Chestnuts: Tuscany’s other celebrated Fall fruit

With their floury texture than turns creamy in the mouth and their characteristic scent when roasted, chestnuts are one of Italy's most autumnal produce. Kerstin Land / Alamy Stock Photo

The last gasps of summer play out over the Italian landscape – a land grateful for the sun’s energizing warmth, but oh-so-ready for fall’s cooler temps and bountiful harvests. Undulating hillsides lay decorated with purple-red grape clusters dripping jewel-like from autumnal colored vines, ripe to bursting with sweet juices. Later fall brings the greatly anticipated collection of olives, those delectable fruits that will be coaxed into rich, silky oil ready to savor. Ah…fall’s rewards await!

Chestnuts are found throughout Italy, but the most venerated varietals grow in Tuscany

But hold on. There’s another fruit that may be even more important to the long-standing history of survival in Italy, especially in the mountainous regions of Tuscany. Certainly not as glamorous as the revered grape or olive, and definitely not as pretty, behold the castagne – the Italian chestnut. Wrapped in a jacket resembling a punk-rocker’s best spiky hairdo, this starchy fruit (nope, not a nut) has provided rich nourishment for hundreds, nay thousands of years. Why even Homer and Virgil extolled the virtues of the chestnut tree as early as 37 B.C., and rumor has it that Greek armies as far back as 2000 B.C. considered chestnuts their main C-ration. 

In medieval Tuscany, the chestnut was a staple of sustenance, its bearer literally known as “the tree of life.” The high calorie, nutrient-rich fruit was easily ground into flour and provided an array of food products ranging from bread and pasta to polenta and cake  - to just about anything else you could imagine a flour being used for. With more energy to spare on creative uses, crafty modern chefs have turned the chestnut into delicacies such as jams, candy, wines, and sauces.

In medieval Tuscany, the chestnut was a staple of sustenance, its bearer literally known as “the tree of life.”

Chestnuts are found throughout Italy, but the most venerated varietals grow in Tuscany. A product appreciated more nowadays for its virtues than its practicalities, the fruit is regulated and protected to maintain origin and quality. The 3 most prestigious chestnuts boast a proud IGP (geographical areas of protected origin) status: the Castagna del Monte Amiata IGP, the Marrone del Mugello IGP, and the Farina di Neccio della Garfagnana IGP. 

Late October is harvest season, as well as time to find your fill of all things chestnut. 

During the month of October "casteagne" festivals are happening throughout the Peninsula

Almost every paese (small town) in chestnut growing regions will be crowding the October weekends with sagre (food festivals) offering every modality to enjoy the chewy, nutty-sweet flesh. 

 We happened upon one last fall while in Tuscany: Abbadia San Salvatore’s Festa d’Autunno (Autumn Festival). Tucked away on the eastern slope of the now-dormant volcano known as Mt. Amiata, Abbadia San Salvatore is a small town, pleasantly quiet with tree-lined streets and a charming, walled old town. By all appearances, not much goes on there outside of the daily lives of its inhabitants…until October arrives. Quiet routine turns to festivity as the town’s contrade are decorated with fall trappings, banners, and a set-up on every corner to prepare copious amounts of caldarroste - chestnuts, well, roasted on an open fire. 

We arrived on a rainy, cold Saturday – perfect weather for huddling together under an umbrella as we set out to explore and discover this lovely tradition. Just outside the aged walls was a wonderfully fun market offering rows of artisans’ works, homemade wares, and what I’d call resale shop treasures such as the two vintage children’s books (perfect Italian practice for me!) and a packet of ancient Roman coins we walked away with.  

Setting foot inside the old town, the true festival began to materialize before us. Old men huddled over large wire drums filled with fresh chestnuts, discussing their readiness as they spun them round-and-round over flames. Young boys stood by, fascinated with the process as they were, in turn, shown the correct method for creating the perfect caldarroste. 

Booths offered up new wine, as well as the traditional vin brulé, a mulled wine cooked until virtually no alcohol remains. We wandered the contrade with a cup of this pleasant brew while we waited for the first of the chestnuts to be ready. Open doors allowed us a peep into kitchens bursting with busy women who chattered as diligently as they worked while preparing festival foods; children ran in and out, grabbing a taste before they were shooed away. 

Upon hearing exuberant laughter around a nearby corner, we sought out its source and came upon a play in progress in a small piazza. It would qualify for what we would call a farce or melodrama, and despite not being able to follow the dialogue word by word, we joined the laughter and merriment. 

With a bag of warm caldarroste finally in our hands, the tasting began. Easily peeled from their darkened wood-like shell, the roasted chestnut was revealed. The color of a latte, the crinkly but firm flesh had the texture of a dense, cooked potato, and even a bit of the flavor. It was nutty, slightly sweet, and I had visions of trying it drenched in wine and cinnamon as I’d read about. We shared the bag as we sniffed out other delights to try – castagnaccio (traditional slightly sweet chestnut cake), necci (traditional bread), and migliaccini (fried dough balls). 

