Secret Italy: a voyage through the mysterious and the unknown of the peninsula

Trulli are a typical form of Pugliese dwelling, one that experts believe to have roots as far back as prehistory, even though the oldest ones still extant date to the 14th century

From North to South, from East to West, Italy is a beautiful chest filled with mysterious treasures. Bones of dragons and alchemic doors, secret symbols to warn against the Devil and dark ladies of the Renaissance, our trip through the less common and the unknown of the Bel Paese let us partake some well kept secrets of Italian history and tradition.  
 
The Southern regions of the country are the last stop of this fascinating trip. In the wild and wonderful Sardinia, stone giants evocative of those on Easter Island guard the land; in Puglia, popular and reassuring trulli sport esoteric symbols painted on their roofs and mysterious apparitions haunt Monte Sant’Angelo.  
 
Sardinia: the Giants of Mont’e Prama 
Immensely beautiful cradle of ancestral culture and traditions, home to the most longevous people in the world, Sardinia has more still to bestow upon her many enamoured estimators, something of a mysterious, fascinating nature. It was 1974 when farmers of the Mont’e Prama area, in the province  of Oristano, unearthed large sculptural fragments of unknown origins from their fields.
The large, round eyes that characterize them - one of the features they do not share with the Easter Island statues - evoke artistically Asia Minor and the aesthetics of Phoenicians and Etruscans
They belonged, it soon appeared, to statues of enormous size. Kolossoi, called them the first archaeologist working on the findings, Giovanni Liliu, known at the time for his work on the Nuragic civilization of Sardinia. Imposing, hieratic, with straight noses, the giants of Mont’e Prama are reminiscent of other mysterious stony faces, those of Easter Island: just like them, they probably represent important members of a long gone society and, just like them, they are surrounded by a thick aura of historical mystery.
 
The statues of Mont’e Prama reach 2 and half meters in height (just above 8 feet), can weight up to a staggering 400 kg (almost 900 lbs) and are entirely carved in granite. The large, round eyes that characterize them - one of the features they do not share with the Easter Island statues - evoke artistically Asia Minor and the aesthetics of Phoenicians and Etruscans. The art of the latter, in particular, seems to have very much been an inspiration. What makes the giants so interesting is the fact they are likely to belong to a an unknown, post Nuragic civilization, about which modern historians still don’t know anything.
 
The excavation carried out after the first fortuitous discovery of the statues brought to the surface a 2800 year old monumental necropolis, very likely sacked in previous centuries, as demonstrated by the presence of empty tombs. Our enigmatic giants used to stand high on them, their awe-inspiring allure possibly a memento of those buried underneath. What do we know of the people who sculpted the giants? Who were they and where did they come from? By the size of their statues, we can assume they were a fairly evolved society, wealthy and powerful, the mystery of which , however, remains largely kept in the eyes of their granitic, silent giants of stone.  
 
Puglia, esoterism and holy apparitions  
Alberobello and its trulli are in the mind of all those who visited Puglia at least once: a true symbol of the region, especially of its central and southern areas. Trulli are a typical form of Pugliese dwelling, one that experts believe to have roots as far back as prehistory, even though the oldest ones still extant date to the 14th century.
Alberobello and its trulli are in the mind of all those who visited Puglia at least once
Trulli were the typical homes of local rural communities, their white washed walls and dark, conical roofs remind us still today of fairy tales villages. However, keen observers may notice the presence of large, white, hand painted symbols on the black slates of their roofs: Jewish candelabra, holy hearts, crosses, holy wafers. Many of these symbols have a religious origin, but others are pagan and rooted in a much more ancient tradition, of which we know very little: indeed, we don’t really know why farmers would draw them on their homes and all we can do is guessing. Historians agree these symbols had a propitiatory role and that locals would use them to bring prosperity and protection upon their households. There’s more than 200 of them in Alberobello, often recurring among the members of the same family: an interesting piece of trivia for local history and lore lovers, with enough mystery to keep us guessing and wondering about their true significance.  
 
Puglia is also home to the famous Santuario di Monte Sant’Angelo, in the Foggia province, known for being the location of several angelic apparitions. The first seems to date back to 490 AD when a local lord, attempting to kill a bull, shot an arrow into a cave only to have it thrown back at him and being hit. A few days later, Archangel Michael appeared to the man declaring the cave was holy and should be consecrated to the Lord: quite an act, in an area still profoundly pagan. In fact, local bishop Lorenzo Maiorano decided not to follow Saint Michael’s advice for that very reason.
 
