Solidarity and commitment after the 2016 earthquakes: Italy is getting back on her feet

Amatrice was reduced to rubble by the powerful earthquake of August 24, 2016

There are places where starting over thanks to the generosity of others is possible: people willing to give the opportunity to work, live and hope even after a tragedy as dramatic as the August 2016 Amatrice earthquake, a tragedy that broke in half the heart of Italy.

Veronica Neroni with assistant chef Daniele Genio

This is the story of a return to normality, the most precious of things after loosing it all. Thanks to the generosity of Giovanni and Giuliana Bottero, a family of restaurateurs from Le Marche got the opportunity to run, for free, the agriturismo Girasole in San Bernardo, a hamlet near Limone in the Cuneo province of Piedmont. Rebirth takes place here, among the green pastures of the Val Vermenagna.

One of Italy’s most famous sauce, Amatriciana, originated in Amatrice

In March 2017, after the earthquake took their own restaurant, Barcollo, and home in Torrita di Amatrice, Enrico and Veronica Neroni came to live here with their twin daughters, in a beautiful wood and stone cabin with restaurant, pool and B&B.

Giovanni, 66, has run it for 15 years, but was forced to close because of personal health issues.

Enrico and Veronica Neroni moved to limone after the earthquake took their own restaurant, Barcollo, and home in Torrita di Amatrice

Then one day, while looking at the tragic images of last Summer’s earthquake on tv, Giovanni took a decision: “I imagined to be in those people’s shoes. I imagined to be one of those restaurateurs who, all of a sudden, had lost the work of a life time. I thought about how I would have felt: desperate, disheartened, helpless. Feeling the earth trembling and crushing your own creature. It all made me think a lot, then I had an idea.”

Bucatini all'Amatriciana, Amatrice gastronomic symbol

“So I made this appeal on Facebook ‘I would like to let someone run my fully equipped restaurant, for free, until you’ll be back on your feet and manage to start over again with your own. I’m not looking for money, rent nor anything else.’” The appeal goes viral. 

The agreement, which lasts for two years, includes free accommodation and wood for chimneys and ovens. 

“A friend from Asti rang us. We thought it was a joke - Enrico and Valeria, 39, recount. We contacted Giovanni: it was all true. We came to Limone before New Year’s Eve to see the agriturismo, we thought about for quite a long time...then we decided to accept the offer.” Initially, Enrico and Veronica wanted to meet Giovanni out of curiosity, then with increasing awareness. And they finally accepted. 

In this little hamlet a couple of kilometers out of the village, they found again the mountains, the snow, the silence. All that they had and loved also in Amatrice. 

“It’s the right place to start over. With the hope, we can’t deny it, to go back home one day. However, we know a disaster like that earthquake is kind on nothing and nobody. We still have friends and family in Amatrice who lost their activities, their homes, their jobs. Tourism disappeared and many businesses gave up or are about to do it. The day after the earthquake we took a couple of things and went to Rome. We know well the way of reconstruction is going to be very long and this is why we decided to move our family up here. We’ve been lucky: locals welcomed us with enthusiasm and affection, starting from the mayor, who made sure all legal practices for the move ran smoothly and helped us register our girls in school, to Limone’s people all, generous and welcoming.”

An action, that of Mr Bottero, that became contagious. Antonio Delpiano, a retailer from Canale d’Alba, donated all tablecloths for the grand reopening of the restaurant; parents of Limone’s kindergarten decided to share the costs of Valeria and Enrico’s girls school registration. People truly made an effort in Limone to make this family welcome. 

Enrico and Veronica have fond memories of their old restaurant in Torrita, a small hamlet about 6 km from Amatrice. “When a restaurateur looses everything, it’s very hard to start over again somewhere else. In the last few months, we’ve been around cooking Amatriciana in several different places. A colleague from Aglié, near Ivrea, told us he was going to give us everything to start over. But we come from the mountains, that’s why we preferred to move to Limone, in this beautiful valley.”

The agriturismo, which is part of the Guida dei Ristoranti della Tavolozza, represents a gastronomic tradition that doesn’t belong to the area where it’s located, but meets the values of solidarity and hospitality typical of the association, which brings together restaurants faithful to the food tradition of their territory. 

The menu at the Girasole restaurant is typically “amatriciano,” with some gluten free dishes. “We’ll try to learn - Enrico says - in all humbleness, to cook local dishes, too. We’re starting over at 40. With a bit of foolishness, resourcefulness and courage, we aim to win this bet. We want to pass on to the Piedmontese the quasi obsessive passion we Southerners have for food.”

This is the reason why, on the walls of the restaurant, you find the fundamental ingredients of Amatriciana pasta “guanciale, tomatoes, white wine and...passion!”

Many of the ingredients come directly from the devastated lands of Le Marche, where some local producers still resist: “we choose them also to help people in the Amatrice area rise from this tragedy. Many have given up and many, sadly, still will. But we keep the faith, even though our home, now, is here.”

