L’Italia piace ai turisti Usa e attrarrà anche in autunno

L’Italia piace ai turisti Usa e attrarrà anche in autunno

L’incoming per l’estate 2017 si conferma positivo anche per la domanda organizzata e le previsioni per l’autunno seguono lo stesso trend. L’Italia turistica continua a dare ottimi risultati per la stagione estiva e non solo: sempre più turisti stranieri scelgono di trascorrere la vacanza nel Belpaese anche nel periodo autunnale. È quanto emerge dal Monitoraggio di ENIT, la consueta indagine e osservazione del mercato turistico rivolta, tramite un questionario dettagliato, a ben 131 Tour Operator, 78 europei e 53 oltreoceano, presenti su 22 mercati stranieri.

“I dati raccolti con il supporto delle nostre sedi estere – commenta Gianni Bastianelli, direttore esecutivo di Enit - Agenzia Nazionale del Turismo - confermano un trend positivo per il turismo nazionale anche del mercato turistico B2B, ovvero quella parte di vendite che avviene tramite operatori professionali e i canali tradizionali. Non solo per questi mesi estivi ma anche per la stagione autunnale che seguirà, a conferma che il “prodotto” Italia continua ad essere molto apprezzato e promosso efficacemente. La strada è quella giusta: la stagionalità dell’offerta turistica nazionale deve necessariamente allungarsi il più possibile sia per sfruttare al meglio il potenziale turistico del nostro Paese sia per creare nuove opportunità professionali”.

Per quanto riguarda l’estate 2017, oltre il 77,6% dei Tour Operator intervistati conferma una crescita dei viaggi organizzati verso l’Italia, il 13,5% una situazione di stabilità e solo l’8,9% segnala una flessione rispetto allo stesso periodo del 2016.

I Paesi per i quali sono segnalati gli incrementi maggiori della vendita della destinazione Italia per il periodo estivo sono: Russia (tra il 20% e il 30%), Austria e Ungheria (tra il 10% e il 15%), Spagna (tra il 2% e il 25%, con una media del 9%), Portogallo (+10%), Usa e Canada (dall’ 5% al 15%), Cina (+15%) e Corea (dal 12% al 20%).

Le località più richieste sono le città d'arte. Oltre alle "classiche" Roma, Milano, Venezia, Firenze, anche i centri più piccoli evidenziano un trend di crescita: maggiore attenzione è rivolta a borghi e località meno frequentate dal turismo di massa. Il turismo eno-gastronomico si conferma tra i principali prodotti richiesti dal turista organizzato e cresce l’interesse per i Laghi, (dalla Germania soprattutto per i laghi del Nord, dalla Svizzera e dal Regno Unito per il Lago di Garda, Regno Unito), e per i tour nel Sud Italia (dall’Austria cresce la formula Fly & Drive per chi viaggia in autonomia; dalla Spagna cresce la Costiera Amalfitana considerata di gran moda).

Per quanto riguarda l’autunno 2017, le previsioni di vendita delle destinazioni italiane sono decisamente buone: il 74,8% dichiara che le vendite sono aumentate rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, il 17,9% afferma che sono stabili mentre solo il 7,3% segnala una diminuzione. I Tour Operator cinesi rilevano aumenti anche del 15%, altri Paesi tra l’11% e il 12% come nel caso della Spagna e tra il 5% e il 7% per USA e Canada.

Per il periodo autunnale l'incremento dell’outgoing statunitense in Italia dovrebbe aggirarsi intorno al 7%. Tra le novità che potrebbero incrementare i flussi in Italia si segnala l’operativo low cost della Norwegian Air che da novembre 2017 collegherà Roma Fiumicino a New York e Los Angeles e l’attività di destagionalizzazione del volo ALITALIA Roma Fiumicino-Los Angeles. Si segnala, inoltre, l’inaugurazione, avvenuta a maggio, del nuovo volo Dallas-Roma Fiumicino della American Airlines.

 

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Nasce il gigante italiano del pomodoro per la prima filiera italiana nella coltivazione e trasformazione

Nasce il gigante italiano del pomodoro per la prima filiera italiana nella coltivazione e trasformazione

Si ferma lo shopping straniero nell’agroalimentare italiano con ben 3 marchi storici su 4 che sono finiti all’estero con la perdita di autonomia e di...
Negli Usa il made in Italy agroalimentare costa di più: l’euro forte frena l’export

Negli Usa il made in Italy agroalimentare costa di più: l’euro forte frena l’export

Il rafforzamento dell’Euro pesa sulle esportazioni negli Stati Uniti dove è stato raggiunto il record storico per l’agroalimentare Made in Italy con...
In Italia sempre più brevetti "green": cresce la capacità innovativa delle imprese

In Italia sempre più brevetti "green": cresce la capacità innovativa delle imprese

Il genio italiano si colora sempre più di verde: in 10 anni, il numero dei brevetti "green" made in Italy pubblicati in Europa è aumentato...
A Paestum il patrimonio archeologico diventa turismo internazionale

A Paestum il patrimonio archeologico diventa turismo internazionale

La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico in programma a Paestum dal 26 al 29 ottobre 2017 sarà sede dell’unico Salone espositivo al mondo del...
Made in Italy più tutelato: l'origine di riso e pasta in etichetta

Made in Italy più tutelato: l'origine di riso e pasta in etichetta

Oltre l'85% degli italiani considera importante conoscere l'origine delle materie prime per questioni legate al rispetto degli standard di sicurezza...

Weekly in Italian

Recent Issues