Made in Italy più tutelato: l'origine di riso e pasta in etichetta

Made in Italy più tutelato: l'origine di riso e pasta in etichetta

Oltre l'85% degli italiani considera importante conoscere l'origine delle materie prime per questioni legate al rispetto degli standard di sicurezza alimentare, in particolare per la pasta e il riso.

Sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale i due decreti interministeriali che introducono l'obbligo di indicazione dell'origine del riso e del grano per la pasta in etichetta. Entrano in vigore i provvedimenti che introducono la sperimentazione per due anni del sistema di etichettatura, nel solco della norma già in vigore per i prodotti lattiero caseari. L'obbligo scatterà il 16 febbraio per il riso e il 17 febbraio per la pasta.

"Da metà febbraio - ha commentato Martina - avremo finalmente etichette più trasparenti sull'origine di riso e grano per la pasta. È una scelta decisa compiuta insieme al Ministro Calenda, che anticipa la piena attuazione del regolamento europeo 1169 del 2011. Il nostro obiettivo è dare massima trasparenza delle informazioni al consumatore, rafforzando così la tutela dei produttori e dei rapporti di due filiere fondamentali per l'agroalimentare Made in Italy. Non rinunceremo a spingere ancora in Europa perché questi provvedimenti vengano presi per tutta l'Ue".

Il decreto grano/pasta prevede che le confezioni di pasta secca prodotte in Italia dovranno avere obbligatoriamente indicate in etichetta le seguenti diciture:

a) Paese di coltivazione del grano: nome del Paese nel quale il grano viene coltivato; b) Paese di molitura: nome del paese in cui il grano è stato macinato. Se queste fasi avvengono nel territorio di più Paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: Paesi UE, Paesi NON UE, Paesi UE E NON UE. Se il grano duro è coltivato almeno per il 50% in un solo Paese, come ad esempio l'Italia, si potrà usare la dicitura: "Italia e altri Paesi UE e/o non UE".

Il provvedimento prevede che sull'etichetta del riso devono essere indicati: a) "Paese di coltivazione del riso"; b) "Paese di lavorazione"; c) "Paese di confezionamento".

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Al via l’Anno del cibo italiano nel mondo

Al via l’Anno del cibo italiano nel mondo

Al via l’ Anno del cibo italiano nel mondo con ben 5.047 specialità alimentari tradizionali censite sul territorio nazionale in Italia che detiene...
In una app la Guida ai migliori cocktail bar d’Italia

In una app la Guida ai migliori cocktail bar d’Italia

Nasce la nuova app gratuita "Guida ai migliori cocktail bar d’Italia”. L'app non ha scopo di lucro, è gratuita e priva di sponsor, a garanzia della...
Alleanza italo-statunitense per la produzione di radiofarmaci

Alleanza italo-statunitense per la produzione di radiofarmaci

Alleanza italo-statunitense nel settore della medicina nucleare per la produzione di radiofarmaci, in grado di minimizzare gli effetti collaterali e...
I Millenials americani preferiscono il prosecco

I Millenials americani preferiscono il prosecco

Negli Usa, il vino italiano rappresenta solo l’1% dell’offerta complessiva ma la tipologia di vino italiano più apprezzata è il Prosecco...
Startup e imprese innovative dell'Emilia-Romagna a lezione in Silicon Valley

Startup e imprese innovative dell'Emilia-Romagna a lezione in Silicon Valley

Andare in Silicon Valley per fare esperienza sul campo, lì dove si concentrano il maggior numero di opportunità e conoscenze nei settori più avanzati...

Weekly in Italian

Recent Issues