Italy and mass tourism: more is not always better

Italy thrives on tourism, but because of it cities like Venice have been struggling more and more to show to the world their real identity. Photo courtesy of Venezia Autentica

Tourism is one of the main motors of Italian economy, but something has been going awry in the past few years. Senseless mass tourism hasn’t really done all that good to Italy’s small economy: our “botteghe” and small restaurants have been struggling against larger, cheaper made-in-China souvenir stores and fast food chains. Because that’s what the mass tourist wants: everything cheap, everything quick, nevermind if they leave the country with a belly full of French fries and plastic Torri di Pisa: that’s often what they are after.

Sebastian Fagarazzi & Valeria Duflot, Venezia Autentica's Co-Founders

Among all of our beautiful “città d’arte” Venice is the one that had it worse. At the same time, it is also the only one that has a bona fide rescue team, the people of “Venezia Autentica,” a beautiful initiative created by a young, lovely couple Valeria, from France, who fell in love with Venice in 2014, on her fist visit, and Sebastian, half Italian and half German, but born and bred in Venice.

The two stepped on common ground when they realized the city needed to be more appreciated in its full authenticity, it needed to become to the eyes of the world what it is to the eyes of its inhabitants: this is why they created “Venezia Autentica,” an online source filled to the brim  with essential information about the places, the people and the product of “la Venezia vera,” the real Venice.

Living in Venice" say Valeria and Sebastian of Venezia Autentica "is difficult,  but a dream at the same time. Photo courtesy of Venezia Autentica

L’Italo Americano had a virtual meeting with Valeria and Sebastian and chatted about “Venezia Autentica” and, of course, about their love for La Serenissima.

Tell us more about “Venezia Autentica:” how does it work and what are its main aims?
“Venezia Autentica” is a social enterprise we’ve founded in Venice to create a better future for the Venetians in their city. It’s mainly web based and we’re using our social media and our website veneziaautentica.com to leverage the international love for Venice and put it to good use (they have more than 30.000 followers on social media). Indeed, we help people from all around the world to discover and understand Venice and the Venetians better and equip them with tools and knowledge which they can use to have a more rewarding experience of Venice, while feeling good about maximizing their positive impact on the city.

Italy thrives on tourism, but because of it cities like Venice have been struggling more and more to show to the world their real identity. Photo courtesy of Venezia Autentica

We do this because we believe that the most immediate remedy to the main current threat to Venice, the massive exodus caused by the consequences of mass tourism, is to help Venetians stay working in Venice so that they can afford to live here and the local quality services and products essential to the local life do not all disappear. We’re convinced that international visitors can really help with this and we’ve decided to make it very easy for them to do so. We also commit ourselves to helping more of the local community by supporting local citizens and associations with their projects: our main aim is to create a sustainable future for the Venetians - by birth or by choice- and to improve the quality of life in Venice, both for the locals and the visitors.

Ancient traditions, crafts, food, culture: Venice is this and much more, but are tourists truly noticing it? Photo courtesy of Venezia Autentica

What are the aspects of mass tourism that, in your opinion, have been damaging your city the most?
The change of market to which it leads. The exponential growth of mass tourism in Venice has led a staggering number of small businesses, family-run businesses and artisans’ shops to disappear to be replaced by souvenir shops selling cheap imported plasticky things.

This happens because the great majority of the people spending only a few hours in Venice, don’t have the time to understand the city and appreciate the beauty and great value of Venetian life, culture, food, and crafts. As a consequence, thousands of Venetian families had to close their businesses and had to move out of their city.

Venezia Autentica aims at "creating a better future for Venetians in their city" by showing visitors Venice's real soul. Photo courtesy of Venezia Autentica

Was there a precise moment, an epiphany so to speak, you felt things had gone too far and there was a real need to protect Venice from mass tourism?
There was indeed an epiphany, but it was more about the way Venice could be ‘saved,’ how it could be protected from mass tourism. Indeed, we believe that the feeling that something has to be done in Venice is something that strikes most of the people who sets foot in town and without a doubt, every person living here knows it.

