Made in Italy più tutelato: l'origine di riso e pasta in etichetta

Made in Italy più tutelato: l'origine di riso e pasta in etichetta

Oltre l'85% degli italiani considera importante conoscere l'origine delle materie prime per questioni legate al rispetto degli standard di sicurezza alimentare, in particolare per la pasta e il riso.

Sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale i due decreti interministeriali che introducono l'obbligo di indicazione dell'origine del riso e del grano per la pasta in etichetta. Entrano in vigore i provvedimenti che introducono la sperimentazione per due anni del sistema di etichettatura, nel solco della norma già in vigore per i prodotti lattiero caseari. L'obbligo scatterà il 16 febbraio per il riso e il 17 febbraio per la pasta.

"Da metà febbraio - ha commentato Martina - avremo finalmente etichette più trasparenti sull'origine di riso e grano per la pasta. È una scelta decisa compiuta insieme al Ministro Calenda, che anticipa la piena attuazione del regolamento europeo 1169 del 2011. Il nostro obiettivo è dare massima trasparenza delle informazioni al consumatore, rafforzando così la tutela dei produttori e dei rapporti di due filiere fondamentali per l'agroalimentare Made in Italy. Non rinunceremo a spingere ancora in Europa perché questi provvedimenti vengano presi per tutta l'Ue".

Il decreto grano/pasta prevede che le confezioni di pasta secca prodotte in Italia dovranno avere obbligatoriamente indicate in etichetta le seguenti diciture:

a) Paese di coltivazione del grano: nome del Paese nel quale il grano viene coltivato; b) Paese di molitura: nome del paese in cui il grano è stato macinato. Se queste fasi avvengono nel territorio di più Paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: Paesi UE, Paesi NON UE, Paesi UE E NON UE. Se il grano duro è coltivato almeno per il 50% in un solo Paese, come ad esempio l'Italia, si potrà usare la dicitura: "Italia e altri Paesi UE e/o non UE".

Il provvedimento prevede che sull'etichetta del riso devono essere indicati: a) "Paese di coltivazione del riso"; b) "Paese di lavorazione"; c) "Paese di confezionamento".

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Anche per gli Italiani all'estero c'è lo Spid, Sistema Pubblico per la Gestione dell’Identità Digitale

Anche per gli Italiani all'estero c'è lo Spid, Sistema Pubblico per la Gestione dell’Identità Digitale

Dopo le consultazioni tra Farnesina e Agenzia per l'Italia Digitale (AgID), è stato concordato come anche i cittadini italiani residenti all'estero...
Da Milano una 'maratona del food' per promuovere The Extraordinary Italian Taste

Da Milano una 'maratona del food' per promuovere The Extraordinary Italian Taste

Si è tenuta a Milano la “Business maratona del food” , due giornate dense di incontri d’affari organizzati da Assocamerestero - l’Associazione di cui...
Il viaggio esperienziale e outdoor diventa motore di un turismo in crescita in Italia

Il viaggio esperienziale e outdoor diventa motore di un turismo in crescita in Italia

Il turismo rappresenta una delle forze trainanti, per l'economia del Paese, incidendo - con il suo trend in costante crescita - per l'11,1% sul Pil e...
Da emigrati a turisti di ritorno: un software per intercettare gli italiani

Da emigrati a turisti di ritorno: un software per intercettare gli italiani

La Cim - Confederazione degli italiani nel mondo intende incrementare l’attenzione verso il cosiddetto " turismo di ritorno ", cioè i tanti cittadini...
Con Italy-America Chamber of Commerce Southeast nuovi strumenti per le startup italiane

Con Italy-America Chamber of Commerce Southeast nuovi strumenti per le startup italiane

Italy-America Chamber of Commerce Southeast (IACCSE) lancia un nuovo servizio per le imprese italiane che vogliono approdare in Florida . A darne...

Weekly in Italian

Recent Issues