Cento anni dopo la nascita di Luciano Emmer 'Basta ci faccio un film!'

Cento anni dopo la nascita di Luciano Emmer 'Basta ci faccio un film!'

File:Luciano Emmer, Marina Vlady, Magali Noël en Bernard Fresson (1960)

Per il centenario dalla nascita del grande cineasta Luciano Emmer (Milano, 19 gennaio 1918 – Roma, 16 settembre 2009), la Cineteca Nazionale a Roma ha voluto ricordarlo con una rassegna dei suoi film a cominciare da “Domenica d’agosto” (1950), “Parigi è sempre Parigi” per continuare con “Le ragazze di Piazza di Spagna” (1952) e “Il bigamo” (1955). Infine, il 2 aprile sarà proiettata “La ragazza in vetrina” (1961) nella copia restaurata e con la ricostruzione della versione originale a cura della Cineteca Nazionale, e “Basta! Ci faccio un film”(1990).

Come scrive giustamente Silvio Danese, Emmer“era un cordiale riottoso. Non la mandava a dire a nessuno. E poi il cinema. Francesca Bertini, abbarbicata lasciva a qualche cortina, domina l’atrio di casa Emmer nei primi anni ‘20, quando c’erano ancora i calessi e le lampade a carbone. Emmer, ha scoperto il cinema così, a cinque anni. Ha studiato al liceo, a Milano, con Dino Risi. Ha diretto documentari insostituibili sull’arte, nell’immediato dopoguerra, facendo sobbalzare Mussolini sulla poltrona di Villa Torlonia con la celebre frase “Non eravamo più ignari del dolore e della morte” nel documentario su Predappio. Ha esordito nel 1950: Domenica d’agosto è una commedia che, in pieno neorealismo, sovvertì le regole del racconto, con una fragilità narrativa che diventa forza di verità. Per un decennio Emmer ha lasciato il segno. Poi ha lasciato il cinema.

L’incorruttibile personalità di un autore da rimpiangere si era scontrata con la censura, l’ipocrisia morale dei politicanti, l’indifferenza degli intellettuali. L’addio di Emmer al cinema fu intemperante, cioè profondamente onesto. La vedeva così: “Una bella lapide con una data e un’iscrizione: 1960 (o giù di lì), il cinema italiano è morto qui” [...]. Seduto nel suo minuscolo ufficio tra i prefabbricati anonimi di Saxa Rubra, qualche anno fa ci affidò questa riflessione sul cinema: “La storia del cinema alla mia maniera è la storia di uno che anziché fare l’idraulico ha fatto il cinema. Cioè un mestiere. La gente lo piglia per chi sa che cosa. Io non l’ho mai considerato di più. I film lasciano tracce forti? Come i rubinetti buoni, che fanno la tranquillità di una famiglia. Se un rubinetto funziona per quattro o cinque anni, è stato riparato bene. Ma poi, chi decide se si fa bene o male un film?””.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Garrone, Rohwacher e Golino in concorso a Cannes 2018

Garrone, Rohwacher e Golino in concorso a Cannes 2018

Partecipazione importante dell’Italia alla 71esima edizione del festival di Cannes, (dall'8 al 19 maggio), con due film in concorso e uno nella...
Tour Usa per I Siciliani, film documentario di Francesco Lama

Tour Usa per I Siciliani, film documentario di Francesco Lama

Verrà presentato in anteprima americana a New York il 9 aprile, presso la Casa Italiana Zerilli Marimò , il docufilm “ I Siciliani ”, scritto e...
Papa Francesco-Un uomo di parola, il nuovo film di Wim Wenders

Papa Francesco-Un uomo di parola, il nuovo film di Wim Wenders

Il progetto era stato presentato dal regista Wim Wenders al Festival di Cannes dello scorso anno. E proprio la nuova edizione del Festival di Cannes...
Cinecibo Awards, che legame c'è tra il cinema e il cibo?

Cinecibo Awards, che legame c'è tra il cinema e il cibo?

Si terranno anche quest’anno nella cornice del The Church Palace di Roma, i Cinecibo Awards , serata di gala per l’assegnazione di premi ad attori,...
Giovani Talenti Musicali Italiani nel Mondo

Giovani Talenti Musicali Italiani nel Mondo

Si consolida la partnership tra il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e l’ Accademia Musicale Chigiana di Siena , con...

Weekly in Italian

Recent Issues