Spazi pluriarticolati di architettura innovativa per l’arte del toscano Marco Bagnoli

Spazi pluriarticolati di architettura innovativa per l’arte del toscano Marco Bagnoli

(Ph. courtesy Marco Bagnoli)

Ha aperto i battenti l'atelier Marco Bagnoli, un edificio a Montelupo Fiorentino, che nasce dalla collaborazione tra l’artista Marco Bagnoli e l’architetto Toti Semerano che ne firma il progetto architettonico. L’edificio è il nuovo studio dell’artista: uno spazio pluriarticolato di innovativa concezione che ospita anche l’archivio. Un’opera d’arte in sé.
 
La figura di Marco Bagnoli comincia a delinearsi alla metà degli anni Settanta e da allora la sua presenza è costante sulla scena dell’arte, basti pensare alle sue partecipazioni a grandi mostre, dalla Biennale di Venezia (1982, 1997) a Documenta a Kassel (1982, 1992) e al Sonsbeek di Arnhem (1986); alle sue personali presso prestigiose istituzioni artistiche quali De Appel, Amsterdam (1980 e 1984), Centre d’Art Contemporain, Geneve (1985), Musée Saint-Pierre Art Contemporain, Lyon, (1987), Magasin, Grenoble (1991), Castello di Rivoli (1992), Centro per l’Arte Contemporanea ‘Luigi Pecci’, Prato (1995), Centre del Carme, Valencia (2000), České Muzeum Výtvarných Umění, Praha (2009), Madre, Napoli (2015); ai suoi passaggi in grandi musei, dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma al Centre Georges Pompidou di Parigi.

L’artista ha anche seguito un percorso del tutto personale, realizzando installazioni in situ in luoghi di eccezionale valore artistico e architettonico, storico e spirituale, come la Villa Medicea La Ferdinanda di Artimino (1981), la Cappella Pazzi (1984), la Sala Ottagonale della Fortezza da Basso (1989) e la Basilica di San Miniato al Monte (1992,1994 e 2012), il Forte di Belvedere (2003 e 2017) e il Giardino di Boboli (2013) a Firenze, e le sale del Palazzo Pubblico di Siena (2001).
Le sue opere si trovano in importanti collezioni internazionali e installazioni permanenti gli sono state commissionate da istituzioni pubbliche e mecenati privati. Tra le opere in permanenza ricordiamo Amore e Psiche (2010) per la Grande Voliera del Parco Mediceo di Pratolino.
 
l'atelier Marco Bagnoli è anche sede dell’Associazione spazioxtempo, un progetto di ampia visione il cui scopo è la realizzazione di attività che contemplino l’interazione fra arte, impresa e territorio. Marco Bagnoli è ideatore e fondatore dell’Associazione, il cui consiglio direttivo è presieduto da Pier Luigi Cecioni, editore e imprenditore, il cui segretario è Alessandro Belisario, organizzatore culturale, già dirigente della Provincia di Firenze, e consigliere Lorenzo Bagnoli, figlio di Marco e manager dell’azienda di famiglia.
 
Se arte, impresa, territorio è, al momento, il fulcro del progetto di attività dell’Associazione, Marco Bagnoli ne è il riferimento imprescindibile. Figura complessa dalle molteplici sfaccettature: di formazione scientifica, è artista e industriale, una presenza sul territorio grazie ad un’operatività che spazia dall’attività di sviluppo nell’azienda fondata dal padre Renzo - a cui la creazione stessa dell’ATELIER vuol rendere testimonianza - a quella specificatamente artistica, che lo colloca in primo piano nel quadro dell’arte internazionale del nostro tempo. Queste caratteristiche rendono l’ATELIER  un’iniziativa unica per ispirazione e tipologia nella cultura contemporanea.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Villa Bardini a Firenze Icons di Steve McCurry

A Villa Bardini a Firenze Icons di Steve McCurry

Dal 14 giugno al 16 settembre gli spazi della Villa Bardini di Firenze ospiteranno un’ampia retrospettiva dedicata al lavoro di Steve McCurry (Darby...
Unfake Connections, la New York anni 60-70 si svela a Montesilvano

Unfake Connections, la New York anni 60-70 si svela a Montesilvano

New York negli anni Sessanta e Settanta è stata l’incubatrice di movimenti e linguaggi artistici d’avanguardia come la Pop Art, la MInimal e la...
Per la prima volta in Italia le fotografie di W. Eugene Smith e il ritratto di Pittsburgh, la città industriale più famosa del primo Novecento

Per la prima volta in Italia le fotografie di W. Eugene Smith e il ritratto di Pittsburgh, la città industriale più famosa del primo Novecento

Per la prima volta in Italia una mostra interamente dedicata all’opera che il fotografo americano W. Eugene Smith (1918-1978) ha realizzato a partire...
Palermo apre la 'Porta' della capitale italiana della cultura con la Biennale di arte contemporanea

Palermo apre la 'Porta' della capitale italiana della cultura con la Biennale di arte contemporanea

Si apre una “Porta” nell'ambito delle celebrazioni in onore di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018. Wish World International Sicilian...
Visioni differenti: gli 80 anni dell'Eur di Roma e l’idea italiana della modernità

Visioni differenti: gli 80 anni dell'Eur di Roma e l’idea italiana della modernità

Planimetrie, progetti, bozzetti e circa 200 fotografie d’arte realizzate dal maestro Carlo D’Orta: è questo il materiale che la mostra “Ottant’anni...

Weekly in Italian

Recent Issues