The best “borghi” on Italy’s most beautiful islands

Built on seven small islands on the Marani Canal, Murano is one of the most densely populated areas of the Venetian Lagoon

Islands: is there anything concocting more perfectly together thoughts of wilderness, mystery and beauty? An island is a world apart, secluded from the rest of humanity by an endless sky-like expanse of water. Land surrounded by water than looks like precious stones, the sun playfully transforming waves into jewels.  
 
On these little, special worlds surrounded by incredible water, more gems can be found: Italian small villages, or borghi, as we call them, have a magical charm of their own.  
 
If you are lucky enough to have spent some time in any of them, you probably agree with me when I say it feels like time has incredibly stopped at some stage between the late 40s and the early 50s: you would expect a young Sophia Loren to turn the corner of the Piazza Municipale, brightening the day and the lives of all presents with one of her carat gold smiles.  
 
Yet, in so many ways, it is thanks to progress and modernity that these places have managed to keep their beauty intact. Careful artistic restoration and environmental maintenance programs, the rise of tourism and the financial security that comes with it, all the way down to cultural associations operating at national and international level: all contributed to make of these villages the gems they are.  
 
Borghi of our islands are somehow even more special, because so much of their history, fortunes and –indeed - misfortunes, has been dictated by the fact they lay on such secluded strips of land. Among them, some truly deserve to be visited for their beauty and uniqueness, and may transform your next trip into an incredibly pleasurable adventure into an Italy of times long gone.  
Murano has kept its charm unaltered throughout the centuries and it is a definite must-see if you are heading to Venice
Murano (Murano Island) 
I was 17 when I walked the colorful, timeless alleys of Murano for the first time. It was a school trip and I have a clear memory of wishing I could move there straight away: who needed school, friends, university, money, when you could live in a place so incredibly beautiful?  
 
The first thing that strikes visitors of Murano, I believe, is how fairy-like it looks. Small, by all accounts, built on water, its homes the colors of the rainbow. But Murano is a hub of art and culture, too, and this should not be forgotten. Built on seven small islands on the Marani Canal, Murano is one of the most densely populated areas of the Venetian Lagoon. Of course, most of us knows Murano for the beauty and artistry behind its glass production, the tradition of which goes back as far as the 13th century, but there is much more than that to appreciate.
 
Most of us knows Murano for the beauty and artistry behind its glass production, the tradition of which goes back as far as the 13th century
Art and history buffs may like to visit the Duomo of Santi Maria e Donato, a beautifully decorated church with mosaic floors very likely contemporary to those of Saint Mark in nearby Venice or Santa Maria degli Angeli, which was used, at the beginning of the 20th century, as a lazaretto when the Lagoon was hit by a cholera epidemic.  
Murano has kept its charm unaltered throughout the centuries and it is a definite must-see if you are heading to Venice. 
Where Capri is glitz and glamour, Anacapri is local old fashioned colors and tradition
Anacapri (Capri Island) 
Capri: so beautiful, so enchanting emperors made it their home, in ancient Roman times. So exclusive to be a favored hot spot for the Dolce Vita’s VIPs of the 1950s and 1960s.  
 
Anacapri is Capri’s mysterious, slightly wild but equally beautiful sister, the place you have to go if you want to stare straight into the island’s soul. Where Capri is glitz and glamour, Anacapri is local old fashioned colors and tradition. Where Capri is Prada, Gucci and high end shoes, Anacapri is local crafts and homemade food, the deep brown eyes of a Mediterranean country girl. Anacapri is the essence of the island, where Capri is its - just as beautiful, mind- more superficial golden veneer.  
 
Check out via Giuseppe Orlandi for incredible local crafts and the church of Santa Sofia, with its baroque façade and Renaissance interior. Notable is also Villa San Michele, built by Swedish doctor Axel Munthe in the last decades of the 19th century: the house, located 300 meters high on the hill, offers some of the most beautiful panoramic views on the island.  
Portoferraio is known for the Torre del Martello, part of the Fortezza della Linguella
Portoferraio (Isola d’Elba) 
Let us travel up north to the shores of quaint and beloved Tuscany, to discover yet another amazing spot, the Isola d’Elba and its main urban conglomeration, Portoferraio.  
 
Legend – and Egyptian poet Apollonius of Rhodes – says this is where the Argonauts seeking Circe landed and, a bit more historically, we know the area was an appreciated imperial Rome spot.  
 