More positive news have recently brought hope to the quake stricken area. Lentil harvesting has started in Norcia, another town hardly hit by the earthquake. Lentils are a traditional produce of   Le Marche: “Castelluccio lentils are a typical produce of our territory, bought and appreciated a bit everywhere I’m Italy. One every three Italians coming here buys them,” say Coldiretti farmers. “Buying local produce and products is one of the most common forms Italians showed us their solidarity and demonstrated their support throughout this last year.”

Farmers have also been celebrating the slow, yet stable, return of tourism to the area. “Tourism is determinant for farmers, people who have never left, and remained guarding these broken lands emptied by the forced exodus of those who lost it all,” says the president of Coldiretti Roberto Moncalvo. 

A small, yet important step, just like the return of horses and the first spring blooming after the quake. 

In Norcia, another business came back successfully after the earthquake: the Benedictine monks’ brewery. 

All important signals of a slow yet undeniable return to normality that, here, means especially survival and desire to start over.
 

Esistono  luoghi in cui è  possibile ricominciare grazie alla generosità di persone  pronte a dare una mano e una possibilità  di lavorare, vivere, sperare, anche dopo un terremoto devastante come quello che ad agosto 2016 ha spezzato in due il cuore dell' Italia, con Amatrice come epicentro.

Questa è la storia di un ritorno alla normalità, la cosa più preziosa quando si è perso tutto. Grazie alla generosità  di Giovanni e Giuliana Bottero, una famiglia di ristoratori marchigiani, ha potuto avere in gestione, a titolo completamente gratuito, l'agriturismo il Girasole in frazione San Bernardo a Limone, in provincia di Cuneo. La rinascita dopo il disastro la ritroviamo tra i pascoli verdi della val Vermenagna.  

In una bella baita in pietra e legno con ristorante, bed and breakfast e piscina,  Enrico e Veronica Neroni e le loro due gemelle sono venuti a vivere da marzo 2017, dopo che il sisma si è portato via la loro casa e il loro ristorante, Barcollo, che sorgeva a Torrita di Amatrice, la cui insegna resta ancora appesa nel nuovo locale quasi a testimoniare la voglia di resistere all’ interno del Girasole.  

Giovanni, 66 anni, lo ha gestito per 15 anni, ma per motivi di salute, è stato costretto a chiudere.  

Poi, guardando le dure immagini del terremoto dell' estate scorsa in tv, Giovanni ha scelto:  "Mi sono immedesimato in quei ristoratori che ad un tratto hanno visto il lavoro di una vita andare in frantumi. Ho pensato a come mi sarei sentito al posto loro, scoraggiato, disarmato, disperato. Sentire la terra che trema e polverizza una tua creatura. Ho iniziato a riflettere, poi mi è venuta l’idea."

Così su Facebook ha diffuso un appello: "Sono disponibile a dare in comodato d’uso gratuito il mio ristorante, totalmente attrezzato, fino a quando non sarete nella condizione di poter riappropriarvi del vostro. Non voglio soldi, né per l’affitto né per altro." L'annuncio rimbalza ovunque sui social.  

E nell’accordo, che vale per due anni, ha inserito  anche una fornitura di legna e un alloggio "tutto gratis" per i nuovi gestori.  

"Ci telefonò un’amica di Asti, sembrava uno scherzo - dicono Enrico e Veronica, 39 anni -. Abbiamo contattato Giovanni: era tutto vero. Siamo venuti a Limone prima di capodanno per vedere l’agriturismo, ci abbiamo riflettuto a lungo e abbiamo deciso di accettare." Enrico e Veronica vengono a trovare Giovanni, prima per curiosità, poi in maniera sempre più consapevole. E accettano.

Qui, in quella borgata ad un paio di chilometri dal paese, hanno ritrovato la montagna, la neve, il silenzio. Ciò che avevano e amavano anche ad Amatrice.  

“E' il posto giusto per ricominciare. Con la speranza, non lo nascondiamo, di poter tornare a casa, un giorno. Sappiamo però che un disastro come quello non risparmia niente e nessuno. Abbiamo ancora amici e parenti là, che hanno perso le loro attività, le loro abitazioni, il loro lavoro.  Il turismo è scomparso e molte aziende hanno chiuso o chiuderanno a breve. Per quanto ci riguarda, il giorno dopo il terremoto abbiamo preso con noi il minimo indispensabile e ce ne siamo andati a Roma e sappiamo che la via della ricostruzione sarà lunghissima da percorrere. Per questo abbiamo comunque deciso di trapiantare  qui la nostra famiglia. Siamo stati davvero fortunati: i locali ci hanno accolto con grande entusiasmo e disponibilità,  dal sindaco, che ha disposto subito il nostro trasferimento e ci ha aiutato a iscrivere le bambine nella scuola del paese, agli abitanti generosi e disponibili”.

