Gelatiamo: Bringing the tantalizing taste of authentic gelato to Puget Sound

Maria Coassin, owner of Gelatiamo in downtown Seattle, spent years learning the art and science of making authentic Italian gelato

Maria Coassin is passionate about gelato. Not just its creamy texture, distinctive flavorings or even the specialty ingredients she imports from around the world: Madagascar vanilla, Sicilian pistachios, couverture chocolate from Tanzania.  
 
Coassin loves the science of it. As the founder of Gelatiamo, Seattle’s first gelateria, Coassin revels in the precise balance that must exist among solids, liquids and air to make the perfect gelato.  
Gelatiamo, Seattle's first gelateria, opened its doors in 1996. In 2015, the shop was completely remodeled to feature a more minimalist decor but still be warm and inviting for customers
“Gelato is not a casual food endeavor,” she said. “Attention to detail is absolute: time, temperature, humidity. You are bringing ingredients into an environment they are not used to—a frozen environment. How do you keep the gelato soft?  What makes it scoop-able?  Want to add a liqueur? Then you have to lower the freezing point. You need to know your chemistry and your math. It’s a process that fascinates me to no end.” 
 
Coassin, a native of Maniago in northeastern Italy, dedicated years to learning the art and science of gelato-making before opening Gelatiamo in 1996. A bubbly, energetic person, she created her business name by combining “gelato” with “ti amo” (I love you).  
Each gelato recipe served by Gelatiamo was developed by owner Maria Coassin, using a thoughtful balance of flavor, texture and hand-selected ingredients
“When an Italian hears Gelatiamo, they know immediately what it means even though it’s a made-up word,” she said. “It’s saying: let’s  eat gelato!”    
 
The only girl in a family of seven, Coassin is descended from a long line of bakers, some 200 years of them. “The idea of starting a food business was always with me,” she said, “but I did not know it would be in gelato. My father put the idea in my head.” 
 
Coassin met and married an American serviceman and moved to California with him in 1992. The following year, they relocated to Seattle. “My father thought the west coast would be a good place for a gelateria,” she said. “The eastern part of Veneto and Friuli-Venezia Giulia, where I am from, is famous for its gelato. It’s like Starbucks—one on every corner.” 
To accommodate Gelatiamo's growing commercial trade, owner Maria Coassin recently acquired a 2,400 square foot facility in south Seattle--plenty of space for offices, kitchen staff and two large walk-in freezers
Although intrigued by the idea, Coassin wanted to study it more. For three-and-a-half years, she researched both the operations side, from equipment to marketing, and the creative side where she learned how to develop her own signature recipes. 
 
“My father connected me to some of the best gelato makers in Italy,” she said. “One of them, Pino Scaringella, remains my mentor today. From them, I learned the difference between making gelato and developing recipes. It’s this knowledge that gives me an edge over almost everyone else in the business locally.” 
 
During the research phase, Coassin traveled to Italy frequently, taking courses, serving apprenticeships, and getting her hands dirty, literally. “I learned every part of the business,” she said. “I served the gelato, I cleaned the tables, I swept the floors. Failure was not an option. If I was going to invest my life savings and my family’s support as well, I had to succeed.” 
 
One day, Coassin saw a story on TV about a building tile that had crashed to the sidewalk below. Although the structure was half-hidden by scaffolding, she could see the building was on a corner with windows on two sides, had a southwest exposure and enjoyed a wide sidewalk perfect for outdoor seating. “I immediately thought: that’s my shop! It had everything I needed.” 
 
In 1996, downtown Seattle was still a bit rough around the edges. “Gelatiamo is located at Third and Union, but I used to call it Third and Hell,” Coassin joked. Not only did she have to contend with drug dealers and dirty syringes, but also with customers who had no idea what she was selling. 
 
“People thought it was a cream cheese spread for bagels,” said Coassin. “Others thought it had something to do with Jell-O. It was a real education process.” 
 
Luckily, within a few years, both the neighborhood and the sophistication level improved. Benaroya Hall, home to the Seattle Symphony, opened a block away and the upscale restaurant Wild Ginger moved in across the street. Today, the area is full of shops, restaurants and plenty of customers who know a good gelato when they taste one. 
 
There are 100 recipes in the Gelatiamo repertoire; 16 of them are featured daily, each made fresh, from scratch, in small batches. Coassin creates each recipe herself, using the best ingredients, such as seasonal fruit, organic milk and specialty ingredients from around the globe.  
 