Today, Portoferraio is known for the Torre del Martello, part of the Fortezza della Linguella, both beautiful landmarks of the town. Within the fortress, the Archaeological Museum, where both Roman and Etruscan findings are preserved. Even if ancient art and culture are important for Portoferraio, the village remains a Renaissance hub architecturally, as demonstrated also by another fortress, the Forte Stella, built in the 16th century and home to one of the oldest, still functioning lighthouses in Europe.  
 
General extraordinaire Napoleon Bonaparte loved the quaintness of the borough so much to have his Winter home, Villa dei Mulini, built only a stone’s throw from its center.  
The Isola Bella lays in all tranquillity about 400 meters off Stresa’s coast
Isola Bella (Lago Maggiore) 
Let us leave the seas of Italy and move on the shores of one of her largest lakes,  Lago Maggiore. Within it,  you will find the tiny, yet breathtaking Isola Bella, one of the Borromee Islands. Its very name tells about its beauty, as it literally means just that: beautiful island. The Isola Bella lays in all tranquility about 400 meters off Stresa’s coast, and it is in large part occupied by Palazzo Borromeo and its gardens. Although the island is not strictly a “borgo”, its uniqueness made it almost impossible for me to leave it out. Surrounded by the deep green waters of the lake, an emerald encased in the Alps’ white gold crown, the island offers many an amenity to check out, even though Palazzo Borromeo’s gardens are probably the place to be: landscaped on tiered terraces, visitors can enjoy some of the most beautiful views of the island from there. 
 
Isole: c'è qualcosa che mette più perfettamente insieme i pensieri di terra selvaggia, mistero e bellezza? Un'isola è un mondo separato, isolato dal resto dell'umanità da un’estensione infinita di acqua simile al cielo. Terra circondata da acqua che sembra fatta di pietre preziose, il sole che trasforma giocosamente le onde in gioielli. 
 
Su questi piccoli e speciali mondi circondati da un'acqua incredibile, si possono trovare più gemme: i piccoli villaggi italiani, o borghi, come li chiamiamo, hanno un loro fascino magico. 
 
Se siete abbastanza fortunati e avete trascorso un po’ di tempo in uno di loro, probabilmente sarete d'accordo con me quando dico che sembra che lì il tempo si sia incredibilmente fermato in un’epoca tra la fine degli anni '40 e i primi anni '50: ci si aspetta che una giovane Sophia Loren giri l'angolo della Piazza Municipale, illuminando il giorno e la vita di tutti i presenti con uno dei suoi sorrisi d'oro. 
 
Eppure, per tanti versi, è grazie al progresso e alla modernità che questi luoghi sono riusciti a mantenere intatta la loro bellezza. Attenzione ai restauri artistici e ai programmi di manutenzione ambientale, all'aumento del turismo e alla sicurezza finanziaria che vengono insieme, fino alle associazioni culturali operanti a livello nazionale e internazionale: tutto ha contribuito a rendere questi villaggi le gemme che sono. 
 
I borghi delle nostre isole sono in qualche modo ancora più speciali, perché tanto della loro storia, delle fortune e, in effetti, delle loro disgrazie, è stato dettato dal fatto che si trovano su quelle strisce appartate di terra. Tra di loro, alcuni meritano davvero di essere visitati per la loro bellezza e unicità e possono trasformare il vostro prossimo viaggio in un'avventura incredibilmente piacevole in un'Italia dei tempi passati. 
 
Murano (Isola di Murano) 
Avevo 17 anni quando ho percorso per la prima volta i vicoli colorati e senza tempo di Murano. Era una gita scolastica e ho chiara memoria di aver desiderato di poterci andare a stare subito: chi aveva bisogno di scuola, amici, università, soldi, quando si poteva vivere in un luogo così incredibilmente bello? 
 
La prima cosa che colpisce i visitatori di Murano, credo, è quanto sembri fatata. Piccola, a detta di tutti, costruita sull'acqua, le sue case dai colori dell'arcobaleno. Ma Murano è anche un centro d'arte e di cultura, e questo non va dimenticato. Costruita su sette piccole isole sul Canale Marani, Murano è una delle zone più densamente popolate della laguna veneziana.
 
Naturalmente, la maggior parte di noi conosce Murano per la bellezza e l'arte della sua produzione di vetro, la cui tradizione risale al XIII secolo, ma c'è molto di più da apprezzare. 
 
Gli artisti e gli appassionati di storia possono visitare il Duomo di Santi Maria e Donato, una chiesa splendidamente decorata con pavimenti a mosaico molto probabilmente contemporanei a quelli di San Marco nella vicina Venezia o di Santa Maria degli Angeli, che è stato utilizzata, all'inizio del 20° secolo come lazzaretto quando la laguna è stata colpita da un'epidemia di colera. 
 