You both have ties with foreign countries: how much do you feel the image of Venice abroad has been negatively influenced by stereotypes?
We live here and know the city from the inside, but since one of us is French and the other is half German we also know, indeed, how Venice is portrayed from the outside. Some stereotypes about Venice are actually quite true, while others are far from the truth. In both cases, however, the information given abroad is overly simplified and it gives a wrong image of the city.

For example, media outlets say that the city is overwhelmed by tourists. This is only partially true: in the summertime, when millions of people come to Venice, the moment you step away from the day-trippers-paths, you will admire completely empty alleys and squares. Also, all museums but one are almost completely empty and a real joy to visit.

These stereotypes, although they might not sound harmful, could be one of the factors that lead people not to stay in Venice for a few days and therefore not to take the time to discover and enjoy the city, but rather to come only for a matter of hours.

Do you feel the concept behind “Venezia Autentica” could -or should!- be exported to other parts of Italy?
We strongly believe that the concept behind “Venezia Autentica” could work for every city of arts, every European city which is facing the challenges that mass tourism brings. Florence and Barcelona, for example, could benefit greatly from such a model.  Currently, Venice is the city in Europe that is suffering the most from mass tourism and it is used as a worldwide negative example of the excesses of tourism and a lack of sustainable management.  We are convinced that “Venezia Autentica’”s model could greatly benefit all those cities, and we’d be willing to help them implement it!

How has “Venezia Autentica” been received by Venetians and what feedback have you received from tourists?
We must say that many people, both Venetians and tourists, have been very supportive of our project  since the very beginning, and this enthusiasm and support is constantly growing. We regularly get extremely sweet emails and messages on social media from people thanking us for our work; we receive wonderful comments on our social media profiles on a daily basis; we receive private messages from artisan thanking us for the sale they made to and the great time they had with people who found their shop on our website. We believe in what we do and we are very committed to it, but we can’t deny that working 80 hours per week on “Venezia Autentica” can be very tiring, yet these messages make us so happy and give us an incredible amount of positive energy to keep on working hard.

We must ask: one spot to experience la vera Venezia.
In our opinion, La vera Venezia, or la Venezia Autentica, only exists as a whole. The moment you reach Venice, you immediately SEE that it is unlike any other city you have ever seen. The history of Venice is just as unique, as it has been the longest lasting independent state in human history.

This unique city with its unique history, as a natural consequence, gave birth to food, culture, arts, crafts, sports and a lifestyle which are just as unique.

We are convinced that a person wanting to experience the Authentic Venice as a whole, can only do so by spending at least a few days here, walking off the beaten path, visiting artisans’ shops, trying the local food. By visiting Venice this way, you can only fall in love with the city.and understand why there is only one Venice and why it deserves to be preserved.

How is, truly, living in Venice today?
Living in Venice today is difficult and a dream at the same time.
 

Il turismo è uno dei motori principali dell’economia italiana, ma qualcosa è andato storto negli ultimi anni. In realtà, un insensato turismo di massa non ha fatto poi così bene alla piccola economia italiana: le nostre “botteghe” e i piccoli ristoranti stanno combattendo contro i negozi di souvenir Made in China più grandi e più economici e contro le catene dei fast food. Perché questo è ciò che vuole il turista di massa: tutto a buon mercato, tutto veloce, non importa se poi lasciano il Paese con la pancia piena di patatine fritte e Torri di Pisa di plastica: spesso è tutto quel che rimane.

Tra tutte le nostre bellissime “città d’arte”, Venezia è quella a cui è andata peggio. Allo stesso tempo, è anche l’unica che ha una squadra di soccorso bona fide, le persone di “Venezia Autentica”, una bella iniziativa creata da una giovane e bella coppia: Valeria, francese, che si è innamorata di Venezia nel 2014, durante la sua prima visita, e Sebastian, metà italiano e metà tedesco, ma nato e cresciuto a Venezia.

I due hanno raggiunto un terreno comune quando hanno capito che la città aveva bisogno di essere più apprezzata nella sua piena autenticità, doveva diventare agli occhi del mondo ciò che è agli occhi dei suoi abitanti: è per questo che hanno creato “Venezia Autentica”, una fonte online piena fino all’orlo di informazioni essenziali sui luoghi, sulle persone e sul prodotto della “Venezia vera”.

