Siena si prende cura delle opere di Norcia ‘ferita’

Siena si prende cura delle opere di Norcia ‘ferita’
La speranza rinasce dai capolavori della città di San Benedetto in mostra nella Cripta sotto il Duomo e nel Complesso Museale Santa Maria della Scala fino al 29 ottobre 2017.
 
La Basilica di San Benedetto, la Concattedrale di Santa Maria Argentea e tutte le chiese della città e dintorni sono state distrutte lo scorso ottobre quando una scossa sismica ha colpito nuovamente, dopo quella del 24 agosto, Norcia e il territorio circostante. A seguito del terremoto, si è  provveduto alla messa in sicurezza delle opere d’arte del territorio.
 
Alcuni di questi capolavori, ricoverati nei depositi, sono ora ostra a Siena, nella Cripta sotto il Duomo, fino al  29 ottobre 2017 per raccontare la “ferita” subita dal patrimonio culturale della zona di Norcia. L’allestimento prevede un itinerario attraverso i capolavori prima custoditi all’interno di basiliche, santuari e pievi del territorio. Una serie di video, concessi dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, emateriali fotografici di fotoreporter locali permettono inoltre la visione delle fasi di recupero delle opere dopo il terremoto.Il progetto consente la presentazione del territorio di Norcia e delle sue opere a un pubblico vasto che ogni giorno raggiunge la città di Siena, facendo conoscere al turismo internazionale la drammatica realtà delle zone terremotate, ma anche il forte orgoglio civico del popolo che le abita. 
 
I promotori e gli organizzatori hanno destinato un contributo economico all’Archidiocesi di Spoleto-Norcia per le fasi di restauro e ricostruzione. Anche Siena è stata colpita da una serie di terremoti tra il 1466 ed il 1467, ma Norcia e Siena sono unite soprattutto da forti motivazioni spirituali: Norcia è la città natale di San Benedetto, fondatore dell’ordine dei benedettini, e Siena ha dato i natali a San Bernardo Tolomei, fondatore della congregazione benedettina di Santa Maria di Monte Oliveto.
 
Siena si prende cura delle opere di Norcia ‘ferita’

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

In Molise alla ricerca dell’identità locale che Montorio dei Frentani nasconde nel suo nome

In Molise alla ricerca dell’identità locale che Montorio dei Frentani nasconde nel suo nome

Lo stemma, che rappresenta uno scudo sul quale campeggiano tre colli, e su quello di mezzo una stella, fa la sua prima apparizione in un documento...
Sulle orme poetiche di Carducci, primo Nobel italiano alla letteratura, tra Castagneto e Bolgheri

Sulle orme poetiche di Carducci, primo Nobel italiano alla letteratura, tra Castagneto e Bolgheri

La Toscana è una regione di fama internazionale che sa offrire al visitatore paesaggi di campagna fuori dal tempo, gettonate località di mare adatte...
A dorso di asinello per ammirare Ischia dall’alto prima di tuffarsi nel relax delle terme

A dorso di asinello per ammirare Ischia dall’alto prima di tuffarsi nel relax delle terme

La primavera si sente nell’aria, porta con sé la voglia di uscire e ritrovare il contatto con sole e natura. Con le temperature che diventano più...
A Pietrapertosa e Accettura per le Nozze del Maggio lucano

A Pietrapertosa e Accettura per le Nozze del Maggio lucano

Calanchi decorati di giallo da cespugli di ginestre e una rigogliosa vegetazione fluviale accompagnano la discesa in questa valle, ora stretta e ora...
Lo skyline abruzzese riavrà la Torre medicea di Santo Stefano di Sessanio, a 8 anni dal sisma

Lo skyline abruzzese riavrà la Torre medicea di Santo Stefano di Sessanio, a 8 anni dal sisma

Dalla sua sommità lo sguardo si apre sulle valli del Tirino e dell’Aterno e si spinge sino alla catena del Sirente e della Maiella: la possente Torre...

Weekly in Italian

Recent Issues