Un gesto, quello del signor Bottero, che ha "contagiato" altre persone. Un commerciante di Canale d'Alba, Antonio Delpiano, un giorno ha telefonato a Giovanni dicendo che avrebbe donato tutto il tovagliame per la riapertura del ristorante. I genitori della scuola dell'infanzia di Limone hanno deciso di pagare le rette scolastiche per le due bimbe di Enrico e Veronica. A Limone in tanti si sono dati da fare per accogliere questa nuova famiglia. 

Enrico e Veronica ricordano il loro locale nella frazione Torrita, a 6 km dal paese di Amatrice.  "Ricollocarsi, per un ristoratore che perde tutto- sottolineano -, è quasi impossibile. In questi mesi siamo stati in giro a fare l'Amatriciana in un sacco di località. Un collega di Agliè, vicino a Ivrea, era disposto a darci tutto. Ma noi siamo gente di montagna, la pianura non fa per noi, da qui la nostra scelta di accettare l’offerta di Limone Piemonte e trasferirci in questa bellissima valle."

Il locale, che è stato inserito nella nuova Guida dei Ristoranti della Tavolozza, è custode di un’importante  tradizione gastronomica di un territorio diverso dal posto dove si trova, ma che risponde ai valori di solidarietà e accoglienza propri dell’associazione, che riunisce i locali custodi della gastronomia tipica del territorio.

Il menù e’ tipicamente amatriciano, con qualche portata anche per i celiaci.  “Cercheremo di imparare – commenta Enrico- con tanta umiltà, anche ricette cuneesi. Per noi comincia una seconda vita a quarant’anni. Con un po’ di pazzia, intraprendenza e coraggio, vogliamo vincere questa scommessa. Dobbiamo trasmettere ai piemontesi la passione quasi ossessiva che la gente del sud ha per il cibo».  

Per questo, all'interno del locale troneggia un cartello con gli ingredienti fondamentali per la rinomata amatriciana:” Guanciale, pomodoro, vino bianco e….passione!”

Le materie prime arrivano direttamente dalla loro terra devastata, dove ancora resistono alcuni produttori locali: "Cerchiamo di fornirci da loro anche per aiutare a mantenere in piedi le poche attività che lottano contro i disagi della situazione. Molti non hanno resistito, altri chiuderanno presto…ma restiamo fiduciosi, anche se per ora la nostra casa è  qui."

Ed è di pochi giorni fa la notizia che porta un altro  soffio di speranza per le terre terremotate: a Norcia,  altro paese gravemente danneggiato, e’ ricominciata la raccolta di lenticchie, prodotto tipico del territorio marchigiano. “La Lenticchia di Castelluccio è uno di quei prodotti tipici del nostro territorio acquistati da più di un italiano su tre, che proprio in occasione delle vacanze estive ha deciso di fare visita alle aree colpite dal terremoto," raccontano da Castelluccio gli agricoltori di Coldiretti. “L’acquisto di prodotti tipici locali è una delle forme più diffuse di solidarietà attraverso la quale gli Italiani hanno voluto esprimere la propria vicinanza alle popolazioni terremotate nell’ultimo anno."

Insieme al ritorno della lenticchia, gli agricoltori hanno festeggiato un lento ma costante ritorno dei turisti in queste aree. “Il ritorno dei turisti italiani e stranieri è determinante per chi come gli agricoltori è rimasto a presidiare queste terre ferite e abbandonate dall’esodo forzato," ha detto il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo.
Questo è  un altro piccolo grande passo, proprio come il ritorno dei “cavalli” e la prima fioritura dopo il sisma.

A Norcia, c’è un altro luogo che è ripartito alla grande dopo il terremoto: il birrificio dei monaci benedettini che producono una birra speciale.

Insomma, segnali importanti di rinascita e ritorno alla normalità che in questa zona vuol dire sopravvivenza e voglia di ricominciare.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Savor a section of the Via Francigena: Abbadia di Isola to Monteriggioni “a piedi”

All roads lead to Rome as the old saying goes – all 1,243 miles of road when we’re talking about the Via Francigena, the ancient byway connecting...

Credito Emiliano and Parmigiano: the curious story of the bank taking cheese as investment collateral

It was 1953 when Credito Emiliano, a relatively small bank based in the region of Emilia Romagna, started taking wheels of Parmigiano Reggiano as a...

Angela Missoni: 20 years of artistry and innovation

Twenty years have passed since Angela Missoni took the helm of the family fashion house founded by her visionary parents Ottavio and Rosita, who...

Cookcooning: the new frontiers of tourism 2.0

“Travelling is more than an action, it’s a feeling,” Mario Soldati said. It is on this idea that a new form of international tourism, dubbed “...

Mascherone, home protection the old-fashioned way

Today most self-respecting homeowners install alarms and locks to protect their homes, but step back to the 16th century and the preference was for...

Weekly in Italian

Recent Issues