Angela Alioto, her Love for Italy, and the ‘Cavaliere’ della Repubblica Italiana Decoration

Mrs Angela Alioto and Consul General Lorenzo Ortona during the ceremony

“When I first received the call from Lorenzo Ortona, I could not believe it. I was senza parole, I mean totally speechless.” As we kicked off the conversation, that’s the first thought that Angela Alioto shared with me about the honorific title as Cavaliere della Repubblica Italiana she received in June. The ceremony was hosted by the Consul General of Italy in San Francisco, Lorenzo Ortona, and welcomed Mrs Alioto family, which today includes her children and grandchildren. 
 
Angela Alioto, born in 1949, is the daughter of Joseph Alioto and Angelina Genaro Alioto. Her father served as the 36th Mayor of San Francisco from 1968 through 1976, during the city's most dynamic growth. Mrs. Alioto followed her father into both her legal and political careers: her father graduated magna cum laude in 1937 from St. Mary's College in Moraga, California, and was awarded a scholarship to law school at Catholic University in Washington, whereas Mrs Alioto graduated from the University of San Francisco School of Law in 1983.  
Mrs Angela Alioto celebrates the Cavaliere della Repubblica title with her five grand-children
The importance of Italian culture in Mrs. Alioto’s life came right from the family she belonged to and pushed her towards being an active part of the local community. “Angela Alioto is today one of the most prominent Italo-Americans in San Francisco,” Mr Ortona underlined. “She is very well known and appreciated for her commitment as a lawyer and a political activist in the field of human rights. Mrs Alioto has a very strong passion for Italy that she always promotes, at every occasion.” 
 
In 1988, she got elected to the San Francisco Board of Supervisors, reaching second place in a field of 24 candidates, and was reelected in November 1992, winning the election with nearly 150,000 votes and becoming Board President. 
 
“Her commitment for the Cavalieri di San Francesco of Assisi is a constant expression of her willingness to contribute to the presence of the Italian culture in the Bay Area” the Consul General reminded. “The honor of knight (Cavaliere) of the Italian Republic is given to her as an acknowledgement of her dedication to represent the Italian culture in the Bay Area and the fact that she is a model for the new Italian American generations.” 
 
Mrs. Alioto, how did you learn you were bestowed the prestigious decoration ‘Cavaliere'? 
That happened a few weeks ago, when the Consul General called to say he had received the announcement via email. Not only I was surprised, but I was also honored to hear such thing. I did not expect it, yet I was very excited. Because of the nature of my work, I talked publicly all the time, nevertheless I could not help but get very emotional and speechless at that moment. Italy has been and is a major part of my life, and this recognition means a lot to me. 
 
How did your attachment with Italy strengthen over time? 
My grandparents came from two families of Sicilian immigrants. My grandfather, Giuseppe, came to San Francisco from Palermo at the age of 9 and found work on fishing boats at the San Francisco Fisherman’s Wharf. My dad worked on his boats as a kid, before going to college,  where he enrolled in Law school, and eventually started his political and legal careers. Besides the strong connection with Italy, we spoke only a bit of Italian at home. Nevertheless, since I turned 15, every summer, I have been going back to Italy and eventually, in 1975, I bought a house in Fregene. Ten years ago, I also bought a little chapel in Trevi, in the Umbria region, where I can spend time praying while my grand-children play. Italy is literally my own paradise.  
 
What is your personal connection with the Italian community in San Francisco? 
When I was little, my family spent lots of time within the Italian community in North Beach, which was very large at that time. Also, while my grandparents did not speak English, my dad became Mayor of the city. I kept up his work and, when I got elected myself, I found that there were many ways to protect the Italian heritage. This is what I have done for forty years of my life: I made sure the Italian and also the Sicilian heritages were protected in the city of San Francisco. In 2005, thanks to a partnership with Cardinal William Levada, we built the Porziuncola Nuova, an exact replica of the original little chapel that Saint Francis himself built in Assisi. It was opened in September 2008. 
 
