Potato pizza and rosemary

This potato pizza is equally suitable as dinner on its own, a side dish, or an awesome addition to a charcuterie board. Photo: Nonna’s Way

I don’t think there is another food in the world that has reached the popularity or stretched the imagination as much as pizza. Let’s not get into where the best pizza is made or who made it first because we would be here a long while and things could get nasty! Joking aside, and without going into a history lesson, it’s safe to say that most of the world associates pizza with Italy and Italian cooking and most would agree that Naples is the mecca of pizza towns. That may be where the accord stops though, because from dough preparation all the way to proper eating tactics, one can find and argue their point to no end.  
 
 
Slow-rise, quick-rise, no knead, 72 hours, hand-kneaded…..so many decisions can be made just to start the process of making pizza. We’ve met with many a nonna and each has their own recipe with specific tips. All of them however, have been fantastic! In the end, it really comes down to the amount of time you have and your preferences. Do you like thin crust, thick crust, or even stuffed crust? Personally, I like a well browned bottom to my pizza, whereas my husband prefers it much less cooked (Eww!). Of course, a wood-fired oven would be fantastic in every backyard but let’s be realistic here.
 
 
You have a choice of many pizza pan materials, sizes, shapes, some even have holes. Some of you may have a pizza stone and swear by it. Here at Nonna’s Way we have recently started using the Baking Steel (www.bakingsteel.com) and we are hooked! It holds an extremely hot temperature and is the closest thing to a wood burning oven you can get. A beautifully cooked pizza every 5-6 minutes? Yes please! 
 
You could easily have pizza a thousand times and never eat the same thing twice. When you start to make it at home and realize how easy it is, you will definitely have favorite combinations that you make over and over but don’t get caught in a rut. A quick peek through your cupboards and fridge can spark your imagination. Sometimes though, you just want the classics and that’s ok too: margherita, pepperoni, or one my favorites from my aunt’s pizzeria in Italy - quattro stagioni or “four seasons:” a personal sized pizza with 1 topping on each quarter: Parma ham, artichoke hearts, mushrooms, and olives. Sometimes the simplicity of one topping allows you to enjoy the flavor completely.
 
 
When you think you’ve tried it all, you meet a nonna who makes you a potato pizza and you’re wondering why you never thought of that! This potato pizza is equally suitable as dinner on its own, a side dish, or an awesome addition to a charcuterie board! It’s got loads of flavor and with just a sprinkle of cheese it feels light and snackish. So next time you’re getting your twenty toppings ready for a pizza night, consider using just one or two! 
 
 
Potato pizza 
For the dough 
●4 cups all-purpose flour 
●1 envelope of active dry yeast (2 ¼ teaspoons) 
●2 cups lukewarm water divided 
●1 teaspoon sugar 
●2 tablespoons canola or vegetable oil 
●1 teaspoon salt 
 
For the pizza topping 
●5 medium white potatoes, peeled and thinly sliced 
●salt and pepper to taste 
●3/4 cup olive oil 
●Your favorite dry spices/herbs (oregano, granulated garlic, dried onion, chili pepper flakes) 
●Fresh rosemary chopped (optional) 
●1/2 cup shredded mozzarella 
 
For the dough 
1. Measure out the flour and place in a large bowl forming a well in the middle. 
 
2. In a bowl, mix the yeast with 1 cup of the water. Add the sugar and stir to mix well. Set aside to let bubble and become frothy. 
 
3. To the flour well, add the oil, then the frothy yeast mixture. Add the other cup of water to the bowl that contained the yeast, swish it around and then add this to the well contents. 
 
4. Begin mixing the flour into the liquid and at this point, sprinkle the salt in. 
 
5. When all the flour and liquid are combined, dump the dough out onto a floured board and knead well for about 10 minutes. 
 
6. Place the dough into a lightly oiled bowl then set aside and let rise for about 5 minutes. Lightly punch it down then set side again and let rise for about 2 hours covered with a tea-towel or food wrap. 
 
For the pizza topping 
1. Season the sliced potatoes with salt and pepper 
 
2. Add herbs/spices to your liking 
 
3. Add the olive oil 
 
4. Let the potatoes sit for 45-60 minutes. The potatoes will release water. Do not drain. 
 
5. After the dough has rested for 2 hours, punch it down again and then spread it out into a pizza pan lightly greased with butter or shortening. Prick the dough all over lightly with a fork. 
 
