Spiagge bianche e mare cristallino: la perla calabra che per chilometri disegna la Costa degli Dei

Spiagge bianche e mare cristallino: la perla calabra che per chilometri disegna la Costa degli Dei

Tropea è uno dei centri turistici più attrezzati e rinomati della Costa calabra degli Dei

Chilometri e chilometri di magnifiche spiagge bianche e rocce frastagliate a ridosso di un mare azzurro cristallino. Di fronte l'arcipelago delle Isole Eolie da mozzare il fiato al calare del sole. Odori e profumi tipici dell'ecosistema mediterraneo, sapori di una antica tradizione culinaria che trova le sue radici nelle generazioni passate ed il calore di un popolo accogliente ed ospitale che, molto spesso, trova la dignità di celare le diverse problematiche sociali e territoriali persistenti. 
 
La Costa degli Dei è, di certo, uno dei luoghi più suggestivi della Regione Calabria: un tratto di costa lungo circa 55 chilometri di litorale che abbraccia i comuni di Briatico, Joppolo, Nicotera, Parghelia, Pizzo Calabro, Ricadi, Tropea, Vibo Valentia e Zambrone. 
La Calabria è stata incoronata dal quotidiano statunitense New York Times come imperdibile meta italiana dell'estate 2017. Una fascia costiera - quella de La Costa degli Dei - capace di offrire a giovani ed adulti una moltitudine di attività. 
 
Tropea è, forse, il centro turistico più noto in assoluto grazie ai numerosi servizi offerti: balneazione, relax, shopping, divertimento e movida notturna. La leggenda vuole che sia stato Ercole, figlio di Zeus, ad aver fondato la cittadina di ritorno dal suo viaggio ai confini del mondo. Ma Tropea non è l'unico centro turistico degno di nota. 
Zambrone e Parghelia, con le loro magnifiche strutture ricettive ed il mare limpido, sono mete gettonate nei mesi caldi. Pizzo Calabro rappresenta uno dei borghi più pittoreschi di tutta la Costa: un gioiello incastonato tra le colline vibonesi ed il Mar Tirreno, nel mezzo del Golfo di Sant'Eufemia. 
 
I vicoli di Pizzo profumano di storia: la città è balzata alle cronache nel XIX secolo quando fece da cornice ad un importante evento storico: l'arresto e la fucilazione dell'allora re di Napoli Gioacchino Murat per mano della gendarmeria borbonica. Ancora oggi è possibile visitare il castello, che troneggia nella piazza centrale, in cui il re trascorse gli ultimi giorni di vita. 
Assolutamente da visitare è, poi, la famosa Chiesa della Madonna di Piedigrotta, interamente scavata all'interno di una roccia tufacea. Imperdibile, infine, per i turisti più golosi, il mitico Tartufo di Pizzo, prodotto tipico della pasticceria locale: si tratta di un gelato alla nocciola, modellato a mano, con all'interno un cuore di cioccolato fondente fuso e ricoperto da una spolverata di cacao amaro e zucchero. 
 
Infine c'è Vibo Valentia, il capoluogo di provincia. L'antica Hipponion, divenuta in seguito Monteleone prima dell'attuale denominazione, è una città intrinseca di storia e misticismo. Nata come antica 'polis' greca (nonostante alcune tracce di occupazione nell'età del bronzo e del ferro), ha subito le influenze delle diverse dominazioni avute: dai romani agi svevi, dagli angioini agli aragonesi fino ad arrivare ai borboni. 
 
Numerosi sono i luoghi di interesse culturale: le chiese rinascimentali tra cui l'attuale Duomo, il castello normanno-svevo, i maestosi ed eleganti palazzi signorili (Palazzo Neri, Palazzo Di Francia, Palazzo Gagliardi, Palazzo Capialbi, Palazzo Romei, Palazzo Cordopatri) e le aree verdi in cui trascorrere piacevoli momenti di relax compiendo distensive passeggiate (Parco Urbano, Villa Gagliardi, Villa Regina Margherita, ecc...).  
La Calabria, la sua varietà territoriale e in particolar modo lo splendido litorale della Costa degli Dei, resta una terra dal grande potenziale turistico ed economico. Una terra da riscoprire, d'amare, da vivere.
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A L'Aquila per l’antica tradizione della Maldicenza

A L'Aquila per l’antica tradizione della Maldicenza

Con il mese di gennaio torna Sant’Agnese, l’antica tradizione aquilana della “Maldicenza”. Per i non aquilani è necessario fare una premessa...
Dal Lago di Guardialfiera riemergono i resti dell'antico ponte di Annibale

Dal Lago di Guardialfiera riemergono i resti dell'antico ponte di Annibale

Dal Lago di Guardialfiera, nella provincia molisana di Campobasso, è riemerso dopo gli scavi successivi alla siccità estiva il ponte di Sant'Antonio...
A Casole d’Elsa il primo e più grande spettacolo open air dedicato alla Natività

A Casole d’Elsa il primo e più grande spettacolo open air dedicato alla Natività

È andato in scena il primo e più grande spettacolo open air dedicato alla Natività. È accaduto in Toscana, in provincia di Siena, dove l’Associazione...
A San Pietro il Presepe napoletano, a Santa Maria Maggiore il più antico del mondo

A San Pietro il Presepe napoletano, a Santa Maria Maggiore il più antico del mondo

Arriva dall'Abbazia di Montevergine in provincia di Benevento il Presepe napoletano di Piazza San Pietro. Alto 7 metri con una superficie di quasi...
A Segusino il presepe che ricorda la Tregua di Natale del 1917

A Segusino il presepe che ricorda la Tregua di Natale del 1917

Natale, tempo di presepi. E di riflessione. A Segusino, oggi piccolo e accogliente paese del Veneto, Natale 2017 fa rima con il 1917 e invita a...

Weekly in Italian

Recent Issues