Nicola’s and Jim’s I AM Books is revitalizing Boston’s Little Italy

In a world like today’s, in which social media rule and, generally speaking, the virtual aspect of our relations is predominant over the traditional face-to-face meetings, I AM Books - Italian and Italian-American bookstore and cultural hub - brainchild of Nicola Orichuia and Jim Pinzino, looks like a green oasis in the core of Boston’s North End, where all the Italophiles can meet in person, listen to book presentations, or to good music performed live, in the desert of ever withering get-togethers.

Located at 189 North Street, right across the street from the historic Paul Revere House and a few steps away from North Square, I AM Books sells primarily fiction and non-fiction by Italian and Italian American authors

In 2015, in the course of an award ceremony, Nicola got to know Jim, as the latter was being recognized for his dedication and contributions to the local Italian-American community. They, then, met a few more times and the idea that sparked the bookstore came from one of those meetings. 

Jim comes from the IT world, while Nicola was a journalist before going into I AM Books. It doesn’t happen often that a wiz of logic and a wordsmith join forces to create not only a bookstore, that is both a physical place and a web portal on which ordering books and having them delivered to your front door, but also a cultural hub where discussing about the latest titles, practicing your Italian skills, and, who knows, meeting your future business partner, best friend, or even your special one. 

I AM Books is the country's first Italian American bookstore. Situated in the heart of the North End, Boston's iconic Italian neighborhood

We from L’Italo-Americano got immediately enthralled by Nicola’s account and hope to see soon, also along the West Coast, a similar initiative catching on.

I AM Books - Italian and Italian-American bookstore and cultural hub

How did the I AM Books’ concept of the first Italian-American bookstore/cultural hub in the U.S. come to be?
Boston features a very particular neighborhood, the North End. This is where most of the Italian immigrants to the Boston area would gravitate towards over the past century or so. You still get the feel and atmosphere of a true Little Italy, but we felt what was missing was a cultural component, such as a bookstore. It was important that the bookstore also had an active role in the cultural discourse of the neighborhood, offering readings, music and more. That’s why we decided to call it a “cultural hub.”

What are the day-to-day challenges and satisfactions of your endeavor?
A bookstore is like a living creature, you need to take care of it constantly. There are books to order and organize, we need to know what books we’re running low on. We’re always thinking of our calendar of events as well, inviting authors and musicians to participate. 

The greatest satisfaction is selling a book, any of them. When someone buys a book, I cannot help wondering what inspirations and new worlds that literary work will lead the reader to: they’re taking home a little galaxy of ideas that will take them in new directions.

Let’s delve more into the catalogue of books you offer. Beside the more established authors, how do you scout for fresh talent?
We only sell books that have some connection to Italy. We have sections dedicated to Italian authors translated into English, as well as adult fiction in Italian. 

Our children’s section is divided among Italian language books and books in English by Italian or Italian-American authors and illustrators. 

We have sections on food, history and travel, as well as entire shelf dedicated to Italian American culture and studies. 

As for young talent, we always offer the possibility to new authors to sell their books in our bookstore, as long as they still have that Italian connection. So some authors may be of Italian heritage, while others may have written about Italy. As long as Italy shows up somewhere, we’re good to go!

Your bookstore is also a center of aggregation for learning to speak Italian, or just making conversation and practice the language. Could you elaborate?
We want to take part in a larger cultural conversation, even though we are dealing exclusively with Italian and Italian American cultures. In order to do that, we offer our many events, but we also provide Italian language and conversation courses. And although it’s not required, for some reason we have been very fortunate to employ people who speak Italian, so anyone walking through our doors can practice on the spot!

An essential part of your cultural and entertaining offer is represented by a rich calendar of events. Could you give us some highlights of the past and future “menu”? 
We’ve had many authors, poets, musicians and artists present their work at I AM Books. Shortly after opening, famous children’s author Tomie dePaola stopped by for a signing, and we attracted more than 300 people! One year later, he came back and we had twice as many people show up. This year he’s coming back on November 11th. 

Let’s hope we continue the growing trend! Just to name some others, we’ve had Mary Ann Esposito, Marianne Leone, Edi Giunta, Maria Lisella, Marisa Labozzetta, Andrea Molesini, Valeria Petrone, and many others.

What does your typical readers/audience/students look like? Do you have any anecdote you’d like to share, or anything that struck you?
It’s really hard to define a typical reader, because everyone who comes to I AM Books has different tastes. For example, we have many families or grandparents who gravitate towards the children’s section, while tourists might be more interested in our Boston-focused books. We have people who come specifically to find a particular textbook, or a guide to some odd part of Italy. 

