Siena si prende cura delle opere di Norcia ‘ferita’

Siena si prende cura delle opere di Norcia ‘ferita’
La speranza rinasce dai capolavori della città di San Benedetto in mostra nella Cripta sotto il Duomo e nel Complesso Museale Santa Maria della Scala fino al 29 ottobre 2017.
 
La Basilica di San Benedetto, la Concattedrale di Santa Maria Argentea e tutte le chiese della città e dintorni sono state distrutte lo scorso ottobre quando una scossa sismica ha colpito nuovamente, dopo quella del 24 agosto, Norcia e il territorio circostante. A seguito del terremoto, si è  provveduto alla messa in sicurezza delle opere d’arte del territorio.
 
Alcuni di questi capolavori, ricoverati nei depositi, sono ora ostra a Siena, nella Cripta sotto il Duomo, fino al  29 ottobre 2017 per raccontare la “ferita” subita dal patrimonio culturale della zona di Norcia. L’allestimento prevede un itinerario attraverso i capolavori prima custoditi all’interno di basiliche, santuari e pievi del territorio. Una serie di video, concessi dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, emateriali fotografici di fotoreporter locali permettono inoltre la visione delle fasi di recupero delle opere dopo il terremoto.Il progetto consente la presentazione del territorio di Norcia e delle sue opere a un pubblico vasto che ogni giorno raggiunge la città di Siena, facendo conoscere al turismo internazionale la drammatica realtà delle zone terremotate, ma anche il forte orgoglio civico del popolo che le abita. 
 
I promotori e gli organizzatori hanno destinato un contributo economico all’Archidiocesi di Spoleto-Norcia per le fasi di restauro e ricostruzione. Anche Siena è stata colpita da una serie di terremoti tra il 1466 ed il 1467, ma Norcia e Siena sono unite soprattutto da forti motivazioni spirituali: Norcia è la città natale di San Benedetto, fondatore dell’ordine dei benedettini, e Siena ha dato i natali a San Bernardo Tolomei, fondatore della congregazione benedettina di Santa Maria di Monte Oliveto.
 
Siena si prende cura delle opere di Norcia ‘ferita’

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Come una sirena d'alta quota, tra le inimitabili Dolomiti Nessuno sa resistere al richiamo di Cortina d'Ampezzo

Come una sirena d'alta quota, tra le inimitabili Dolomiti Nessuno sa resistere al richiamo di Cortina d'Ampezzo

Cultura montana. Boutique alla moda. Invoglianti pasticcerie. Crocevia culturale. Tradizione e fashion. Mosaico di antico e moderno. E poi ovviamente...
Salvare il tram di Trieste, nato una trentina di anni dopo il Cable Car di San Francisco

Salvare il tram di Trieste, nato una trentina di anni dopo il Cable Car di San Francisco

Cosa succederebbe se il cable car di San Francisco, che dal mare sale su nella parte alta della città rivelando uno splendido affaccio sulla baia,...
A Montorio nei Frentani il Campionato del Mondo di organetto e fisarmonica diatonica

A Montorio nei Frentani il Campionato del Mondo di organetto e fisarmonica diatonica

Il borgo di Montorio nei Frentani, in provincia di Campobasso, sa trasformarsi da uno scrigno antico a sensazionale palcoscenico mondiale dedicato...
Da Malibù ad Ascoli Satriano: i monumentali Grifoni  svelano la preziosità di Herdonia e dell’antica Daunia

Da Malibù ad Ascoli Satriano: i monumentali Grifoni svelano la preziosità di Herdonia e dell’antica Daunia

È un'esperienza affascinante percorrere le strade dell'antica Daunia, territorio che corrisponde oggi alla provincia di Foggia, in Puglia,...
Oggi è un prestigioso albergo di lusso ma la storia di Villa d’Este a Como è rinascimentale

Oggi è un prestigioso albergo di lusso ma la storia di Villa d’Este a Como è rinascimentale

Vi era un tempo in cui la bellissima cittadina di Cernobbio, a nord-ovest di Como, abitata solo da pescatori, era un territorio romano. In seguito...

Weekly in Italian

Recent Issues