What does being a Cavaliere d’Italia mean for your family? 
My children and my grandchildren are all Italian citizens. My husband was from Padua, so they are 50% Padovani and 50% Sicilian. They were excited because they are proud Italian and consider it as an acknowledgement for the whole family. Let’s not forget that, in 2001, my daughter started La Piccola Scuola for my grand-daughter, Chiara Mia, when we realized there were no Italian speaking schools in San Francisco. 
 
Would you have any advice for future generations of Italian immigrants? 
I believe it is crucial to be a proud Italian and to be proud of being so. You can be Italian in any conversation, because everybody loves Italy and the Italians. Young people are still coming to San Francisco, but they need to keep in mind their roots so people around can understand and learn about  them. In my case, for instance, when I am with other people, they always talk about Italy even though I don’t say a single word about it. That’s because, in people’s mind, I do represent Italy in San Francisco. The new generations will need to keep up the good work of the previous ones: any intellectual, artistic, manual work will give the opportunity to make Italian culture flourish. The new generations have a big job now: to ensure that the Italian culture is spread in the Bay Area.
“Quando ho ricevuto la chiamata da Lorenzo Ortona, non potevo crederci. Sono rimasta senza parole, intendo totalmente senza parole”. Appena abbiamo iniziato la conversazione, questo è stato il primo pensiero che Angela Alioto ha condiviso con me sul titolo onorifico che ha ricevuto a giugno: Cavaliere della Repubblica Italiana. La cerimonia è stata ospitata dal Console Generale d'Italia a San Francisco Lorenzo Ortona e ha accolto la famiglia Alioto, che oggi include i suoi figli e nipoti. 
 
Angela Alioto, nata nel 1949, è figlia di Joseph Alioto e Angelina Genaro Alioto. Suo padre ha servito come 36° sindaco di San Francisco dal 1968 al 1976, durante la fase di crescita più dinamica della città. La signora Alioto ha seguito il padre in entrambe le sue carriere legale e politica: il padre si è laureato con lode nel 1937 presso il St. Mary's College di Moraga, California, e ha ricevuto una borsa di studio per la scuola di diritto presso l'Università Cattolica di Washington, mentre la signora Alioto si è laureata all'Università della San Francisco School of Law nel 1983. 
 
L’importanza della cultura italiana nella vita della signora Alioto è arrivata proprio dalla famiglia di cui fa parte e l’ha spinta a diventare parte attiva della comunità locale. "Angela Alioto è oggi uno dei più importanti italo-americani a San Francisco", ha sottolineato Ortona. "È molto conosciuta e apprezzata per il suo impegno come avvocato e come attivista politico nel campo dei diritti umani. La signora Alioto ha una passione molto forte per l'Italia che promuove sempre in ogni occasione". 
 
Nel 1988 è stata eletta nel consiglio di amministrazione di San Francisco dopo essersi piazzata al secondo posto su 24 candidati ed è stata nuovamente eletta nel novembre 1992, arrivando prima con circa 150.000 voti e diventando presidente del consiglio. 
 
"Il suo impegno per i Cavalieri di San Francesco di Assisi è una costante espressione della sua disponibilità a contribuire alla presenza della cultura italiana nella zona della Bay Area" ha ricordato il Console Generale. "L'onorificenza da Cavaliere della Repubblica italiana le è stata data come riconoscimento per la sua dedizione a rappresentare la cultura italiana nella zona della Bay Area e per il fatto che lei è un modello per le nuove generazioni italo-americane". 
 
Signora Alioto, come ha appreso che le era stata assegnata la prestigiosa onoreficienza di 'Cavaliere'? 
E’ accaduto poche settimane fa, quando il Console Generale ha chiamato per dire di aver ricevuto l'annuncio via email. Non solo ne sono rimasta sorpresa, ma sono stata anche onorata di sentirlo. Non me lo aspettavo, ma ne sono stata molto entusiasta. Per la natura del mio lavoro, parlo in pubblico tutto il tempo, non ho tuttavia potuto evitare di emozionarmi e di restare senza parole in quel momento. L'Italia è stata e continua a rappresentare una parte importante della mia vita, e questo riconoscimento significa molto per me. 
 
Come si è rafforzato nel tempo l'attaccamento all’ Italia? 
I miei nonni provenivano da due famiglie di immigrati siciliani. Mio nonno, Giuseppe, è venuto a San Francisco da Palermo all'età di 9 anni e ha trovato lavoro sulle barche da pesca del Fisherman's Wharf di San Francisco.  
 
