L’emigrato abruzzese imbarcato USS Arkansas BB-33

L’emigrato abruzzese imbarcato USS Arkansas BB-33

Antonio Giuseppe D’Andreagiovanni (Anthony Joseph Daniger) l’abruzzese che combatté le più importanti battaglia della Seconda Guerra Mondiale: lo “Sbarco in Normandia”, la cruenta “Battaglia di Cherbourg”, le leggendarie conquiste di “Iwo Jima” e di “Okinawa” lo videro sempre coraggioso protagonista sulla nave “USS Arkansas BB-33”. Era nato a Montesilvano nel 1925.

Antonio Giuseppe D’Andreagiovanni, negli Stati Uniti divenne Anthony Joseph Daniger, nacque a Montesilvano, il 18 novembre del 1925, da Donato e Concetta. Le sue vicende, legate all’emigrazione, sarebbero state come una delle tante e non dissimili storie. Ma il ragazzo di Montesilvano invece visse, da protagonista, la Seconda Guerra Mondiale e con essa incontrò la Storia.

 Quasi tutti hanno letto dello “Sbarco in Normandia”, della cruenta “Battaglia di Cherbourg”, della leggendaria conquista di “Iwo Jima” e delle operazioni di “Okinawa”. Quasi tutti ne hanno sentito parlare ma Antonio Giuseppe D’Andreagiovanni le visse e combatté davvero.

Imbarcato, come marinaio, sulla “USS Arkansas BB-33” (nave da battaglia della United States Navy) si trovò a vivere da vicino e coraggiosamente vicende destinate a non essere mai più dimenticate. Antonio Giuseppe vide combattere, vide morire e vide issare vittoriosa la bandiera per la quale combatté. Ottenne per questo importanti riconoscimenti militari.

Poi una volta sbarcato dalla sua “USS Arkansas BB-33”, con umiltà e come ogni buon soldato, tornò nel suo piccolo villaggio di South Glens Falls nello Stato di New York. Venne spesso chiamato per ricordare quelle vicende e immancabilmente i suoi occhi si riempivano di lacrime.

Dopo la guerra il suo lavoro fu quello di rappresentante-venditore e in questo l’aiutò la sua proverbiale ed inarrestabile parlantina. Amò i cani e la caccia grazie ai quali, durante i duri anni trascorsi a Mechanicville, riuscì a procurare cibo per la sua famiglia.

Sposò, nel 1957, il grande amore della sua vita, Mary LaClair, dalla quale ebbe tre figli: Daniel, William e Anthony. Antonio Giuseppe D’Andreagiovanni (Anthony Joseph Daniger) morì il 19 novembre del 2015.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Il ventennio fascista dal punto di vista dei corrispondenti americani in Italia

Il ventennio fascista dal punto di vista dei corrispondenti americani in Italia

La scoperta dell’Italia, il fascismo raccontato dai corrispondenti americani (Marsilio Edizioni) è l’ultima opera del professor Mauro Canali, per la...
L’emigrazione nei libri di scuola per l’Italia e per gli italiani all’estero

L’emigrazione nei libri di scuola per l’Italia e per gli italiani all’estero

“ L’emigrazione nei libri di scuola per l’Italia e per gli italiani all’estero ” è il titolo di un nuovo volume pubblicato dalla Fondazione Migrantes...
Nove anni dopo il terremoto de L'Aquila

Nove anni dopo il terremoto de L'Aquila

Nove anni dopo il bicchiere è mezzo pieno, si vede nei servizi fotografici dei media nazionali, e lo confermo con la mia esperienza personale...
Lamericaaa! L’Americaaa! 1916. L’emigrazione raccontata ai ragazzi

Lamericaaa! L’Americaaa! 1916. L’emigrazione raccontata ai ragazzi

C’è un grande buco nero nella Storia d’Italia. E’ l’epopea dell’emigrazione italiana, la storia dimenticata di quasi 30 milioni d’italiani andati...
Ai piedi di un mandorlo, la dedica di Ignazio Silone agli emigranti

Ai piedi di un mandorlo, la dedica di Ignazio Silone agli emigranti

Ignazio Silone nacque nel 1900 a Pescina dei Marsi, in provincia dell'Aquila. Il paesaggio e le problematiche sociali delle montagne abruzzesi tra...

Weekly in Italian

Recent Issues