Michael appeared once more two years later, when the area was devastated by the hoards of Odoacer, granting protection to locals; indeed, the Barbarians were chased away, yet bishop Maiorano still refused to enter the cave and recognize it as a holy place. He decided to travel to Rome and consult with the Pope instead, who suggested to carry on with the cave’s consecration. But Saint Michael, certainly not one to wait on a frightful bishop to do what’s needed, appeared a third time to state there was no longer need to bless the cave: he had done it himself already. Apparently, a fourth apparition took place in 1656, when Puglia was devastated by the plague: Saint Michael spoke once again to the local bishop, suggesting to carve crosses on the cave’s stones to free the area from disease. And so, believers say, this quaint little corner of Gargano won over pestilence and never experienced it again.  
 
Just like art, good food and magical sceneries, mystery and the unknown are another thing bringing together the North, the Centre and the South of Italy, an ideal line creating yet another interesting series of itineraries to discover more about our amazing country.  
Da Nord a Sud, da Est a Ovest, l'Italia è un bello scrigno pieno di tesori misteriosi. Ossa di draghi e porte alchemiche, simboli segreti per mettere in guardia contro il diavolo e oscure dame del Rinascimento, il nostro viaggio attraverso il meno comune e l'ignoto del Bel Paese, ci fa scoprire alcuni segreti ben conservati della storia e della tradizione italiana.  
 
Le regioni meridionali del Paese sono l'ultima tappa di questo affascinante viaggio. Nella selvaggia e meravigliosa Sardegna, giganti di pietra che evocano quelli dell'Isola di Pasqua custodiscono la terra; in Puglia, i famosi e rassicuranti trulli hanno simboli esoterici dipinti sui loro tetti e misteriose apparizioni infestano Monte Sant'Angelo. 
 
Sardegna: i giganti di Mont'e Prama  
Culla immensamente bella della cultura e delle tradizioni ancestrali, terra delle persone più longeve del mondo, la Sardegna ha ancora molto da concedere ai suoi innamorati estimatori, qualcosa dalla natura misteriosa e affascinante. Era il 1974 quando contadini della zona di Mont'e Prama, in provincia di Oristano, dissotterrarono grossi frammenti scultorei di origini sconosciute dai loro campi. Appartenevano, apparve presto, a statue di enormi dimensioni. Kolossoi, li chiamò il primo archeologo che lavorò alle scoperte, Giovanni Liliu, all'epoca noto per i suoi lavori sulla civiltà nuragica della Sardegna. Imponenti, ieratici, con nasi diritti, i giganti del Mont'e Prama ricordano altri misteriosi volti di pietra, quelli dell'Isola di Pasqua: proprio come loro, probabilmente, rappresentano membri importanti di una società ormai perduta e, proprio come loro, sono circondati da una fitta aura di mistero storico. 
 
Le statue di Mont'e Prama raggiungono i 2 metri e mezzo di altezza (poco più di 8 piedi), possono pesare fino a un incredibile peso di 400 kg (quasi 900 libbre) e sono interamente scolpiti nel granito. I grandi occhi rotondi che li caratterizzano - una delle caratteristiche che non condividono con le statue dell'Isola di Pasqua - evocano artisticamente l'Asia Minore e l'estetica dei Fenici e degli Etruschi. L'arte di questi ultimi, in particolare, sembra essere stata molto d'ispirazione. Ciò che rende i giganti così interessanti è il fatto che probabilmente appartengono a una civiltà post nuragica sconosciuta, sulla quale gli storici moderni ancora non sanno nulla. Gli scavi effettuati dopo la prima fortuita scoperta delle statue hanno riportato in superficie una necropoli monumentale di 2800 anni fa, molto probabilmente saccheggiata nei secoli passati, come dimostra la presenza di tombe vuote. I nostri giganti enigmatici dovevano stare in piedi su di esse, il loro fascino maestoso forse era in ricordo di coloro che stavano sepolti sotto. Cosa sappiamo delle persone che hanno scolpito i giganti? Chi erano e da dove venivano? Dalle dimensioni delle loro statue, possiamo supporre che fossero una società abbastanza evoluta, ricca e potente, il cui mistero, tuttavia, rimane ampiamente negli occhi dei loro granitici e silenziosi giganti di pietra. 
 