Mio padre ha lavorato sulle sue barche da bambino, prima di andare al college, iscriversi alla scuola di diritto e iniziare poi le sue carriere politica e legale. Oltre alla forte connessione con l'Italia, abbiamo parlato solo un po’ di italiano a casa. Tuttavia, da quando ho compiuto 15 anni, ogni estate, sono tornata in Italia e alla fine, nel 1975, ho comprato una casa a Fregene. Dieci anni fa ho anche acquistato una piccola cappella a Trevi, nella regione Umbria, dove posso trascorrere il tempo a pregare mentre i miei nipotini giocano. L'Italia è letteralmente il mio paradiso. 
 
Qual è il suo legame personale con la comunità italiana di San Francisco? 
Quando ero piccola, la mia famiglia passava molto tempo all'interno della comunità italiana di North Beach, che era molto grande a quel tempo. Inoltre, mentre i miei nonni non parlavano inglese, mio ​​padre è diventato sindaco della città. Ho portato avanti il suo lavoro e, quando sono stata eletta io, ho scoperto che esistevano molti modi per proteggere anche il patrimonio italiano. Questo è ciò che ho fatto per quarant'anni della mia vita: ho assicurato che le eredità italiane e anche siciliane fossero protette nella città di San Francisco. Nel 2005, grazie a una collaborazione con il cardinale William Levada, abbiamo costruito la Porziuncola Nuova, un'esatta replica della piccola cappella originale che San Francesco stesso costruì ad Assisi. È stata inaugurata nel settembre 2008. 
 
Cosa significa essere Cavaliere d'Italia per la sua famiglia? 
I miei figli e i miei nipoti sono tutti cittadini italiani. Mio marito era di Padova, quindi sono al 50% padovani e al 50% siciliani. Sono stati eccitati perché sono orgogliosi di essere italiani e lo considerano come un riconoscimento a tutta la famiglia. Non dimentichiamo che nel 2001 mia figlia ha avviato La Piccola Scuola per la mia nipotina Chiara Mia, quando ci siamo resi conto che non c'erano scuole di lingua italiana a San Francisco. 
 
Ha qualche consiglio per le generazioni future di immigrati italiani? 
Credo sia fondamentale essere un italiano orgoglioso ed essere orgogliosi di essere così. Puoi essere italiano in tutte le conversazioni, perché tutti amano l'Italia e gli italiani. I giovani stanno ancora arrivando a San Francisco, ma hanno bisogno di tenere a mente le loro radici in modo che le persone attorno a loro possano capirle e apprenderle.  
 
Nel mio caso, per esempio, quando sono con altre persone, parliamo sempre dell'Italia, anche se non dico una sola parola su di essa. Perché, per la gente, rappresento l'Italia a San Francisco. Le nuove generazioni avranno bisogno di portare avanti il buon lavoro fatto da chi è venuto prima: ogni lavoro intellettuale, artistico e manuale darà l'opportunità di far crescere la cultura italiana. Le nuove generazioni hanno un grande lavoro adesso: garantire che la cultura italiana sia diffusa nella Bay Area.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Salento by 5, a memoir of traditions, stories, history, and recipes from Italy’s heel

Three local Italians and two American travelers, the love for the same land, Salento, and a great passion for travel and culture. Salento by 5 is...

The Art & Landscape Architecture of Robert La Rocca

The journey from Sicily to California was an opportune one for many Italians immigrating from “the old country.” Landscape architect and artist,...

Vivere all’Italiana – Casa Castiglioni

“There has to be irony, both in design and in the objects. I see around me a professional disease of taking everything too seriously. One of my...
Street painting in North Beach. Courtesy of Steve Restivo Event Services

Italian Summer - San Francisco Celebrates Italia in June

In the month of June, Italy’s Republic Day, the historic Statuto Race, and the 63rd annual North Beach Festival are celebrated as only San Francisco...

Foundation of the Etruscan City – The Example of Bologna

When we think of where all roads lead, we might think of Rome. There are, of course, any number of other outstanding città in Italy and one of those...

Weekly in Italian

Recent Issues