Once, we had a young woman buy Harry Potter in Italian, but she told us she didn’t speak Italian. She only bought it, because she was a huge fan and wanted to have a copy in Italian! 

Another time, we had a popular TV show feature us for a couple of minutes. I showed Dr. Seuss’ Green Eggs and Ham (in Italian, obviously), and for the following couple of months people stormed in looking for the book. Good thing we had plenty in stock!

In an era like today’s, in which people mostly order books through Amazon or such and “meet” only virtually, how do you visualize the future of cultural hubs like yours?  
It’s true that people order more online nowadays, and that is how it’s going to be. In fact, we have set up our website as an online store, with most our inventory available and for sale. 
But there is a resurgence of physical bookstores, and meeting places in general. People still want that personal interaction, they want to have a dialogue, a conversation. Most of our customers have a story to share and we love to hear each and every one of them. But most of the times they just want a recommendation for a good book. And we’re here to help!

In un mondo come quello di oggi, in cui dominano i social media e, in generale, l'aspetto virtuale delle nostre relazioni è predominante rispetto ai tradizionali incontri  faccia a faccia, I AM Books –libreria e centro culturale italiano e italo-americano - intuizione di Nicola Orichuia e Jim Pinzino, sembrano un'oasi verde nel cuore del North End di Boston, dove tutti gli italofili possono incontrarsi di persona, ascoltare presentazioni di libri o buona musica eseguita dal vivo, nel deserto del fare due chiacchiere, pratica sempre più in declino.

Nel 2015, nel corso di una cerimonia di premiazione, Nicola ha conosciuto Jim, dato che quest'ultimo era stato premiato per la sua dedizione e i suoi contributi alla comunità italo-americana locale. Dopo allora si sono incontrati qualche altra volta e l'idea che ha generato la libreria è venuta fuori da una di quelle riunioni.

Jim viene dal mondo IT, mentre Nicola è stato un giornalista prima di entrare in I AM Books.  

Non succede spesso che un mago della logica e uno del vocabolo si uniscano per creare non solo una libreria, che è sia un luogo fisico sia un portale web su cui ordinare libri e vederseli consegnati alla porta di casa, ma anche un raccoglitore culturale dove discutere degli ultimi titoli, esercitare le proprie competenze in lingua italiana e, chissà, incontrare il proprio futuro partner commerciale, il migliore amico, o anche la dolce metà.

Noi de L'Italo-Americano siamo immediatamente rimasti affascinati dall'affermazione di Nicola e speriamo di vedere presto far presa un'iniziativa simile, anche lungo la costa occidentale.

Come è nato il concetto di I AM Books della prima libreria / centro culturale italo-americano negli Stati Uniti?

Boston ha un quartiere molto particolare, il North End. Lì è dove la maggioranza degli immigrati italiani verso la zona di Boston ha gravitato nel secolo scorso o giù di lì. Hai ancora la sensazione e l'atmosfera di una vera Little Italy, ma abbiamo sentito che ciò che mancava era una componente culturale, come una libreria. Era importante che la libreria avesse anche un ruolo attivo nel dialogo culturale del quartiere, offrendo letture, musica e altro ancora. Ecco perché abbiamo deciso di chiamarlo "centro culturale".

Quali sono le sfide quotidiane e le soddisfazioni del vostro sforzo?
Una libreria è una creatura vivente, devi continuare a prendertene cura. Ci sono libri da ordinare e da organizzare, dobbiamo sapere quali libri stanno funzionando poco. Pensiamo sempre al nostro calendario di eventi, per cui invitiamo autori e musicisti a partecipare.

La più grande soddisfazione è vendere un libro, qualsiasi libro sia. Quando qualcuno compra un libro, non posso fare a meno di chiedermi quali ispirazioni e nuovi mondi il lavoro letterario porterà al lettore. Quando qualcuno acquista un libro, porta a casa una piccola galassia di idee che porterà in nuove direzioni.

Scaviamo di più nel catalogo dei libri che offrite. Accanto agli autori più stabili, come fate a scovare nuovi talenti?
Vendiamo solo libri che abbiamo una qualche connessione con l'Italia. Abbiamo sezioni dedicate agli autori italiani tradotti in inglese, così come narrativa per adulti in italiano.

La nostra sezione dedicata ai bambini è suddivisa tra libri in italiano e libri in lingua inglese di autori e illustratori italiani o italo-americani.

Abbiamo sezioni di cibo, storia e viaggi, oltre a un intero scaffale dedicato alla cultura e agli studi italo-americani.