Puglia, esoterismo e apparizioni sacre  
Alberobello e i suoi trulli sono nella mente di tutti coloro che hanno visitato la Puglia almeno una volta: un vero simbolo della regione, in particolare delle sue aree centrali e meridionali. I trulli sono una tipica forma di abitazione pugliese, che gli esperti ritengono risalga alla preistoria, anche se i più antichi esistenti risalgono al XIV secolo. I trulli erano le tipiche case delle comunità rurali locali, le loro pareti bianche lavate e i tetti scuri e conici ricordano ancora oggi i villaggi delle fiabe. Tuttavia, gli osservatori scrupolosi possono notare la presenza di grandi simboli bianchi dipinti a mano sulle lastre nere dei tetti: candelabri ebraici, cuori sacri, croci, ostie sacre. Molti di questi simboli hanno un'origine religiosa, ma altri sono pagani e radicati in una tradizione molto più antica, di cui sappiamo pochissimo: anzi, non sappiamo davvero perché gli agricoltori li avrebbero disegnati sulle loro case e tutto ciò che possiamo fare è indovinare.
 
Gli storici concordano sul fatto che questi simboli avessero un ruolo propiziatorio e che i locali li usassero per portare prosperità e protezione alle loro famiglie. Ce ne sono più di 200 ad Alberobello, spesso ricorrenti tra i membri della stessa famiglia: sono una curiosità interessante per la storia locale e gli amanti della tradizione, con sufficiente mistero da indurci a indovinare e interrogarci sul loro vero significato. 
 
La Puglia è anche sede del famoso Santuario di Monte Sant'Angelo, in provincia di Foggia, noto per essere il luogo di numerose apparizioni angeliche. La prima sembra risalire al 490 d.C. quando un signorotto del posto, tentando di uccidere un toro, tirò una freccia in una grotta che tornò indietro e lo colpì. Pochi giorni dopo, l'Arcangelo Michele apparve all'uomo dichiarando che la grotta era santa e doveva essere consacrata al Signore: un atto abbastanza importante, in un'area ancora profondamente pagana. Infatti, il vescovo locale Lorenzo Maiorano decise di non seguire il consiglio di San Michele proprio per questo motivo.
 
Michele apparve ancora una volta due anni dopo, quando l'area fu devastata dalle orde di Odoacre, garantendo protezione ai locali; in realtà, i barbari furono cacciati via, eppure il vescovo Maiorano rifiutò ancora di entrare nella grotta e di riconoscerla come luogo sacro. Decise di recarsi a Roma e di consultarsi con il Papa, il quale suggerì di procedere con la consacrazione della grotta. Ma San Michele, certamente non uno che aspetta un terribile vescovo per fare ciò che è necessario, apparve una terza volta per affermare che non c'era più bisogno di benedire la grotta: lo aveva già fatto lui stesso. 
 
Pare che una quarta apparizione ebbe luogo nel 1656, quando la Puglia era devastata dalla peste: San Michele parlò ancora una volta al vescovo locale, suggerendo di incidere croci sulle pietre della grotta per liberare l'area dalle malattie. E così, dicono i credenti, questo caratteristico angolo del Gargano ha sconfitto la pestilenza e non l'ha mai più patita.  
Proprio come l'arte, il buon cibo e gli scenari magici, il mistero e l'ignoto sono un'altra cosa che riunisce il Nord, il Centro e il Sud Italia, una linea ideale che crea un'altra interessante serie di itinerari per scoprire di più del nostro fantastico Paese. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

"Bifrontal Inflatable Paintings": in Milan the new artworks by the most celebrated Italian artist Franco Mazzucchelli

What does painting mean today? This question inspired the new artworks by the most celebrated living Italian artist, Franco Mazzucchelli. The artist...

Palla al centro: a history of Italy’s love affair with soccer

Usually, in Italy, you’d sense electricity in the air before the soccer World Cup begins: the country’s passion for calcio is well known, and when it...

Nola’s towering festival of lilies

For a little town just off the A16 autostrada, east of Naples, Nola has some big claims to fame. Spartacus once conquered it, Hadrian tried and the...

Naso: the roots of Lady Gaga

Born Joanne Stefani Germanotta, Lady Gaga was raised in Manhattan, but her melodramatic excess and sense of the theatrical baroque might spring from...

Finding art and hospitality in Tuscany's ancient Spedali

Even though present-day hospitals all around the world are basically centers providing medical assistance and rehabilitation of the sick, the...

Weekly in Italian

Recent Issues