Murano ha mantenuto inalterato il suo fascino nei secoli ed è un “must-see” se volete andare a Venezia. 
 
Anacapri (Isola di Capri) 
Capri: così bella, che imperatori incantati ne hanno fatto la loro casa nelle antiche epoche romane. Così esclusiva da essere luogo alla moda favorito per la Dolce Vita  dei vip degli anni '50 e '60. 
 
Anacapri è la sorella misteriosa, leggermente selvaggia ma altrettanto bella di Capri, in cui andare se si desidera guardare direttamente nell'anima dell'isola. Se Capri è glitterata e glamour, Anacapri è colori e tradizioni locali dal fascino antico. Dove Capri è Prada, Gucci e scarpe di alta gamma, Anacapri è artigianato locale e cibo casalingo, gli occhi marroni scuro di una ragazza del Mediterraneo. Anacapri è l'essenza dell'isola, dove Capri è la sua - altrettanto bello, s’intende – patina dorata e più superficiale. 
 
Cercate via Giuseppe Orlandi per incredibili artigianali locali e la chiesa di Santa Sofia, con la sua facciata barocca e l'interno rinascimentale. Notevole è anche Villa San Michele, costruita dal medico svedese Axel Munthe negli ultimi decenni del XIX secolo: la casa, situata a 300 metri di altezza sulla collina, offre alcune delle più belle viste panoramiche sull'isola. 
Portoferraio (Isola d'Elba) 
 
Andiamo a nord verso le rive della pittoresca e amata Toscana per scoprire ancora un altro posto incredibile, l'Isola d'Elba e il suo principale complesso urbano, Portoferraio. 
 
La leggenda - e il poeta egiziano Apollonio di Rodi - dice che qui è dove gli Argonauti arrivarono cercando Circe e, un po’ più storicamente, sappiamo che l'area era un apprezzato luogo della Roma imperiale. 
 
Oggi Portoferraio è conosciuta per la Torre del Martello, parte della Fortezza della Linguella, entrambe bei monumenti cittadini. All'interno della fortezza, il Museo Archeologico, dove sono conservati sia i reperti romani che quelli etruschi. Anche se l'arte antica e la cultura sono importanti per Portoferraio, il villaggio architettonicamente resta un fulcro rinascimentale, come dimostra anche un'altra fortezza, Forte Stella, costruito nel XVI secolo e sede di uno dei più antichi e ancora funzionanti fari d'Europa. 
 
Lo straordinario generale Napoleone Bonaparte amò tanto il carattere del borgo da farne la sua casa d'inverno, Villa dei Mulini, costruita a un tiro di schioppo dal centro. 
 
Isola Bella (Lago Maggiore) 
Lasciamo i mari d'Italia e spostiamoci sulle rive di uno dei suoi più grandi laghi, il Lago Maggiore. Lì troverete la piccola, ma mozzafiato, Isola Bella, una delle Isole Borromee. Il suo stesso nome racconta la sua bellezza, in quanto letteralmente significa proprio questo: bella isola. L'Isola Bella sorge in piena quiete a circa 400 metri dalla costa di Stresa, ed è in gran parte occupata da Palazzo Borromeo e dai suoi giardini. Anche se l'isola non è propriamente un "borgo", la sua unicità mi ha reso quasi impossibile escluderla. Circondata dalle profonde acque verdi del lago, uno smeraldo incastonato nella corona d'oro bianco delle Alpi, l'isola offre molti luoghi ameni da vedere, anche se i giardini di Palazzo Borromeo sono probabilmente il luogo dove stare: progettati su terrazze a più livelli, da lì i visitatori possono godere di alcune delle più belle viste dell'isola.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

If only a lifestyle could become World Heritage

Writing for a living is at once a curse and a blessing: a curse because, believe me, writer’s block is real and hits when you least expect it. A...

“Tutte le strade portano a Roma” and some have very quirky names

Indeed, at the times of the Empire, all roads led to Rome, especially when you think the Romans are behind the creation of the first Italian and...

Venice’s mouths of truth

Venice at the height of its power conjures images of merchant traders, carnival masks and debauchery. But for all its decadence Venetian life was...

Supporting the UNESCO candidature of the Neapolitan pizza making art

The event Tu Vuò fa’ il Napoletano - Facce da Pizza landed in the USA. The first of the three gatherings in support to the candidature of the...

Searching for the origins of La Bella Lingua (Part III): Boccaccio and Certaldo

After our visits to Dante Alighieri’s native Florence and Francesco Petrarca’s hometown of Arezzo, the journey to discover the origins of la bella...

Weekly in Italian

Recent Issues