Per quanto riguarda i giovani talenti, offriamo sempre la possibilità a nuovi autori di vendere i loro libri nella nostra libreria, sempre che abbiano proprio quella connessione italiana. Quindi alcuni autori possono essere di radici italiane, mentre altri possono aver scritto sull'Italia. Finché l'Italia si rivela in qualche modo, siamo a posto!

La vostra libreria è anche un centro di aggregazione per imparare a parlare italiano, o semplicemente fare conversazione e praticare la lingua. Può spiegare?
Vogliamo prendere parte ad una più ampia conversazione culturale, anche se si tratta esclusivamente di culture italiane e italo-americane. Per farlo, offriamo i nostri numerosi eventi, ma forniamo anche corsi di lingua e di conversazione italiana. E anche se non è necessario, per qualche motivo siamo stati fortunati ad impiegare persone che parlano italiano, quindi chiunque varca la nostra porta può praticare la lingua sul posto!

Una parte essenziale della vostra offerta culturale e di intrattenimento è rappresentata da un ricco calendario di eventi. Potreste darci i piatti forti del “menù” passato e di quello futuro?
Abbiamo avuto molti autori, poeti, musicisti e artisti che hanno presentato il loro lavoro presso I AM Books. Poco dopo l'apertura, il famoso autore per bambini Tomie dePaola si è fermato per un autografo, e abbiamo attirato più di 300 persone! Un anno dopo, è tornato e abbiamo avuto il doppio delle persone. Quest'anno tornerà l'11 novembre.

Speriamo di continuare la tendenza di crescita! Solo per nominarne altri, abbiamo avuto Mary Ann Esposito, Marianne Leone, Edi Giunta, Maria Lisella, Marisa Labozzetta, Andrea Molesini, Valeria Petrone e molti altri.

Chi sono i vostri lettori / pubblico / studenti tipici? Ha qualche aneddoto che le piacerebbe condividere o qualcosa che l’ha colpita?
È davvero difficile definire un lettore tipico, perché tutti quelli che vengono a I AM Books hanno gusti diversi. Per esempio, abbiamo molte famiglie o nonni che gravitano nella sezione dei bambini, mentre i turisti sono più interessati ai nostri libri focalizzati su Boston. Abbiamo persone che vengono apposta per trovare un libro di testo particolare o una guida a una qualche particolare località d’Italia.

Una volta, una giovane donna ha comprato Harry Potter in italiano, ma ci ha detto che non parlava italiano. Lei lo ha comprato solo perché era una grande fan e voleva avere una copia in italiano!

Un'altra volta, abbiamo avuto un popolare spettacolo televisivo che ci ha ospitati per un paio di minuti. Ho mostrato “Green Eggs and Ham” del dottor Seuss (in italiano, ovviamente), e per il successivo paio di mesi, le persone si sono affollate per cercare il libro. Meno male che ne avevamo in abbondanza!

In un'epoca come quella attuale, in cui la gente ordina principalmente libri attraverso Amazon o simili e "ci si incontra" solo virtualmente, come immagina il futuro di centri culturali come il suo?
È vero che la gente oggi ordina di più online, e così sarà. Infatti, abbiamo creato il nostro sito web come un negozio online, con la maggior parte del nostro inventario disponibile e in vendita.

Ma c'è una rinascita delle librerie fisiche e dei luoghi di incontro in generale. La gente vuole ancora quella interazione personale, vogliono avere un dialogo, una conversazione. La maggior parte dei nostri clienti ha una storia da condividere e ci piace sentire ognuno di loro. Ma la maggior parte delle volte vogliono solo un suggerimento per un buon libro. E siamo qui per aiutarli!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Bagna Cauda Day, where everything is allowed

This is a day when you are not ashamed to smell like garlic: you’re, in fact, almost proud of it. This is the day when you are allowed to go to work...

A different Italy at the Oscars: Carpignano’s A Ciambra

During the opening night of the 13th edition of Cinema Italian Style on November 16th, Italo-Americano interviewed Jonas Carpignano, director of A...

If only a lifestyle could become World Heritage

Writing for a living is at once a curse and a blessing: a curse because, believe me, writer’s block is real and hits when you least expect it. A...

The 16th century pharmacy of the Pope

Every city has them, the so-called “hidden gems.” The places rarely visited by tourists, and the ones often forgotten about by locals. Living in a...

“Tutte le strade portano a Roma” and some have very quirky names

Indeed, at the times of the Empire, all roads led to Rome, especially when you think the Romans are behind the creation of the first Italian and...

Weekly in Italian

Recent Issues