6. Lightly brush the dough with olive oil. 
 
7. Begin placing the potato slices over the pizza, overlapping the slices as shown in the photo. 
 
8. When all the slices have been placed on the pizza, evenly sprinkle about 3/4 of the potato water over the pizza. 
 
9. Finally, sprinkle the shredded mozzarella over the pizza. 
 
10. In a preheated oven, place the pizza in the middle of the oven and cook for 20 minutes. 
 
11. For a regular oven, set temperature at 375-400F. 
 
12. Nonna Anna cooks her pizza at 440F using convection roast on her gas range. 
 
13. Adjust cooking temperature to your particular oven. 
 
Notes 
Depending on the weather i.e. humidity, temperature, you may need less water for the dough. 
This pizza dough recipe is enough for one 16” X 22" pizza pan 
Non penso che ci sia un altro alimento al mondo che ha raggiunto la popolarità o ha sollecitato l'immaginazione tanto quanto la pizza. Non entriamo nel dibattito su dove sia prodotta la pizza migliore o chi l'abbia fatta prima, perché staremmo qui per un bel po’ e le cose potrebbero diventare fastidiose! A parte gli scherzi, e senza entrare in una lezione di storia, basti dire che la maggior parte del mondo associa la pizza all'Italia e alla cucina italiana e la maggior parte concorda sul fatto che Napoli sia la mecca delle città della pizza. Può darsi che l'accordo si fermi comunque qui, perché dalla preparazione dell'impasto fino al modo giusto per mangiarla, ci si può mettere a discuterne a non finire. 
 
Lievitazione lenta, lievitazione rapida, senza impastamento, 72 ore, impastata a mano ...così tante decisioni possono essere prese solo per iniziare il processo di produzione della pizza. Abbiamo incontrato molte nonne e ognuna ha la propria ricetta con suggerimenti specifici.  
 
Tutte loro però sono state fantastiche! Alla fine, dipende davvero dalla quantità di tempo che si ha e dalle proprie preferenze. Ti piace la crosta sottile, la crosta spessa o la crosta ripiena? Personalmente, mi piace un bordo ben cotto per la mia pizza, mentre mio marito lo preferisce molto meno cotto (Eww!). Naturalmente, un forno a legna sarebbe fantastico in ogni cortile, ma qui cerchiamo di essere realistici. Avete una scelta di molti materiali, dimensioni, forme per la teglia della pizza, alcune hanno persino buchi. Alcuni di voi potrebbero avere una pietra da pizza e giurarlo. Qui a Nonna's Way abbiamo recentemente iniziato a usare Baking Steel (www.bakingsteel.com) e siamo entusiaste! Raggiunge una temperatura estremamente alta ed è la cosa più vicina a un forno a legna che si può avere. Una pizza ben cotta ogni 5-6 minuti? Sì grazie! 
 
Puoi facilmente mangiare la pizza mille volte e non mangiare mai due volte la stessa cosa. Quando inizi a farla a casa e ti rendi conto di quanto sia facile, sicuramente avrai combinazioni preferite che farai ancora e ancora, ma non farti intrappolare dall’abitudine.  
 
Una rapida occhiata negli armadi e nel frigorifero può stimolare l’immaginazione. A volte però, vuoi solo i classici e va anche bene: Margherita, Peperoni o uno delle mie preferite dalla pizzeria di mia zia in Italia - Quattro Stagioni: una pizza di dimensioni personali con un condimento per ogni trimestre: prosciutto di Parma, cuori di carciofo, funghi e olive. A volte la semplicità di un condimento permette di godere completamente del sapore.  
 
Quando pensi di aver provato tutto, incontri una nonna che ti fa una pizza di patate e ti chiedi perché non ci hai mai pensato!  
 
Questa pizza di patate va bene sia come cena da sola, come contorno, o come aggiunta eccezionale a un tagliere di salumi! Ha un sacco di sapore e con una spruzzata di formaggio è leggera e da sgranocchiare. Quindi la prossima volta che avrai preparato i tuoi venti ingredienti per una serata di pizza, prendi in considerazione l'idea di usarne solo uno o due! 
 