Delightful all…and much, much better than the chestnuts I attempted to oven roast at home in Texas the year before. 

We were satiated both physically and nei nostri cuori (in our hearts) after this amazing event. One doesn’t have to depend only upon Abbadia San Salvatore, however, for this wonderful experience. Every weekend in October brings merriment in Mugello where one can even arrive on the old steam train between Florence and Marradi for the annual Sagra delle Castagne. Piancastagnaio offers the oldest festival, the Crastatone. True to its designation, the Crastatone is filled with traditional foods, music, and street dances all set to recreate a medieval rural village. And if you’re short on time, get in a two-for-one in Vivo d’Orcia where chestnuts and mushrooms are celebrated and devoured! 

If you aren’t fortunate enough to be in Tuscany in the fall, quality Italian chestnuts can be found in specialty markets in the U.S. or even ordered online. Look for a smooth, dark shell that feels firm to the touch. Avoid any with pin prick holes – the worms beat you to the goods! Roast a batch over a flame or in your oven, pop open a bottle of new wine, and dig in – an age old tradition begins anew! Mangia bene. 
 

Gli ultimi sussulti d'estate vanno in scena sul paesaggio italiano, una terra grata per il calore energizzante del sole, ma già pronta per i tempi più freddi dell’autunno e per i raccolti generosi. Ondulate colline giacciono decorate con grappoli d'uva rosso-porpora che pendono come gioielli dalle vigne dai colori autunnali, mature fino a scoppiare con succhi dolci. Più tardi l’autunno porta la raccolta fortemente anticipata delle olive, quei frutti deliziosi che saranno trasformati in olio ricco e setoso pronto per essere assaporato. Ahhhh ... i premi autunnali ci aspettano!!

Ma aspettate. C'è un altro frutto che può essere ancora più importante per la lunga storia di sopravvivenza in Italia, soprattutto nelle regioni montuose della Toscana. Certamente non è glamour come la venerata uva o l'oliva, e sicuramente non è così bella: ecco la castagna italiana. Avvolta in un involucro simile alla migliore acconciatura a punte di un punk-rocker, questo frutto amidaceo (no, non una noce) ha fornito un ricco nutrimento per centinaia, no migliaia di anni.  

Perché persino Omero e Virgilio esaltarono le virtù del castagno già nel 37 A.C., e le voci dicono che gli eserciti greci fin dal 2000 A.C. consideravano le castagne la loro principale razione C.

Nella Toscana medievale, la castagna era un elemento di sostentamento, il suo fornitore era letteralmente conosciuto come "l'albero della vita". Il frutto ricco di nutrienti e ad alto contenuto calorico era facilmente macinato in farina e dava una serie di prodotti alimentari che vanno dal pane alla pasta alla polenta alla torta - a qualsiasi altra cosa si possa immaginare utilizzando la farina. Con più energia da risparmiare sugli usi creativi, gli esperti cuochi moderni hanno trasformato la castagna in prelibatezze come marmellate, caramelle, vini e salse.

Le castagne si trovano in tutta Italia, ma le varietà più apprezzate crescono in Toscana. Un prodotto apprezzato al giorno d'oggi più per le sue virtù che per la sua praticità, il frutto è regolato e protetto per mantenere l'origine e la qualità. I 3 castagni più prestigiosi vantano un orgoglioso IGP (aree geografiche di origine protetta): la Castagna del Monte Amiata IGP, il Marrone del Mugello IGP e la Farina di Neccio della Garfagnana IGP.

La fine di ottobre è la stagione della raccolta, così come il tempo per trovare tutto a base di castagne.

Quasi ogni paese nelle zone in cui crescono le castagne riempirà i fine settimana di ottobre di sagre (feste culinarie) che offrono ogni soluzione per godersi la polpa stopposa e che sa di noce dolce.

Siamo capitati, durante uno degli ultimi autunni in Toscana, alla Festa d'Autunno di Abbadia San Salvatore. Nascosta sul versante orientale del vulcano ormai inattivo conosciuto come monte Amiata, Abbadia San Salvatore è una piccola città, piacevolmente tranquilla con strade alberate e un incantevole borgo antico con le mura. Da tutte le apparenze, non succede molto là fuori nella vita quotidiana dei suoi abitanti ... fino a quando arriva ottobre. La quieta routine diventa festa mentre le contrade della città decorano con ornamenti autunnali, bandiere e installazioni ad ogni angolo per preparare abbondanti quantità di caldarroste: castagne, ovvio, arrostite sul fuoco vivo.

