della città, dai suoi originali orti mercatali nel 1400, che hanno dato il nome al mercato, all’essere diventato scenario di oscura storia militare e persino set del moderno cinema italiano. Oggi il Campo è un vivace pezzo di vita locale e vende di tutto, dalla frutta fresca e verdura alle erbe e spezie.   

Firenze, gioiello del Rinascimento della Toscana, ha il suo irresistibile Mercato Nuovo. Costruito a metà del 1500, il portico fu inizialmente costruito per ospitare i mercanti d'oro e di seta della città. Oggi è un mercato turistico pieno di cuoio e souvenir, mentre al piano di sopra c'è un ristorante di alto livello, che è il luogo perfetto per assaggiare ciò che la Toscana ha da offrire nel piatto.

Dirigendosi verso l'Italia meridionale, i mercati sono più vivaci e caotici, ma forse ancora più affascinanti da visitare. A Napoli, il Mercato di Porta Nolana ospita il meglio dei sapori della città. Fondato nel 1500, il mercato di Porta Nolana è anche una finestra colorata sul settore della pesca di questa città portuale.  

Arrivando in Sicilia sarete grati alla passione dei Palermitani per il buon cibo, che ha tenuto vivi i quartieri del mercato di Palermo. Potrete ancora avere un'autentica esperienza di mercato siciliano nei mercati di Capo, Ballarò e Borgo Vecchio, che mantengono le tradizioni più vibranti con molti ristoranti a conduzione familiare e venditori di cibo da strada.  

C'è un'arte per lo shopping nei mercati ed è sempre un'avventura, perché non si sa mai cosa si può trovare. I mercati italiani, attivi e vivaci, sono il posto giusto per trovare gli ingredienti più freschi, in una ricca scelta di cibo e vino, artigianato, tessuti, antichità, vestiti e molte altre scoperte casuali: un'esperienza meravigliosamente autentica.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The Bells of Agnone: Marinelli’s family handcrafting papal bells since 1339

There is a special sound that speaks of Italy, the same for thousands of years, a sound that becomes one with the country’s landscape, dotted with...

Feeding Italy for millennia: the history of ancient grains

Greeks and Romans offered spelt to the Gods, Aztecs considered chia seeds worthy of tributes, and farro is noted in the Old Testament. Today,...

Mary Taylor Simeti, grande dame of Sicilian culinary culture

“Sicilian novels and memoirs that speak of food are more important to me than cookbooks,” says Mary Taylor Simeti, a grande dame of the vibrant...

Pliny the Elder, story teller of the world

Second only to Aristotle, Gaius Plinius Secundus, known as Pliny the Elder, was probably the most influential scholar of Antiquity, and the only one...

Rocca Imperiale, the scent of lemons at sea

For a new angle on Italy, ditch the car and try sailing off on the Ionian Sea along the coast off Rocca Imperiale, a bijou-size borgo that just...

Weekly in Italian

Recent Issues