Pizza di patate 
Per l’impasto 
● 4 tazze di farina per tutti gli usi  
● 1 busta di lievito secco attivo (2 ¼ cucchiaini)  
● 2 tazze di acqua tiepida divise  
● 1 cucchiaino di zucchero  
● 2 cucchiai di olio di canola o vegetale  
● 1 cucchiaino di sale  
 
Per il condimento della pizza  
● 5 patate bianche medie, pelate e affettate sottilmente  
● sale e pepe a piacere  
● 3/4 di tazza di olio d'oliva  
● Le tue spezie/erbe aromatiche preferite (origano, aglio granulato, cipolla secca, fiocchi di peperoncino)  
● Rosmarino fresco tritato (opzionale)  
 
Per l’impasto 
1. Misurare la farina e metterla in una grande ciotola formando un pozzo nel mezzo.  
 
2. In una ciotola, mescolare il lievito con 1 tazza di acqua. Aggiungere lo zucchero e mescolare per incorporare bene. Mettere da parte per lasciar fare le bolle e far diventare spumoso.  
 
3. Versare la farina bene, aggiungere l'olio, quindi la miscela di lievito schiumoso. Aggiungere l'altra tazza d'acqua alla ciotola che conteneva il lievito, farla roteare e aggiungerla al contenuto del pozzetto.  
 
4. Iniziare a mescolare la farina nel liquido e, a questo punto, cospargere il sale.  
 
5. Quando tutta la farina e il liquido sono combinati, versare l'impasto su un piano infarinato e impastare bene per circa 10 minuti.  
 
6. Mettere l'impasto in una ciotola leggermente oleata, quindi mettere da parte e lasciar lievitare per circa 5 minuti. Schiacciatela leggermente, quindi mettete di nuovo a lato e lasciate lievitare per circa 2 ore, coperto con un asciugamano da tè o un incarto alimentare. 
 
Per il condimento della pizza 
1. Condire le patate a fette con sale e pepe  
 
2. Aggiungere erbe / spezie a tuo piacimento  
 
3. Aggiungere l'olio d'oliva  
 
4. Lasciate riposare le patate per 45-60 minuti. Le patate rilasciano acqua. Non scolare.  
 
5. Dopo che l'impasto si è riposato per 2 ore, schiacciarlo di nuovo e poi distribuirlo in una teglia leggermente imburrata con burro o grasso. Pungere l'impasto leggermente con una forchetta.  
 
6. Spennellare leggermente la pasta con olio d'oliva.  
 
7. Iniziare a posizionare le fette di patate sulla pizza, sovrapponendo le fette come mostrato nella foto.  
 
8. Quando tutte le fette sono state posizionate sulla pizza, cospargere uniformemente circa 3/4 dell'acqua della patata sopra la pizza.  
 
9. Infine, cospargere la pizza con la mozzarella grattugiata.  
 
10. In un forno preriscaldato, posizionare la pizza al centro del forno e cuocere per 20 minuti.  
 
11. Per un forno normale, impostare la temperatura a 375-400F.  
 
12. Nonna Anna cucina la sua pizza a 440F usando la tacca dell'arrosto sulla sua manopola del gas.  
 
13. Regolare la temperatura di cottura sul proprio forno.  
 
Appunti  
A seconda del tempo, dell’umidità, della temperatura, potrebbe essere necessaria meno acqua per l'impasto.  
Questa ricetta per la pasta per la pizza è sufficiente per una teglia da 16 "X 22". 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Kick your canned tuna up a notch: pasta with roasted cauliflower and tuna

Italians are one of the largest consumers of canned tuna in the world and for good reason. Italian oil-packed tuna (tonno) is a flavor packed treat...

Granita, sorbetto, grattachecca o sgroppino… Much more than ice and syrup! 

Sicilian granita has rougher consistency than gelato, is entirely free from air and has a sugar content of about 30%. It is made of water, fruit...

Hot! Hotter! Soft ‘nduja, the soft Calabria salami

Between green mountains and crystal clear sea, the region of Calabria offers a plethora of unique delicacies, including ‘nduja, a curious spreadable...

Frico, that stranger!

Frico, that stranger! Frico, or fricò to say it in Friulan dialect, comes from the extreme North-East of Italy, near the border with Austria. This...

Beer, the world’s bubbliest blonde, is more than 5000 years old

The history of beer is ancient and its invention may well be considered fortuitous, if we take into account that basically every type of sugar-...

Weekly in Italian

Recent Issues