L’Italo Americano ha avuto un incontro virtuale con Valeria e Sebastian e ha parlato di “Venezia Autentica” e, naturalmente, del loro amore per La Serenissima.

Diteci di più su “Venezia Autentica”: come funziona e quali sono i suoi principali obiettivi?
“Venezia Autentica” è un’impresa sociale che abbiamo fondato a Venezia per creare un futuro migliore per i veneziani nella loro città. È principalmente basata sul web e stiamo usando i nostri social media e il nostro sito web veneziaautentica.com per sfruttare l’amore internazionale per Venezia e metterlo a buon uso (abbiamo più di 30.000 seguaci sui social media). Infatti, aiutiamo le persone provenienti da tutto il mondo a scoprire e a capire meglio Venezia e i veneziani e le dotiamo di strumenti e conoscenze che possono essere utilizzati per avere un’esperienza più gratificante di Venezia. Dandogli il meglio massimizzano il loro impatto positivo sulla città.

Lo facciamo perché crediamo che il rimedio più immediato alla principale minaccia odierna a Venezia, l’esodo massiccio causato dalle conseguenze del turismo di massa, sia quello di aiutare i veneziani a rimanere a lavorare a Venezia in modo da potersi permettere di vivere qui e i servizi  di qualità locale, e di fare in modo che i prodotti essenziali per la vita locale non scompaiano tutti. Siamo convinti che i visitatori internazionali possano veramente aiutare in questo senso e abbiamo deciso di rendere tutto molto semplice. 

Ci impegniamo ad aiutare maggiormente la comunità locale sostenendo i cittadini e le associazioni locali con i loro progetti. Il nostro obiettivo principale è creare un futuro sostenibile per i veneziani - per nascita o per scelta - e migliorare la qualità della vita a Venezia, sia per i residenti che per i visitatori.

Quali sono gli aspetti del turismo di massa che, secondo voi, hanno maggiormente danneggiato la vostra città?
A nostro avviso, il cambiamento a cui conduce il mercato. La crescita esponenziale del turismo di massa a Venezia ha portato a far scomparire un numero impressionante di piccole imprese, aziende a conduzione familiare e negozi di artigianato che sono stati sostituiti da negozi di souvenir che vendono oggetti di plastica economici e importati.

Ciò accade perché la grande maggioranza delle persone, che trascorrono solo poche ore a Venezia, non ha il tempo di capire la città e di apprezzare la bellezza e il grande valore della vita veneziana, della cultura, del cibo e dell’artigianato. 

Di conseguenza, migliaia di famiglie veneziane hanno dovuto chiudere le proprie attività e hanno dovuto lasciare la loro città.

C’è stato un momento preciso, un’epifania per così dire, in cui avete sentito che le cose erano sfuggite di mano e c’era un bisogno reale di proteggere Venezia dal turismo di massa?
C’è stata in effetti un’epifania, ma è stata più sul modo in cui Venezia poteva essere “salvata”, su come poteva essere protetta dal turismo di massa. Infatti, crediamo che la sensazione che qualcosa debba essere fatto a Venezia è qualcosa che colpisce la maggior parte delle persone che mettono piede in città e senza dubbio, ogni persona che vive qui lo sa.

Avete entrambi rapporti con Paesi stranieri: quanto sentite che l’immagine di Venezia all’estero è stata negativamente influenzata dagli stereotipi?
Viviamo qui e conosciamo la città dall’interno, ma visto che una di noi è francese e l’altro è metà tedesco, sappiamo anche come Venezia è in realtà mostrata all’esterno. Alcuni stereotipi su Venezia sono effettivamente veri ma altri sono ben lontani dalla verità. In entrambi i casi, tuttavia, le informazioni fornite all’esterno sono eccessivamente semplificate e danno un’immagine sbagliata della città.

Ad esempio, i media dicono che la città è sopraffatta dai turisti. Questo è vero solo in parte: in estate, quando milioni di persone vengono a Venezia, nel momento in cui ci si allontana dai percorsi battuti dai visitatori giornalieri, ammirerete vicoli e piazze completamente vuoti. Inoltre, tutti i musei tranne uno sono quasi completamente vuoti e sono una vera gioia da visitare.