Not surprisingly, chocolate is a top-seller, followed by coconut and stracciatella. Although the classical flavors remain popular, Coassin continues to pioneer new recipes. She’s used local lavender, honey, rhubarb, even a hint of mojito. With Pike Place Brewery, she created a chocolate stout gelato, and with Elysian Brewery, she’s made Punkucchino, a pumpkin, coffee and beer gelato that’s a fall favorite.  
 
Gelatiamo also offers cakes, cookies and pastries using traditional recipes handed down from the Coassin family of bakers. “There is not another shop in town that offers the variety of desserts that I do,” said Coassin. “I was trained in my family’s bakery so I focus on northern Italian recipes. I don’t have cannoli or sfogliatella like they make in Sicily. That is not my heritage.” 
 
The shop sells beautifully decorated gelato cakes in a variety of flavors and sizes, and semifreddo and gelato novelties, such as bonbons and gelato pops. Her team of 24 is busy every day creating products for both retail and wholesale customers. Last year, she acquired a new production facility in south Seattle to accommodate her expanding commercial sales, which make up half of her business. 
 
Knowing your ingredients and keeping that perfect balance might be the key to making a great gelato, but for Coassin, being able to bring a little bit of her hometown to downtown Seattle makes it even more worthwhile. 
Maria Coassin è appassionata di gelato. Non solo della sua texture cremosa, dei vari sapori o anche degli ingredienti speciali che importa da tutto il mondo: la vaniglia del Madagascar, i pistacchi siciliani, le coperture di cioccolato dalla Tanzania. 
 
Coassin ne ama la scienza. Come fondatrice di Gelatiamo, la prima gelateria di Seattle, Coassin svela il perfetto equilibrio che deve esistere tra solidi, liquidi e aria per rendere il gelato perfetto. 
 
"Il Gelato non è un'attività alimentare casuale", ha detto. "L'attenzione al dettaglio è assoluta: tempo, temperatura, umidità. Stai portando gli ingredienti in un ambiente a cui non sono abituati - un ambiente congelato. Come mantenere il gelato morbido? Che cosa rende possibile prenderlo col cucchiaio? Vuoi aggiungere un liquore? Quindi è necessario abbassare il punto di congelamento. Devi conoscere la tua chimica e la tua matematica. È un processo che mi affascina senza fine”. 
 
Coassin, è originaria di Maniago nell'Italia nordorientale, e ha dedicato anni a imparare l'arte e la scienza del gelato prima di aprire Gelatiamo nel 1996. Persona frizzante, energica, ha creato il suo nome commerciale combinando "gelato" con "ti amo". 
 
"Quando un italiano sente Gelatiamo, sa subito cosa significa anche se è una parola inventata", ha detto. "Sta dicendo: mangiamo gelato!" 
 
Unica ragazza in una famiglia di sette, Coassin appartiene a una lunga discendenza di panettieri da circa 200 anni. "L'idea di avviare un'attività alimentare è sempre stata con me," ha detto, "ma non sapevo che sarebbe stata nel gelato. Mio padre mi ha messo in testa l'idea". 
 
Coassin ha incontrato e sposato un militare americano e si è trasferita con lui nel 1992 in California. L'anno successivo, si sono trasferiti a Seattle. "Mio padre pensava che la costa occidentale fosse un buon posto per una gelateria", ha detto. "La parte orientale del Veneto e del Friuli-Venezia Giulia, da dove provengo, è famosa per il gelato. È come Starbucks, una gelateria a ogni angolo". 
 
Anche se intrigata dall'idea, Coassin ha voluto studiarla meglio. Per tre anni e mezzo, ha approfondito sia il lato operativo, dall'apparecchiatura al marketing, sia il lato creativo dove ha imparato a sviluppare le proprie ricette. 
 
"Mio padre mi ha messo in contatto con alcuni dei migliori gelatai italiani", ha detto. "Uno di loro, Pino Scaringella, è oggi mio mentore. Da loro ho imparato la differenza tra fare gelato e sviluppare ricette. È questa conoscenza che a livello locale mi dà un vantaggio rispetto alla maggior parte di chiunque altro nel settore". 
 
Durante la fase di ricerca, Coassin ha viaggiato spesso in Italia, seguendo corsi, facendo apprendistato e sporcandosi letteralmente le mani. "Ho imparato ogni aspetto del business", ha detto. "Ho servito il gelato, ho pulito i tavoli, ho spazzato i pavimenti. Il fallimento non era un'opzione. Se dovevo investire anche i miei risparmi e il sostegno della mia famiglia, dovevo avere successo". 
 