Siamo arrivati ​​in un sabato piovoso e freddo - il tempo perfetto per stare insieme sotto un ombrello, mentre abbiamo deciso di esplorare e scoprire questa bella tradizione. Appena al di là delle antiche mura c’era un mercato meravigliosamente divertente che offriva fila di opere d'artigianato, oggetti artigianali e ciò che avrei chiamato tesori di rivendita come i due libri d'infanzia vintage (il modo per me perfetto di far pratica d’italiano!) e un pacchetto di varie antiche monete romane con cui siamo andati via.

Rimettendo piede all'interno della città vecchia, la vera festa si è cominciata a materializzare davanti a noi. Gli anziani si accalcavano su grandi contenitori che girano riempiti di castagne fresche, discutevano se erano pronte mentre le facevano roteare sopra le fiamme. Giovani ragazzi erano in piedi, affascinati dal processo con cui veniva mostrato il metodo corretto per fare delle perfette caldarroste.

I chioschi offrivano vino novello, così come il tradizionale vin brulé, un vino speziato cotto finché praticamente non rimane più alcool. Abbiamo girato per la contrada con un bicchiere di questa piacevole infusione mentre aspettavamo che la prima delle castagne fosse pronta. Le porte aperte ci permettevano di sbirciare nelle cucine piene di donne occupate, che chiacchieravano con diligenza, mentre lavoravano alla preparazione dei cibi per la festa; i bambini correvano dentro e fuori, afferrando un boccone prima che venissero cacciati via.

Sentendo una risata esuberante intorno ad un angolo vicino, abbiamo cercato la sua origine e ci siamo trovati davanti ad un gioco in corso in una piccola piazza. Potrebbe essere qualificato per quello che chiameremmo una farsa o un melodramma e nonostante non fossimo in grado di seguire il dialogo parola per parola, ci siamo uniti alla risata e al piacere.

Con una busta di caldarroste calde finalmente nelle nostre mani, è cominciata la degustazione. Semplicemente sbucciate dal loro guscio di legno scuro, la castagna arrostita si è rivelata. Il colore del latte, la polpa stropicciata ma ferma aveva la consistenza di una patata densa e cotta, e anche un po 'del suo sapore. Leggermente dolce, al sapore di noce, avevo la visione di provarla inzuppata nel vino e cannella, come avevo letto. Abbiamo condiviso la busta mentre annusavamo altre delizie da provare - castagnaccio (dolce tradizionale alle castagne leggermente dolce), necci (pane tradizionale) e miglicaccini (palle di pasta fritta).

Delizioso tutto ... e molto, molto meglio delle castagne che ho tentato di fare arrosto a casa in Texas l'anno prima.  

Ci siamo saziati sia fisicamente che nei nostri cuori dopo questo incredibile evento. Non si deve dipendere solo da Abbadia San Salvatore per questa meravigliosa esperienza. Ogni fine settimana di ottobre porta il piacere a Mugello dove si può arrivare anche sul vecchio treno a vapore tra Firenze e Marradi per l'annuale Sagra delle Castagne. Piancastagnaio offre la festa più antica: il Crastatone. Come dice il nome, il Crastatone è pieno di cibi tradizionali, musica e balli di strada, tutti destinati a ricreare un villaggio rurale medievale. E se siete a corto di tempo, c’è il due al prezzo di uno al Vivo d'Orcia dove si celebrano e divorano castagne e funghi!

Se non siete abbastanza fortunati da essere in Toscana in autunno, le castagne italiane di qualità si possono trovare nei mercati di specialità negli Stati Uniti o addirittura ordinare online. Cercate un guscio liscio e scuro che si sente duro al tocco. Evitate quelli con buchi a fori di spillo: i vermi vi hanno preceduto! Arrostitene un po’ sulle fiamme o nel forno, aprite una bottiglia di vino novello e scavate: un'antica tradizione inizia nuovamente! Mangia bene.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Bagna Cauda Day, where everything is allowed

This is a day when you are not ashamed to smell like garlic: you’re, in fact, almost proud of it. This is the day when you are allowed to go to work...

A different Italy at the Oscars: Carpignano’s A Ciambra

During the opening night of the 13th edition of Cinema Italian Style on November 16th, Italo-Americano interviewed Jonas Carpignano, director of A...

If only a lifestyle could become World Heritage

Writing for a living is at once a curse and a blessing: a curse because, believe me, writer’s block is real and hits when you least expect it. A...

The 16th century pharmacy of the Pope

Every city has them, the so-called “hidden gems.” The places rarely visited by tourists, and the ones often forgotten about by locals. Living in a...

“Tutte le strade portano a Roma” and some have very quirky names

Indeed, at the times of the Empire, all roads led to Rome, especially when you think the Romans are behind the creation of the first Italian and...

Weekly in Italian

Recent Issues