Il Made in Italy agroalimentare conferma la sua leadership negli Usa

Il Made in Italy agroalimentare conferma la sua leadership negli Usa

Il Made in Italy agroalimentare conferma la sua leadership negli Usa supportato dai forti investimenti pubblici per la promozione nel mercato a Stelle e Strisce. È questa la fotografia che emerge dal Summer Fancy Food di New York
Senz’altro il più grande evento commerciale dedicato alle specialità alimentari negli USA, al Summer Fancy Food l’Agenzia ICE partecipa in collaborazione con Federalimentare, Cibus, Tuttofood e Vinitaly, proseguendo la partnership con Specialty Food Association e Universal Marketing.

Il Padiglione Italiano, tradizionalmente il più ampio dell’area internazionale, ha ospitato oltre 300 aziende (12% del totale espositori) che fino ad oggi presenteranno l’intera gamma del Made in Italy agroalimentare sotto l'ombrello del segno distintivo "The Extraordinary Italian Taste", che contraddistingue le attività di promozione dei prodotti autentici italiani nel mondo.

Nel 2016 – riporta l’Ice – l’export Italiano di prodotti agroalimentari e bevande negli USA è cresciuto del +4% in valore rispetto al 2015, anno in cui il nostro export aveva già fatto registrare un lusinghiero incremento del 22%. Con 4.55 miliardi di USD di vendite, pari ad una quota di mercato del 3.3%, l’Italia si conferma la prima posizione di fornitore per vino, olio d’oliva, pasta e formaggio, la terza per i prodotti da forno e la quinta per i salumi.
L’attività degll’Agenzia ICE negli USA, grazie all’impulso del Ministero dello Sviluppo Economico, è focalizzata dal 2015 nella realizzazione del più grande programma di promozione mai realizzato all’estero.
Questo programma include un Piano di comunicazione diretto al consumatore americano, per sviluppare la conoscenza e la capacità di riconoscere i prodotti autentici italiani. 

Il primo anno della campagna “Buy Authentic Italian. Get More” ha totalizzato circa un miliardo di impressions e proprio in queste settimane è in corso un piano di comunicazione specifico dedicato ai prodotti DOP, IGP e biologici in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Una nuova campagna partirà nella seconda metà del 2017.

Ci sono poi gli accordi con retailers - per un totale di 12 promozioni che hanno coinvolto 1.549 aziende italiane e inserito negli scaffali 368 nuovi fornitori – e le missioni di incoming alle principali fiere in Italia, in collaborazione con Cibus, Tuttofood, Sana e Vinitaly. Dal 2015 ad oggi sono stati inviati oltre 300 operatori e giornalisti americani in Italia. L’Ice ha poi coordinato la presenza italiana alle manifestazioni fieristiche Winter e Summer Fancy Food (a San Francisco e New York) e PLMA di Chicago dedicata al private label.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Vino italiano, status symbol amato negli Usa

Vino italiano, status symbol amato negli Usa

Consumatori maturi in un mercato ancora per nulla maturo. È la dicotomia che emerge dall’ indagine Vinitaly-Nomisma Wine Monitor realizzata su...
Nuovi mercati per le aziende abruzzesi del settore enogastronomico

Nuovi mercati per le aziende abruzzesi del settore enogastronomico

Si aprono nuovi mercati per le aziende abruzzesi del settore enogastronomico. La due giorni del Piano export Sud II organizzata da Ice Agenzia,...
Quali sono i vini italiani più acquistati in Usa nella grande distribuzione?

Quali sono i vini italiani più acquistati in Usa nella grande distribuzione?

Quali sono i criteri utilizzati per la scelta del vino dai consumatori che lo acquistano nei supermercati? Prima di tutto formato, colore e...
L'export dei prodotti agroalimentari italiani negli Stati Uniti nel 2017 ha raggiunto quota 4 miliardi di euro (+5% su 2016)

L'export dei prodotti agroalimentari italiani negli Stati Uniti nel 2017 ha raggiunto quota 4 miliardi di euro (+5% su 2016)

Nell'ambito delle attività a supporto dei processi di internazionalizzazione delle cooperative associate , l'Ufficio per le Politiche di...
Ancora un anno difficile per l’artigianato italiano

Ancora un anno difficile per l’artigianato italiano

Ancora un anno difficile per l’artigianato italiano , seppure con qualche luce all’orizzonte. Sebbene anche il 2017 – come gli otto anni precedenti...

Weekly in Italian

Recent Issues