Un giorno, Coassin vide una storia in tv su una piastrella da costruzione che si era schiantata sul marciapiede di sotto. Sebbene la struttura fosse seminascosta dalle impalcature, poteva vedere che l'edificio era ad angolo con finestre sui due lati, aveva un'esposizione sud-ovest e godeva di un ampio marciapiede perfetto per posti a sedere all'aperto. "Ho subito pensato: questo è il mio negozio! Aveva tutto quello di cui avevo bisogno”. 
 
Nel 1996, il centro di Seattle era ancora un po' turbolento verso i bordi. "Gelatiamo si trova in Third and Union, ma io l'ho chiamata Third and Hell (inferno, ndt) scherza Coassin. Non solo ha dovuto combattere con rivenditori di droga e siringhe sporche, ma anche con clienti che non avevano idea di cosa si stesse vendendo”. 
 
"La gente pensava che fosse un formaggio di crema prodotto per i bagel", ha detto Coassin. "Altri pensavano che avesse qualcosa a che fare con Jell-O. E’ stato un vero processo educativo". 
 
Fortunatamente, nel giro di pochi anni, sia il quartiere che il livello di educazione sono migliorati. Benaroya Hall, sede della Sinfonica di Seattle, ha aperto a un isolato di distanza e il ristorante di lusso Wild Ginger si è traferito dall'altra parte della strada. Oggi la zona è piena di negozi, ristoranti e molti clienti riconoscono un buon gelato quando ne gustano uno”. 
 
Ci sono 100 ricette nel repertorio di Gelatiamo, 16 sono preparate quotidianamente, ciascuna fatta fresca, da zero, in piccoli lotti. Coassin crea lei stessa ogni ricetta, usando i migliori ingredienti, come frutta di stagione, latte biologico e ingredienti speciali provenienti da tutto il mondo. 
 
Non sorprende che il cioccolato sia tra i più venduti, seguito da cocco e stracciatella. Anche se i sapori classici rimangono quelli popolari, Coassin continua a sperimentare nuove ricette. Ha usato lavanda locale, miele, rabarbaro, anche un goccio di mojito. Con la birreria di Pike Place, ha creato un gelato di cioccolato e stout, e con la birreria Elysian, ha fatto il Punkucchino, un gelato zucca, caffè e birra che è un gelato che piace molto in autunno. 
 
Gelatiamo offre anche torte, biscotti e dolci usando le ricette tradizionali tramandate dalla famiglia di panettieri Coassin. "Non c'è un altro negozio in città che offra la varietà di dessert che faccio io", ha detto Coassin. "Sono stata formata nella panetteria della mia famiglia e mi sono concentrata sulle ricette del nord d’Italia. Non ho cannoli o sfogliatelle come fanno in Sicilia. Quella non è la mia eredità". 
 
Il negozio vende torte gelato meravigliosamente decorate in una varietà di sapori e dimensioni, semifreddi e novità di gelato, come bon bon e gelato-pop. Il suo team di 24 persone è impegnato ogni giorno a creare prodotti sia per i clienti al dettaglio che per i clienti all'ingrosso. L'anno scorso ha acquisito un nuovo stabilimento di produzione nel sud di Seattle per ospitare le sue vendite commerciali in espansione, che costituiscono la metà della sua attività. 
 
Conoscere i propri ingredienti e mantenere quel perfetto equilibrio potrebbe essere la chiave per fare un ottimo gelato, ma per Coassin, essere in grado di portare un po' della sua città natale nel centro di Seattle rende tutto ancora più meritevole.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Venice Glass Week: breaking the mould in Murano

Wander the back streets of Murano and you can hear the roar of furnaces behind blind factory walls. The air trembles and there’s a perpetual orange...

Michelle Bufano: all fired up to bring glass art to the world

A semester abroad changed the very course of Michelle Bufano’s life. Bufano, executive director of Chihuly Garden and Glass in Seattle, was a science...

A Journey to Porto Ercole, Caravaggio's “Last Resort”

There is a place in southern Tuscany, just near the border with the Lazio region, to which vacationers, as well as art historians and culture lovers...

Partinico and Alcamo, Sicily: poetic path to Via Frank Zappa

Ironically enough, musical genius Frank Zappa and a 13th century poet, Cielo d’Alcamo, had some important things in common. These artists so vastly...

Searching for the origins of La Bella Lingua (Part I): Dante and Florence

It appears that modern Italy was unified by literature long before it existed as a single nation on the map. Although up to a century and a half ago...

Weekly in Italian

Recent Issues