Questi stereotipi, anche se potrebbero non sembrare dannosi, possono essere uno dei fattori che inducono la gente a non restare a Venezia se non per pochi giorni e quindi a non prendersi il tempo necessario a scoprire e godere della città, ma piuttosto a venire solo per una manciata di ore.

Sentite che il concetto dietro “Venezia Autentica” possa - o dovrebbe - essere esportato in altre parti d’Italia?
Crediamo fortemente che il concetto di “Venezia Autentica” potrebbe funzionare per ogni città d’arte che sta affrontando le sfide che il turismo di massa porta. Ad esempio, Firenze e Barcellona potrebbero trarre beneficio da un simile modello. Attualmente Venezia è la città in Europa che soffre maggiormente del turismo di massa e viene utilizzata come un esempio negativo a livello mondiale degli eccessi del turismo e della mancanza di una gestione sostenibile. Siamo convinti che il modello di Venezia Autentica possa portare grande beneficio a tutte quelle città e siamo disposti ad aiutarle a metterlo in pratica!

Come è stata ricevuta “Venezia Autentica” dai veneziani e quali commenti avete ricevuto dai turisti?
Dobbiamo dire che molte persone, sia veneziane che turisti, hanno sin dall’inizio dato un grande appoggio al nostro progetto e questo entusiasmo e sostegno è in costante crescita. Riceviamo regolarmente messaggi di posta elettronica estremamente dolci da parte di persone che ci ringraziano per il nostro lavoro. Riceviamo messaggi privati dagli artigiani che ci ringraziano per le vendite che hanno fatto e il tempo che hanno trascorso con le persone che hanno trovato il loro negozio sul nostro sito web. 

Crediamo in ciò che facciamo e siamo molto impegnati, ma non possiamo negare che lavorare per “Venezia Autentica” 80 ore alla settimana può essere molto faticoso, tuttavia questi messaggi ci rendono così felici e ci danno un’incredibile quantità di energia positiva per continuare a lavorare duramente.

Dobbiamo chiederlo: un posto per sperimentare la vera Venezia.
A nostro avviso, la vera Venezia, o la Venezia Autentica, esiste solo nel suo complesso. Nel momento in cui si raggiunge Venezia, si vede immediatamente che è diversa da qualsiasi altra città mai vista prima. La storia di Venezia è altrettanto unica, in quanto è stata il più longevo stato indipendente della storia umana.

Questa città unica, con una storia unica, come conseguenza naturale, ha dato vita a cibo, cultura, arte, artigianato, sport e stile di vita che sono altrettanto unici.

Siamo convinti che una persona che voglia sperimentare la Venezia Autentica nel suo complesso, possa farlo solo passando almeno qualche giorno qui, camminando lontano dalle strade battute, visitando i negozi degli artigiani, provando il cibo locale. Se si visita Venezia in questo modo, ci si può solo innamorare della città e capire perché c’è solo una Venezia e perché merita di essere preservata.

Come è, davvero, vivere oggi a Venezia?
Vivere a Venezia oggi è difficile ma allo stesso tempo è un sogno.
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

“Tutte le strade portano a Roma” and some have very quirky names

Indeed, at the times of the Empire, all roads led to Rome, especially when you think the Romans are behind the creation of the first Italian and...

Venice’s mouths of truth

Venice at the height of its power conjures images of merchant traders, carnival masks and debauchery. But for all its decadence Venetian life was...

Supporting the UNESCO candidature of the Neapolitan pizza making art

The event Tu Vuò fa’ il Napoletano - Facce da Pizza landed in the USA. The first of the three gatherings in support to the candidature of the...

Searching for the origins of La Bella Lingua (Part III): Boccaccio and Certaldo

After our visits to Dante Alighieri’s native Florence and Francesco Petrarca’s hometown of Arezzo, the journey to discover the origins of la bella...

One, two, three steps to heaven

Rome’s Spanish Steps are famous around the globe. As too are Venice’s stepped bridges crossing her countless canals. And the Vatican Museum’s...

Weekly in Italian

Recent Issues